Politica e Società

La storia insegna ma non ha scolari

In e-mail il 28 Agosto 2019 dc:

La storia insegna ma non ha scolari

di Lucio Garofalo

La caduta del governo giallo-verde, al di là delle simpatie e delle opinioni politiche di ciascuno di noi, non è da salutare con troppo entusiasmo poiché, in questo momento, non esiste un’alternativa politica valida, tanto meno funzionale agli interessi delle classi lavoratrici.

In qualche misura si è replicato il copione delle manovre che nel 2011 fecero cadere il governo Berlusconi, favorendo l’ascesa di Monti a Palazzo Chigi. Con le conseguenze nefaste che ben sappiamo: su tutte, cito la “riforma Fornero” e otto anni (!) di austerity.

Politiche che hanno generato in Italia oltre 5 milioni di poveri assoluti.

Ed è sempre l’austerity il “modello” di politica economica alla base delle privatizzazioni e dei disastri (anzi, delle stragi) come il crollo del viadotto di Genova del 14 agosto 2018. La linea perseguita dal governo Monti e dai vari governi targati PD (soprattutto Renzi) è stata costellata da una sequela di costrizioni e ricatti dettati dall’alto per imporre, nel modo più tassativo, quelle controriforme ostili ed impopolari sofferte in Italia negli ultimi anni.

Il solo fatto che il governo giallo-verde non sia stato succube dei diktat di Bruxelles e della BCE è certo da ritenersi un segnale incoraggiante, nella misura in cui si è interrotta la politica decennale e mortifera dell’austerity che ha imperversato negli ultimi tempi.

È questo il modo più corretto e realistico di ragionare e di analizzare i fatti nella loro cruda e nuda realtà, e non secondo i nostri più intimi desideri, né in base alle nostre aspettative o simpatie personali. Almeno ciò è l’approccio più serio e ponderato per quei comunisti più sinceri e coerenti, e non faziosi, né dogmatici.

Invece, per i fantocci e i clown “sinistrati”, che non si degnano di leggere la realtà con una lente di sincerità intellettuale, bensì la deformano a proprio piacimento, il discorso è diverso.

Ai “compagnucci” che sbraitano contro il “mostro leghista” mi permetto di ricordare che “governi tecnici” imposti dalla Troika (in uno stile alla Monti) sarebbero più deleteri di un governo con Salvini. Un’eventuale “sterzata a destra” si traduce nei contenuti e nelle priorità trascritte nell’agenda politica, e non nei simboli di partito. Altrimenti, mi si risponda come mai le peggiori politiche di tipo socio-economico degli ultimi anni sono state realizzate sotto l’egida di quei partiti che, almeno in teoria, e cioè verbalmente, si dichiarano “di sinistra”.

Credo che i simboli e le etichette formali non contino più delle azioni concrete e dei fatti, in politica come in altre dimensioni e in altri settori della vita sociale. Mi riferisco non solo al PD di Renzi e Gentiloni, oggi di Zingaretti, bensì anche ai governi presieduti da Prodi (nel 1996 e 2006), appoggiati da Rifondazione ai tempi di Fausto Bertinotti.

Purtroppo, si sa che: “la storia insegna, ma non ha scolari”, come ci spiegava Gramsci.

Cronaca, Economia, Politica e Società

Grecia: sciopero generale contro Tsipras

Comunicato del PCL Partico Comunista dei Lavoratori 12 Novembre 2015 dc:

Grecia: sciopero generale contro Tsipras

Sciopero generale in Grecia 12 Novembre 2015 dc

12 novembre. Milioni di lavoratori e lavoratrici in Grecia sono oggi in sciopero generale contro le politiche del governo Tsipras. Lo sciopero è stato indetto congiuntamente dai sindacati del settore pubblico e privato.

