“Perché, da iraniana, ho sofferto nel vedere il velo sul palco delle sardine”

Ottimo articolo su Micromega, 19 Dicembre 2019 dc:

“Perché, da iraniana, ho sofferto nel vedere il velo sul palco delle sardine”

“Perché gran parte di voi femministe e persone di sinistra date sempre la parola solo alle donne musulmane col velo? Perché non date mai voce a tutte quelle donne che ogni giorno lottano per toglierselo il velo, in Italia e nel mondo?”. L’accorato appello di una donna iraniana che vive in Italia e che afferma: “Se volete chiamarmi islamofoba avete il mio permesso, perché io ho una vera fobia dell’islam. L’islam mi ha fatto sempre male. Sia quando vivevo in Iran, sia adesso che sono qui in Italia”.
di Atussa Tabrizi

Mi chiamo Atussa, sono una donna, sono iraniana e sono atea.

Quello che ho visto una settimana fa sul palco delle sardine a Roma mi ha fatto male, come quando in Iran sono stata arrestata dalla polizia morale perché non ero vestita adeguatamente (avevo una sciarpa sui capelli).

Non sono sicura se le sardine hanno intenzione di lottare per la laicità o vogliono solo andare contro il razzismo di persone come Meloni e Salvini, ma chiaramente non hanno nessuna idea di cosa sia la laicità dello Stato. Vanno contro croci e madonne di Salvini e Meloni con il velo e con pensieri oscurantisti.

Il velo per me, in quanto donna iraniana, è simbolo di oppressione, simbolo del male.

Non so cosa pensavano le sardine quando hanno deciso di presentare Nibras Asfa come un simbolo di laicità contro Meloni e Salvini, ma chiedo loro se non potevano dare voce a un’altra donna. Una donna – italiana o straniera – che crede nella laicità e nella libertà delle donne.

Se voi, sardine, come la maggior parte delle persone di sinistra e delle femministe italiane, pensate davvero che sostenere una donna col velo significa sostenere la sua libertà, state sbagliando.

È vero che ci sono persone come Meloni e Salvini che non vedono bene le donne con il velo, ed è vero che le donne con il velo vengono disturbate per strada nei Paesi occidentali, ma non dobbiamo e non dovete dimenticare che nei Paesi musulmani le donne che decidono di mettere il velo sono la minoranza, se non proprio inesistenti.

La maggioranza delle donne sono obbligate a metterlo, e non appena ne hanno l’occasione se lo tolgono.

Guardate il mio Paese per esempio, guardate come le donne tolgono il velo sapendo che saranno arrestate e condannate al carcere o anche peggio.

Guardate le donne in Arabia Saudita che con quella piccola, finta libertà che hanno ottenuto ultimamente la prima cosa che fanno è togliere il velo.

Guardate le donne come Ayan Hirsi Ali. Perché la maggior parte di voi femministe e di sinistra non parla mai di queste donne ma invece sempre, dico SEMPRE, delle donne musulmane col velo. Perché non date mai voce a una donna di origine straniera contro il velo e contro l’islam? Perché non sostenete mai queste persone?

Sicuramente andare contro il cristianesimo di Salvini e Meloni scegliendo l’islam è la scelta più sbagliata. Non si può lottare per la laicità presentando una donna musulmana, come non si può farlo con una suora cristiana. Se volete andare avanti a lottare contro i pensieri oscurantisti di Salvini e Meloni, l’islam non è la scelta giusta.

donne musulmane che credono nella laicità e vogliono cambiare qualcosa per le donne dovrebbero sostenere le donne che lottano per la libertà in Paesi come Arabia Saudita, Iran, Indonesia.

E invece spesso le donne che non mettono il velo sono considerate contro l’islam, blasfeme, non modeste e addirittura prostitute. E chi critica l’islam è considerato islamofobo e razzista.

La parola islamofobia è stata inventata dai musulmani con il supporto di una grande parte delle persone di sinistra per collegare subito qualsiasi tipo di critica contro l’islam al razzismo.

Mentre, come sappiamo, essere musulmano non è una caratteristica di un gruppo di persone legata a una “razza”.

Se volete chiamarmi islamofoba avete il mio permesso, perché io veramente ho una fobia dell’islam, perché l’islam mi ha fatto sempre male. Sia quando vivevo in Iran, sia adesso che sono qui in Italia.

Peggio di tutto questo è presentare tutte le donne immigrate come donne simili a Nibras Asfa, mentre anche qui in Italia tante donne immigrate soffrono e lottano per la loro libertà fuori dalla gabbia dell’islam e del velo.

Mie care sardine, se volete fare i veri rivoluzionari, se volete cambiare qualcosa, non dovete dare precedenza alle donne col velo, ma esattamente al contrario dovete dare spazio alle donne che lottano per i loro diritti, nei Paesi in cui anche lottare per un proprio diritto è punibile, e dovete imparare da loro come si lotta contro qualsiasi tipo di oscurantismo.