A due mesi dalla vittoria elettorale di Tsipras il governo Syriza-Anel sta fedelmente applicando le politiche di lacrime e sangue concordate con la troika. Taglio ai sussidi per le pensioni minime, colpi alla contrattazione collettiva, aumento dell’Iva sui beni di prima necessità, tagli drastici alla spesa sanitaria e aumento dei tickets per le cure, sviluppo delle privatizzazioni nei trasporti e servizi. Una valanga che nuovamente si abbatte sulle condizioni sociali di una popolazione povera già saccheggiata da anni e anni di memorandum.

Il governo Syriza-Anel sta continuando la politica dei suoi predecessori. Se possibile in termini ancor più pesanti, a fronte di una crisi sociale ulteriormente aggravata.

Emerge in tutto il suo cinismo il vero volto della politica di Tsipras. Altro che stella dell’opposizione alla troika, come continuano a presentarlo i Vendola e i Ferrero di casa nostra!

Dopo la clamorosa capitolazione alla troika in luglio, Tsipras ha scelto di andare subito al voto prima che le masse popolari potessero sperimentare le conseguenze sociali dell’accordo stipulato. In questo modo Tsipras ha potuto incassare un voto di fiducia alla propria persona e alla propria popolarità da parte di masse stremate da anni di lotta e sfiduciate nella propria forza.

Ma la ruota gira. Gli inganni hanno le gambe corte. A soli due mesi dalle elezioni politiche grandi masse iniziano a capire e vedere con i propri occhi, e a sperimentare sulla propria pelle, la continuità della dittatura del capitale finanziario europeo, di cui il governo Syriza-Anel è leale esecutore.

Lo sciopero generale di oggi può segnare l’apertura di una fase nuova. Quella della ricostruzione di una opposizione di massa alle politiche di austerità, alla troika che le comanda, al governo che le gestisce.

Si conferma una volta di più che il “riformismo” non solo è una truffa ma è una maschera dell’austerità. Solo una rottura anticapitalista (abolizione del debito pubblico, nazionalizzazione delle banche, esproprio dei grandi gruppi capitalistici a partire dagli armatori) può avviare una vera svolta sociale in Grecia. Solo un governo dei lavoratori, basato sulla loro organizzazione e sulla loro forza, può realizzare questa rottura.

I nostri compagni del Partito Operaio Rivoluzionario greco (EEK) sono oggi in piazza con i lavoratori in sciopero sulla base di questo programma anticapitalista. Il PCL è al fianco dei lavoratori greci in lotta contro Tsipras, in piena solidarietà con i compagni di EEK.

La vostra lotta è la nostra lotta!

Partito Comunista dei Lavoratori

Economia, Politica e Società

Da “Mitiko” a “Radical choc”.

da Considerazioni inattuali n.ro 61 27 Gennaio 2015 dc:

Da “Mitiko” a “Radical choc”.

Premature ma in parte fondate le critiche all’allenaza Tsipras-Kammenos

Anche se la rinegoziazione del debito e il rigetto dell’austerità troveranno il valido supporto dell’ipernazionalista e xenofobo consocio, le prime riprove della validità degli impegni pre-elettorali di Syriza si avranno sulle misure fiscali di emergenza volte a finanziare gli interventi sociali del governo: la tassazione sui beni e le ricchezze del clero ortodosso – la più improbabile – quelle certe sugli armatori fino alla confisca dei loro cantieri navali, sulle sontuose magioni e sulle proprietà terriere dei super ricchi.

di Lucio Manisco

Diametralmente opposti i titoli de il Manifesto del 26 e del 27 gennaio: dal “Mitiko” sul trionfo elettorale di Tsipras al “Radical choc” sull’alleanza governativa con l’ultraconservatore e xenofobo Kammenos. Intendiamoci: questi e tutti gli altri geniali titoli di testa del piccolo-grande quotidiano sono sardonici, satirici, a volte autocritici. I due titoli contrastano comunque con il tono delle numerose corrispondenze da Atene, entusiastico per la vittoria di Tsipras e giustificativo per la sua anomala scelta del consocio.