Voglio concludere ripetendo quello che ho detto all’inizio: mi chiamo Atussa, sono orgogliosamente una donna, sono iraniana, sono atea e sono orgogliosamente contro l’islam e il velo.

 

Congresso mondiale delle famiglie: il Circo Barnum del regresso

Da MicroMega 25 Marzo 2019 dc:

Congresso mondiale delle famiglie: il Circo Barnum del regresso

di Adele Orioli

Si scrive Congresso mondiale delle famiglie si legge intolleranza e inciviltà. Molti occhi sono puntati su Verona dove per il prossimo fine settimana si terrà un apparentemente innocuo consesso dall’altrettanto apparentemente rassicurante titolo di Congresso mondiale delle famiglie, organizzato annualmente in varie parti del globo dall’Organizzazione mondiale per la famiglia (IOF), lobby cristiana statunitense sorta con il dichiarato scopo di “unire e dotare i leader di tutto il mondo di strumenti per promuovere la famiglia naturale come sola unità stabile e fondamentale della società”.

Dove per famiglia naturale, casomai ci fossero dubbi, è da intendersi esclusivamente “l’unione di un uomo e una donna in un’alleanza permanente suggellata col matrimonio” e dalla quale deriva evidentemente la netta condanna di tutto ciò che non ne sia pienamente conforme.

D’altronde la stessa nascita dell’Iof, consacrata a Praga nel 1997 con la prima edizione di questo Congresso, prometteva male: da una sinergia tra il white nationalism americano e il suo omologo russo, in particolare dalle prime elaborazioni di Allan Carlson, reganiano di ferro, Anatoly Antonov e Viktor Medkov che identificano nella rivoluzione sessuale e femminista la causa della crisi demografica occidentale, evidentemente non sono nati diamanti.

Le donne (bianche) non sono più le incubatrici di una volta, urge correre ai ripari e riunire sotto la stessa egida quante più lobbies e quanto più conservatrici (ultrà conservatori, per usare la definizione di Ulrika Karlsson, del Forum parlamentare europeo sulla popolazione e lo sviluppo) possibili. Detto fatto, e anche se con qualche interruzione e qualche battuta di arresto, grazie anche a ingenti donazioni, si mormora filogovernative russe, il Wfc è pronto a sfoderare la sua pletora di oscurantismi questa volta in salsa scaligera.

Va detto che per quanto la preminenza resti al fondamentalismo cristiano, spinte probabilmente dall’adagio del “il nemico del mio nemico è mio amico”, anche retrograde componenti di religione ebraica e islamica si sono man mano aggiunte al consesso, affinando le armi non solo propriamente retoriche contro tutto ciò che non sembra, o peggio che non vuole, corrispondere a una rigida visione omofoba, sessista e patriarcale dei rapporti socio affettivi. Iniziative brillanti come il pieno appoggio alla legge russa sulla propaganda gay del 2013 (più correttamente, Legge per lo scopo di proteggere i bambini dalle informazioni che promuovono la negazione dei valori tradizionali della famiglia) o della criminalizzazione dell’omosessualità in Uganda hanno fatto guadagnare al Wfc l’inserimento nella lista dei gruppi d’odio da parte delle maggiori associazioni a tutela dei diritti umani e lgbtq.

D’altronde basta buttare un veloce sguardo agli ospiti internazionali attesi dalla città di Giulietta per capire come tiri una brutta, bruttissima aria, e come il vento del cambiamento, per citare lo slogan scelto dallo stesso Wfc sia in realtà un miasma oscurantista e aberrante nella sua tranquilla sfacciataggine negazionista dei diritti umani.

Si va dal patriarca ortodosso Dimitri Smirnov (“chi sostiene l’aborto è un cannibale” e “l’omosessualità è contagiosa come la peste” tra i suoi aforismi migliori) a Igor Dodov, quel presidente della Moldavia che per festeggiare la suprema carica ha pensato bene di chiosare con un “Non ho mai promesso di essere il presidente degli omosessuali, avrebbero dovuto eleggere il loro presidente”. Dalla croata Zeljka Markic, promotrice del referendum che ha escluso nel suo Paese il matrimonio samesex e che preferirebbe dare un figlio ad un orfanotrofio piuttosto che a una coppia omosessuale, alla nigeriana Theresa Okafor che considera il preservativo “una trappola, esportata in Africa per soffocare la vita”.

Dalla parlamentare ugandese che sostiene la pena di morte per il reato di omosessualità allo stesso fondatore Carlson, che ringrazia i partecipanti “a questa crociata morale e sociale”, fino al presidente del Iof, Brian Brown, accanito sostenitore delle terapie riparative o di conversione.

Il Gotha del fondamentalismo integralista religioso, il Circo Barnum del regresso.

Ma ancora non si è detto delle illustri presenze nostrane. In prima fila la proctologa Silvana de Mari, quella che ritiene il sesso anale rito iniziatico al satanismo e che è stata condannata per diffamazione aggravata e continuata a mezzo stampa delle persone Lgbti. Non ultimo, il portavoce di Pro Vita, Alessandro Fiore casualmente figlio di quel Roberto leader di Forza Nuova.

Ma, soprattutto, gli esponenti istituzionali. E qui è uno dei veri nodi del problema, perché il Wfc è un problema. È lecito per uno Stato che si dice democratico, che si suppone laico o quantomeno pluralista, appoggiare istituzionalmente un gruppo che nega il diritto all’aborto e in generale all’autodeterminazione sessuale e riproduttiva, che fomenta l’odio, che pratica l’omofobia, che finanzia falsi studi per dimostrare la correlazione tra matrimonio egualitario e pedofilia o tra aborto e cancro al seno, che considera l’emancipazione femminile un danno sociale?

No, ovviamente. A meno che il suddetto Stato non sia il nostro.

E allora schieràti fra gli ospiti abbiamo il ministro dell’Interno Salvini, il ministro della famiglia rigorosamente al singolare Fontana, il ministro dell’Istruzione Bussetti.

E ormai quasi poco importa il ridicolo balletto dei patrocini: revocato ufficialmente quello della Presidenza del Consiglio, dopo peraltro migliaia di firme raccolte dalla petizione lanciata da All out e un coro non indifferente di polemiche, rimane quello del ministro senza portafoglio Fontana, quello della Regione Veneto, quello della Provincia di Verona e, in impulso di solidarietà, quello della regione Friuli Venezia Giulia (che, come ironicamente commentato sul web, d’ora in poi si chiamerà solo Friuli Venezia che in omaggio ai principi del Wfc Giulia è rimasta a casa a lavare i piatti).

Poco importa il pallido tentativo di smarcamento della componente gialla del governo bicolor, anche se va sottolineato che fra organizzatori e ospiti stiamo parlando di persone direttamente responsabili della severa negazione di diritti altrui, di discriminazioni e in taluni casi di vere e proprie persecuzioni. Un po’ troppo, per dei semplici sfigati come sostiene che siano un sottovalutante Di Maio.

Una passerella grondante odio e anche letteralmente sangue: nel mondo, più di dieci i Paesi che puniscono con la morte la blasfemia, un terzo del totale considera a vario titolo l’omosessualità un reato.

Persino la Chiesa Cattolica, dotata di un ottimo livello di equilibrio egoista, si è smarcata, a suo modo, dal Wfc tramite il segretario di stato vaticano Parolin, peraltro ospite della passata edizione. Preoccupati, dicono, dal rischio dell’uso strumentale di valori per obiettivi politici, condividono la sostanza ma non il metodo. E sulla sostanza, come smentirli? D’altronde tra un cannibale abortivo o un sicario alla Bergoglio tanta differenza non sembra in effetti passare. Sul metodo, diamo atto alle gerarchie ecclesiastiche, pontefice massimo in testa, di avere un utilizzo decisamente più raffinato della metafora e della parafrasi.

Tutto qui? No, per fortuna no. Perché c’è anche un’altra Verona e un’altra Italia. E per la prima volta al Wfc si opporrà una vera e propria sinergia di piazza tra associazioni e movimenti nazionali e internazionali, quell’insieme di società civile che l’oscurantismo non lo avalla e non lo accetta, che guarda avanti e non indietro, che è pronta per il rispetto e il riconoscimento delle differenze, che “naturale” considera l’autodeterminazione e non dogmi retrivi o visioni patriarcali della società.

L’Uaar e l’IPPFEN (International Planned Parenthood European Network) in collaborazione con Rebel Network insieme a una vastissima rete di associazioni e movimenti hanno organizzato un convegno per il 30 marzo, presso l’Accademia dell’agricoltura, lettere e scienze, uno spazio di riflessione comune che porterà poi al corteo previsto nel pomeriggio e organizzato dal collettivo femminista Nudm (Non Una Di Meno).

Ora più che mai è necessario coagulare le forze contro questo tornado oscurantista che seriamente rischia di minare diritti conquistati con fatica nel corso di anni se non secoli e diritti ancora lontani dall’essere pienamente riconosciuti e tutelati. Perché saremo anche a Verona, ma non restiamo al balcone.