Una scelta attribuita dai maldicenti ad un quid pro quo preelettorale con chi aveva prima indebolito con la scissione il partito al potere e poi provocato le elezioni anticipate rendendo impossibile la nomina di un nuovo presidente.

Premature, ma non del tutto immotivate, le critiche della sinistra radicale o estrema alla scelta dell’alleato di governo, che anche se da tempo si era schierato contro l’austerità strangolatoria dell’Unione Europea fino a sposare la causa dell’uscita dall’euro, aveva propugnato direttive ultra conservatrici, anti-sociali, contro l’immigrazione, direttive non certo condivise ma fieramente contrastate da Alexis Tsipras. E poi il nuovo capo di governo ha affidato al capo del partito alleato il dicastero della difesa. Una riaffermazione dell’allineamento Nato della Grecia indirizzata agli Stati Uniti? La risposta, dopo un diplomatico battibecco procedurale, nel comportamento del neo ministro della difesa alla conferenza della Nato che con più pesanti sanzioni contro la Russia di Putin ribadirà il suo appoggio al governo nazista di Kiev.

Ripetiamo, i dubbi, le riserve, le critiche mosse ad Alexis Tsipras, dopo la embrassade universelle delle sinistre e non solo delle sinistre europee, sono premature: se infondate lo sapremo solo dall’azione del suo governo nei primi 100 giorni e forsanco prima, perché è più che probabile un rinvio dell’ultima tranche multimiliardaria del prestito europeo (la quota greca della BCE, se concessa, andrà alle banche sull’orlo del collasso). Dove troverà il nuovo governo i fondi necessari, non solo all’attuazione dei suoi programmi sociali, ma al mantenimento delle istituzioni se il precedente governo ha vuotato le casse dello Stato con pagamenti anticipati di impegni già assunti? Ovviamente con prelievi fiscali d’emergenza dai ceti privilegiati.

Prima tra tutte la gerarchia della Chiesa Ortodossa, detentrice di beni e ricchezze considerevoli finora esenti da qualsiasi contributo all’erario. Dopo il giuramento laico di Tsipras, abbiamo visto la riconversione ultrareligiosa dell’insediamento del nuovo governo con la contro firma del Pope, il che rende improbabile l’abrogazione dei privilegi della Chiesa. Rimane una tassazione degli armatori – che hanno già trasferito i loro capitali all’estero, ma che dovrebbero pagare ingenti contributi per i loro cantieri navali soggetti in caso di resistenza e ricorsi a confische e nazionalizzazioni.

E poi la tassazione dei ricchi e dei superricchi, arcinoti evasori fiscali, soprattutto sulle loro sontuose dimore e sui loro latifondi che non hanno potuto essere trasferiti altrove.

Saranno 100 giorni essenziali, prima della realizzazione quadriennale dell’intero programma, per sciogliere qualsiasi riserva su questo nuovo governo. I meriti di Alexis Tsipras non sono stati intaccati da un esordio così anomalo: gli ostacoli che dovrà affrontare sono formidabili. Se non bastasse l’intransigenza di Angela Merkel e di Wolfgang Schäuble, sono in gioco gli orientamenti decisamente ostili del popolo tedesco, rispecchiati dalle tre reti televisive nazionali e da quelle dei lander. La sera del 26 gennaio un dibattito di tre ore su Das Erste ha posto in luce più che un risentimento politico il livore antigreco dei partecipanti, CDU e SPD: l’unica a difendere Tsipras è stata Sahra Wagenknecht, ex esponente di Kommunistische Plattform ed ora compagna di Oskar Lafontaine di Linke.  É rimasta schiacciata  da una valanga di contestazioni al vetriolo, fenomeno inconsueto sulla televisione tedesca.

Contro queste espressioni di odio teutonico contro un popolo ridotto alla fame, a cui è stata restituita la speranza, non ci rimane che ribadire gli auguri più fervidi di successo ad Alexis Tsipras ed a Syriza, anche per le ripercussioni positive che quel successo avrebbe sull’intera Europa.

Lucio Manisco
http://www.luciomanisco.eu