La famiglia innaturale (e gli equivoci del relativismo)

Da Hic Rhodus 24 Febbraio 2017 dc:

La famiglia innaturale (e gli equivoci del relativismo)

di Bezzicante

In questo post intendo precisare concetti importanti che ho trattato molte volte in maniera troppo essenziale (tutto sommato questo è solo un blog!). Prima di tutto parlerò di famiglia “naturale”, un concetto sciocco e sbagliato di cui si riempie la bocca la destra ottusa e la religione dogmatica. E probabilmente moltissimi altri semplicemente poco informati e radicati in pre-concetti senza basi scientifiche assunti come a priori per tradizione, comodità, artificio retorico e via discorrendo. Dovrò poi precisare qualcosa sul relativismo culturale, per ragioni che diverranno chiare leggendo. Il mio punto di vista è piuttosto noto ai lettori di HR per averlo esposto non poche volte:

Sulla famiglia rimando a La morte della famiglia, dove confrontavo la morale familiare della dottrina cattolica con la realtà sociologica che mostra famiglie problematiche, separate o addirittura violente (ora invece assumeremo una prospettiva antropologica che là mancava).

Del relativismo, oltre a utilizzarne il concetto qua e là, ho parlato specificatamente in Verità e relativismo a partire sostanzialmente dall’impossibilità di stabilire una verità assoluta. Il ‘relativismo’ era quindi inteso in forma minore, limitata, come antagonista positiva di una verità pretesa ma raggiunta solo come forzatura. Ora invece chiarirò meglio il concetto mostrandone dei necessari vincoli.

Perché abbia scritto un post unico dove trattare due questioni così importanti nasce casualmente dal coincidere di due fatti:

relativasdfghj4567

Vi prego di non considerare il merito della questione posta dalla commentatrice, non ha importanza se siete d’accordo o no sulla questione figli; mi ha colpito l’accusa di relativismo cieco, di relativismo demagogico, che potrebbe finire coll’accettare qualunque cosa, anche sbagliata. Sbagliata; da che punto di vista? Ecco il nesso fra tutte le questioni poste fin qui a premessa: accetto qualunque forma di famiglia perché non esiste quella “naturale”, ma condanno l’infibulazione perché violentemente contraria ai principi della società in cui vivo. C’è una (apparente) contraddizione, e la devo sciogliere.

Partiamo dall’aggettivo naturale riferito alla famiglia. |Naturale| ha varie sfumature di significato, da “secondo natura” (chiamiamolo significato duro) a “spontaneo, non affettato” (significato morbido). Ebbene l’idea di una famiglia naturale di un uomo più una donna che hanno figli non ha giustificazione in alcuno dei due significati estremi segnalati. Neppure il primo, che può apparire il più ovvio e indiscutibile, per la semplice ragione che la famiglia è un concetto sociale, e non biologico. Ovvio quindi che per riprodursi serva lo spermatozoo maschile e l’ovulo femminile, come in tutti i mammiferi (e non solo) alla cui classe appartiene anche l’umanità, ma questo fatto biologico ha conseguenze sociali differenti nelle varie specie e, nell’uomo, differenze sociali e culturali differenti nel tempo e nello spazio. I lupi sono solitamente monogami per tutta la vita come molti altri animali di classi differenti; ma sono minoranze perché nel regno animale è assai più diffusa la poligamia, generalmente maschile ma a volte anche femminile (fonte). Alla natura non importa un fico secco degli eventuali drammi sentimentali degli individui di ciascuna specie; le interessa che siano messe in atto strategie riproduttive efficaci, che sono diverse a secondo delle abilità delle specie, delle condizioni naturali in cui vivono, dei vincoli biologici che hanno. La strategia riproduttiva della specie umana è simile a quella dei lupi: vivere in branco, accoppiarsi e dividersi il lavoro sociale: la donna partorisce, ha scarsa mobilità e quindi raccoglie cibo e alleva piccoli animali; l’uomo difende la femmina e la prole e va a caccia. Il gruppo si sostiene e difende i suoi membri.

Questa è la parte “naturale”, oltre la quale, e anzi sopra la quale, si sono eretti millenni di cultura, che è ciò che ci differenzia dalle altre specie (anche se elementi rudimentali che si potrebbero definire culturali sono stati registrati in alcuni mammiferi superiori). Il fatto di accoppiarsi per riprodursi non costituisce una “famiglia” ma risponde solo a necessità biologiche. Tant’è vero che ci sono molte ipotesi su cosa e come sia accaduto che da pura ricerca della femmina per copulare e riprodursi, la specie umana degli albori sia giunta a costruire un’elaborata sovrastruttura culturale, quindi simbolica, che nel caso in questione riguarda le parentele, inclusi i suoi obblighi e divieti (per esempio il divieto dell’incesto), mentre in altri ambiti riguarda religione, arte, linguaggio, manifattura e miriadi di altri comportamenti, ciascuno dei quali soggetto a norme, credenze, riti. Prendete il lemma ‘famiglia’ nell’Enciclopedia Treccani e vedrete che la definizione recita:

Istituzione fondamentale in ogni società umana, attraverso la quale la società stessa si riproduce e perpetua, sia sul piano biologico, sia su quello culturale. Le funzioni proprie della f. comprendono il soddisfacimento degli istinti sessuali e dell’affettività, la procreazione, l’allevamento, l’educazione e la socializzazione dei figli, la produzione e il consumo dei beni. Tuttavia, malgrado la sua universalità, la f. assume nei diversi contesti sociali e culturali una straordinaria varietà di forme, sì da rendere problematico individuare un tratto distintivo che la caratterizzi in ogni circostanza [evidenze mie].

Il fatto che la famiglia intesa come uomo + donna + loro figli sia la più diffusa ha ovviamente un significato non trascurabile, ma tale significato affonda nella storia dell’evoluzione della specie umana, nelle strategie relazionali e riproduttive che abbiamo in comune coi lupi (ma se volete cercare un’ipotesi antropologica estremamente più sofisticata e suggestiva leggete Il tabù dell’incesto di Fabio Ceccarelli; qualche vecchia copia si trova ancora on line, vi garantisco che non vi pentirete dell’acquisto). È solo il livello simbolico dell’uomo culturale che dà, a un certo punto, un significato alle relazioni di parentela, e quindi a quella relazione primaria che chiamiamo famiglia, organizzandola in forma assai differente da luogo a luogo, come racconta sommariamente anche Vincenzo Matera nell’articolo menzionato e linkato all’inizio di questo post.

diversi-tipi-di-famiglie-set_23-2147530066.jpg

Come relativista – e ci avviamo al secondo argomento – sostengo che non c’è una famiglia superiore all’altra, che qualcuna è giusta e altre sbagliate. Tutte le bizzarre varianti citate da Matera sono parimenti “naturali” quanto la nostra o meglio, per essere chiari: tutte innaturali (= non secondo natura) ma piuttosto culturali e quindi sociali. In questo senso per me sono tutte accettabili nel loro contesto; non mi sognerei di fare come i missionari dell’Ottocento che obbligavano i selvaggi a coprire le vergogne, sposarsi cristianamente e vivere infelici. La conseguenza del mio ragionamento è che, evidentemente, ogni persona maggiorenne può accoppiarsi con chi crede, nei modi che reputa più soddisfacenti, adempiendo riti propiziatori oppure no. Tradotto: se (uomo) volete sposatevi in bianco con la vostra compagna di scuola va bene, se preferite sposatevi in nero col vostro compagno, oppure convivete, oppure restate single e cercate molteplicità di rapporti o altro ancora, va bene lo stesso, fate quello che vi pare perché l’amore è essenziale ma non codificabile. E che esistano leggi che impediscano questa completa libertà (fra adulti) mi sembra profondamente sbagliato.

Perché allora non sono altrettanto relativista con l’infibulazione? Anche qui si tratta di cultura e certamente posso essere relativista sotto il profilo della comprensione antropologica; vale a dire che posso dare un’interpretazione di questo meccanismo, capirne la funzione locale. Ma proprio questo tentativo di comprensione mi porta a vedere violenza, sopraffazione, intimidazione, sottomissione di genere. Non vedo amore. Non vedo necessità sociali se non quelle del dominio maschile e della paura verso la femmina e il suo corpo (di questa paura ho scritto QUI). Qui il relativismo si deve fermare per dare luogo a una scelta: o qualunque valore è lecito (la violenza dell’infibulazione perché in quei posti si fa da secoli, ma anche allora la violenza della pedofilia perché si è sempre praticata, ma anche l’uccisione di eretici perché, si capisce, ognuno ha diritto di dare risposta al proprio dio…) o qualche valore non lo è. Non lo è per noi, e in quel momento in cui lo concepiamo segnaliamo una differenza e, implicitamente, una superiorità. Ebbene sì. Una superiorità c’è fra chi ha cercato di salire sulla pianta della tolleranza e chi è rimasto nella savana della violenza. L’Occidente, con mille difficoltà e tuttora in maniera incerta, è incamminata nel sentiero dell’inclusione e dell’uguaglianza; abbiamo combattuto e siamo morti per secoli per arrivare agli incerti e parziali risultati di oggi, e un lungo cammino ancora ci attende. Ma, per esempio, il corpo non va violato; il minore non va torturato e abusato; le donne non devono subire violenza e cattività; lo straniero non deve essere considerato nemico; il povero e il malato vanno soccorsi; le opinioni vanno rispettate… L’infibulazione – che posso capire come studioso – è da combattere come cittadini liberi che vogliono garantire la libertà altrui dalla violenza. Ma allora anche il niqab (velo integrale) e il burkini stridono coi valori occidentali. Non feriscono il corpo, e moltissime musulmane dichiarano di indossarli per loro scelta, ma ci sono moltissime ragioni per credere che non sia così e molti autori musulmani non radicali che possono spiegare come il velo integrale sia esattamente una forma di costrizione, che diviene fatto culturale diffuso, utilizzato come strategia radicale e quindi da combattere (ne scrive molto e con competenza Sherif El Sebaie su Panorama e nel suo profilo Facebook).

donne-in-siria-600x450

Il relativismo intelligente, in conclusione, dice a tutto ciò che riguarda comportamenti individuali o di gruppo consenzienti, liberi, che non danneggiano fisicamente, economicamente, socialmente e psicologicamente nessuna persona: vestirsi come a ciascuno pare, credere o non credere in una qualsiasi trascendenza, mangiare carne o essere vegani, far l’amore in tutti i modi e forme possibili, farsi seppellire dal prete o farsi cremare, decidere di porre fine alla propria vita se si vuole, cacciare e poetare. Il nostro relativismo arretra invece verso ogni violenza e sopraffazione specie e soprattutto se collettivamente sostenuta da ideologie, credenze, religioni che tendono ad annichilire la ragione critica, trasformando la violenza in tradizione, in volere di dio, in imposizione sociale.

Nota mia: vestirsi come a ciascuno pare proprio no, perché il velo, ad esempio, in tutte le sue fogge e varianti, cristiane o islamiche o indù, è chiaramente oppressione della donna in quanto concepita come immonda, peccatrice e tentatrice. No, caro Bezzicante, tutto il tuo ragionamento di cui sopra, condivisibile, si infrange proprio qui. E se poi vogliamo continuare, c’è il berretto girato, la cresta sulla testa, i tatuaggi dappertutto, le calze corte rifiutate ma sostituite dal fantasmino purchè non si veda: tutte forme di moda e di stupidità (e i due aspetti sono, spesso, equivalenti)

Jàdawin di Atheia

La guerra alle donne

La guerra alle donne, di Camilla Baresani, giugno 2012 dc

Quando la famiglia uccide le donne

da Cronache Laiche 8 ottobre 2012 dc:

Quando la famiglia uccide le donne

di Belinda Malaspina

Il femminicidio è un crimine. Ma è anche un problema sociale e culturale, frutto dell’imposizione di un solo modello di convivenza considerato più lecito di altri.

Secondo dati del Telefono Rosa, le donne uccise in Italia dall’inizio dell’anno, confermando un pericoloso trend, sono a oggi 98, la stragrande maggioranza delle quali cadute per mano del partner.

Praticamente un giorno sì e uno no, una donna perde la vita in casa propria, talvolta sotto gli occhi dei figli, spesso dopo un litigio con il compagno/marito/amante. Insomma un uomo. Una violenza sorprendente per un motivo principale: perché maturata in famiglia. La famosa famiglia di cui tanto si parla: quella tradizionale costituita da un uomo, una donna e dei bambini, un focolare che ai nostri tempi ha preso a bruciare un po’ troppo.

La famiglia del terzo millennio vira su cupi toni splatter ed è tutto un fiorire di presepi impazziti, di mulini bianchi travolti dalla furia omicida, di padri che ritornano padroni della vita altrui. E della propria: molti di essi, dopo o di fronte all’efferato femminicidio, cercano e talora trovano la morte anche per se stessi.

Queste famiglie dark, devastate dalla violenza, ci interpellano come zombie che ritornano a mettere in discussione i buoni e bei discorsi che le gerarchie ecclesiastiche vanno facendo sulla solidità dei legami eterosessuali e del nucleo famigliare tradizionale, ormai ridotto a un colabrodo sotto gli occhi foderati di prosciutto di chi non vuole vedere.
Un fenomeno inquietante.

Ma ciò che inquieta di più è l’ottusità di chi continua a evocare la famiglia tradizionale come contrapposizione benefica e morigerata all’imperante leggerezza di costumi della società contemporanea, popolata di genitori omosessuali, di uomini e donne che prima di mettere al mondo un figlio considerano altri fattori oltre a quello, mi si passi il termine, vaticano, e di coppie di conviventi per amore e non per forza che oggi, piaccia o no, rimangono evidentemente più protette dalla escalation di violenza domestica che colpisce le brave famiglie all’antica.

Non ha senso invocare, come fa la Mussolini, «condanne esemplari». Prima bisogna togliere l’affettato di cui sopra dagli occhi di chi non vuol vedere il fallimento della famiglia a tutti i costi.

Brasile, convivenza a tre: è un’unione civile

Dal sito Cronache Laiche 31 Agosto 2012 dc

Diritti e Rovesci

Brasile, convivenza a tre: è un’unione civile

Accade a San Paolo (Brasile) dove la notaia Claudia Domingues ha dato riconoscimento legale al singolare trio. Suscitando un monte di polemiche.

di Adriana Terzo

Rio de Janeiro, 29 agosto – Un uomo e due donne, che vivono da tempo sotto lo stesso tetto, dividendo le spese e persino un conto corrente in banca, formano, a tutti gli effetti, una unione stabile, degna di riconoscimento formale. Così lo ha ritenuto una notaia brasiliana a cui i tre protagonisti si sono rivolti. Ma la decisione ha già sollevato un monte di polemiche in Brasile.

Il trio, che ha preferito restare anonimo, dopo tre anni di convivenza ininterrotta ha deciso di ufficializzare il tutto presso un ufficio notarile di Tupà, nello Stato di (San) Paolo. La notaia del posto, Claudia do Nascimento Domingues, non ha avuto esitazioni e ha sancito in un documento con valore legale l’unione civile a tre. L’insolita famiglia è stata registrata come poliaffettiva, un termine non ufficiale nel mondo giuridico.

In teoria – spiegano le specialiste e gli specialisti – adesso avranno più sicurezza legale al momento, per esempio, di dividere i beni, e potrebbero anche esigere diritti e benefici già concessi alle coppie comuni, come la pensione. «La dichiarazione – ha spiegato la notaia – è una modo per garantire ai soggetti in essere gli stessi diritti riconosciuti alle famiglie». «Anche se non sono sposati – ha aggiunto la pubblica ufficiale – i tre vivono insieme, quindi esiste un’unione stabile, con regole precise necessarie a mantenere la struttura familiare».

Le protagoniste della vicenda – avvenuta tre mesi fa, ma resa nota dalla stampa locale solo in questi giorni – attualmente vivono a Rio de Janeiro. Il caso ha raccolto numerose critiche, soprattutto da parte di associazioni e gruppi religiosi: nel gigante sudamericano, solo di recente è stata ammessa la legalità del matrimonio civile omosessuale, la cui accettazione sociale tuttavia ancora stenta a decollare.

«E’ assurdo, qualcosa di totalmente inaccettabile, contraria ai valori e alla morale brasiliani”, ha tuonato Regina Beatriz Tavares da Silva, presidente della Commissione dei diritti della famiglia presso l’Istituto delle avvocate e gli avvocati di San Paolo.

Di diverso avviso Maria Dias, vicepresidente dell’Istituto brasiliano di diritto della famiglia, secondo la quale invece si tratta di ”una realtà di fatto, della cui esistenza tutti sono a conoscenza».

Inutilità da sovrappopolazione

Dal molto interessante blog Aetheria lux http://aetherialux.blogspot.com qualcuno la pensa come me riguardo la sovrappopolazione. L’articolo è del 26 Dicembre 2010 dc:

Inutilità da sovrappopolazione

di Roy

Essere in troppi è una colpa? Sì lo è, se stiamo morendo (come stiamo morendo) di questo.

Lo sarebbe comunque in un pianeto finito, in cui la qualità della vita è inversamente proporzionale all’affollamento: più siamo e peggio stiamo.

La Germania ha attualmente 82 mln di abitanti e scenderà a 72 nel 2050, con un calo della Elderly Support Ratio da 3 a 2 (World Population Data Sheet, PRB). Insomma, decremento e invecchiamento, benedetto “inverno demografico” che turba i sonni dei corifei del crescete et moltiplicorum.
L’Etiopia invece, partendo da  un cifra simile -85 mln- schizzerà a 174 (calo ESR da 17 a 11).

Cioè si toglierà lo sfizio di rimpolpare il suo già florido carnaio di quasi 100 mln di anime e sarà un po’ meno giovane.
Popolazione under 15: 14% per la Germania, 44% per l’Etiopia.

Ora, nell’anno di grazia 2010 ormai al termine, cosa accomuna quella che è una delle nazioni più ricche al mondo con una delle più povere? Ovvio e semplice: sono entrambe sovrappopolate. In modo diverso, sia chiaro.

Il compianto professor De Marchi insegnava che la sovrappopolazione è una fattispecie a doppia tipizzazione: o è per densità, o è per accrescimento demografico.

Il caso tedesco rientra nella prima variante. La Germania è un paese con un percorso del tutto unico alle spalle, la storia splendida e tragica di una nazione che sembra essere stata luteranamente predestinata dalla sorte a battere sentieri impervi e solitari. Due guerre mondiali perse, con relative e sostanziali perdite territoriali, l’esodo seguìto al crollo del III Reich di milioni di tedeschi stanziati ad Est -secoli dopo l’epopea dei loro antenati colonizzatori oltre l’Elba- una notevolissima immigrazione subìta poi e a cui anche l’Italia ha dato il suo cospicuo contributo.

Se non possono esserci giustificazioni per l’essere in troppi, almeno qui esiste qualche attenuante. Soprattutto l’attenuarsi della pressione antropica sul proprio territorio con la prevista diminuizione della popolazione.

Che scusa ha l’Etiopia? Io non riesco a trovarne nessuna, pur con tutta la sua storia plurimillenaria alle spalle.

Non c è scusa per crescere in 100 anni di un fattore pari a 9 o giù di lì. Come se l’Italia andasse per i 450 mln al 2050. Nel 1984 una carestia fece (si stima) più di un milione di morti alle falde del Kilimangiaro, una tragedia epocale a soli 26 anni di distanza dal presente. Niente, non hanno imparato la lezione.

Se in media nascono 5,4 figli per ogni femmina-fattrice nella nostra cara vecchia Abissinia, è chiaro che non hanno imparato niente. A dire il vero, sono in buona compagnia.

Al vertice Cina-India di New Dehli di 10 giorni fà, il viceministro cinese degli Esteri è venuto fuori con questa raggelante esternazione:

“C’è abbastanza spazio nel mondo perché Cina e India possano svilupparsi insieme”

(Hu Zhengyue, da AgiChina24, 2010)

Tutti i demografi prevedono che al 2050 il termitaio indiano avrà già superato quello cinese, 1,6 mld vs 1,4.

Ora, inserisco QUI il link ad un post di Luca Pardi, segretario di Rientro Dolce, contenente i risultati del recente State of World 2010 del World Watch Institute. Anche a tralasciare il dato sulla popolazione-limite mondiale calcolata rispetto all’attuale consumo di biocapacità degli Usa (eh sì, consumano tanto questi americani…) e a focalizzarci sul corrispondente livello italiano globalizzato, le cose non vanno molto meglio: la tabella riportata da Luca indica 2,7 mld. Metti contro i 3 mld indiani e cinesi prossimi venturi, e buonanotte al secchio, da soli questi 2 paesi saranno in grado di superare la biocapacità massima del pianeta rapportata al nostro standard di consumo. E considerate che al 2050 questa biocapacità scenderà di parecchio rispetto ad adesso, il degrado ambientale non perdona. Se 3 mld sono troppi già ora, pensate a quanto di più lo saranno fra 40 anni di ulteriore e massiccio inquinamento, desertificazione, deforestazione, e col carico da undici della catastrofe climatica che ci stiamo regalando.

La cosa fantastica è che i lietopensanti del prolificismo globale diranno a questo punto che anche gli italiani consumano troppo. Sono capaci di proporre più figli e meno consumi per ciascuno, si può essere più imbecilli di così?

Punto primo, se va bene, il riccone italo-occidentale dirà di non volere di più, che non si sente la coperta corta ed è contento così. Non certo in molti, con questi chiari di luna. Ma nessuno si augurerà mai di essere più povero o meno ricco. Proporre di dimezzare i consumi dei paesi ricchi è una boutade buffonesca. Succederà quando ci avrà costretti la natura, non certo per solidarietà verso chicchessia.

2a), per quanto il riccone di cui sopra possa essere un completo sempliciotto, si renderà comunque conto (a meno di non essere un ectoplasma imbevuto di benpensiero fino al midollo, chiaro) che i consumi non sono mai “troppo” in sé. Lo diventano quando ad essere troppa è la popolazione a cui si rapportano.

Se fossimo 1 mld al mondo, nessuno parlerebbe degl iperconsumi americani. Adesso sono diventati iperconsumi perchè la natalità del terzo mondo li ha resi tali, avendo preso da decenni la tangente ipergalattica che ci porterà agl’ 8, ai 9 o 10 mld, nessuno può prevedere adesso con esattezza dove questa valanga andrà a fermarsi.

Forse sarebbe meglio ridurre la popolazione, anzichè i consumi. Meglio pochi e ricchi, piuttosto che infestanti e agonizzanti.

2b), poi ci sono quelli che propongono entrambe le cose, i buonisti-veltroniani (alcuni in buona fede, altri meno), diminuire i consumi “ma anche” la popolazione.

Ma se una volta diminuita la popolazione, ci fosse ancora la necessità di ridurre la nostra affluenza (la stessa da Italietta in recessione persistente da 2 anni almeno) allora vorrebbe solo dire che siamo ancora in troppi.

3) la crescita demografica é avvenuta in massima parte non per mancanza di contraccezione, ma per proposito deliberato. Le risorse attraverso cui gli etiopi intendono tirare a campare passano proprio attraverso le infornate di 5 figli e passa per ogni donna. Più figli, più possibiltà di sopravvivere per chi li sforna. Con un bel ricatto imposto al resto del mondo. Ma di questo ne riparliamo al 2011.

Conclusioni: proporre la riduzione dei consumi perchè Cina e India stanno aumentando i loro o perchè vorremmo che l’Etiopia facesse altrettanto é
1) utopico; 2a-b) insensato; 3) ingiusto e automortificante.

La tragica ironia di tutto ciò é che siamo talmente in troppi con i nostri 7-prossimi 9/10 mld di anime, che alla fine non ci sarà neanche bisogno di tutti per schiantare l’ecosistema ed estinguerci. Una sorta di attuazione futura del pensiero di Asimov che fa da presentazione al blog, ripresa e proiettata dall’originario piano sociomediatico (tanto numerosi che la morte non farà neanche più notizia)  a quello ecologico-economico (il mondo collasserà senza aver avuto bisogno del contributo degli africani, così tanti che il loro numero non consentirà loro di svilupparsi).

“Abbastanza spazio” per lo sviluppo di Cina e India, come no, abbastanza per loro soltanto.

Scusate se esiste il resto del mondo.