Laicità e Laicismo, Politica e Società

Magistratura di sinistra

da Democrazia Atea 10 Novembre 2014 dc:

Magistratura di sinistra

Magistratura Democratica è una associazione di magistrati che si identifica in un’area culturale progressista.

Se apri il loro sito trovi in evidenza il discorso pronunciato dal monarca Bergoglio in occasione di una audizione che lo stesso monarca ha concesso ad una Delegazione dell’Associazione Internazionale di Diritto Penale .

Cosa ci sia di culturale nelle riflessioni di un monarca che nega la distinzione tra potere giudiziario, potere legislativo e potere esecutivo, assumendoli tutti e tre sulla sua persona, non è dato sapere, ma forse i magistrati di quella associazione lo sanno.

Magistratura Indipendente, altra associazione di magistrati italiani, annovera, invece, tra i propri scopi statutari, l’indipendenza e l’autonomia della magistratura.

Scorrendo le pagine del loro sito trovi, in evidenza, la pubblicazione di un discorso che Wojtyla fece ai magistrati nel 2000, richiamandoli non certo alla legge degli uomini, per la cui applicazione sono pagati dallo Stato, ma alla legge del dio cattolico, giusto per puntualizzare il valore dell’indipendenza e dell’autonomia.

Recentemente ha lasciato sorpresi, anche sotto un profilo di stretta applicazione del diritto processuale, l’arresto dell’attivista politico di Roma Nunzio D’Erme, reo di aver reagito ad una provocazione messa in atto da Militia Christi, un movimento politico di destra ultracattolico che professa la teocrazia.

Brevemente: D’Erme, noto per essere un attivista delle tematiche sulla laicità, aveva organizzato un convegno sull’omofobia presso la sede del Settimo Municipio di Roma e durante i lavori si erano presentati gli attivisti di Militia Christi.

Ne era scaturita una bagarre con immediato intervento della Digos.

Il parapiglia che ne era seguito configurava di certo estremi di reato che avrebbero trovato una verifica in sede dibattimentale, ma il magistrato che ha firmato l’ordine di arresto per D’Erme lo ha motivato con argomentazioni tali da trasformarla in una misura cautelare incomprensibile.

L’ex senatore Franco Turigliatto nel 2008, durante una trasmissione televisiva, si era rifiutato di stringere la mano a Roberto Fiore, il fondatore di Forza Nuova, un movimento di estrema destra che si richiama ai valori del fondamentalismo cattolico, definendo Fiore un fascista.

Sentendosi offeso, Fiore aveva denunciato Turigliatto.

Apprendiamo dalla stampa che un magistrato ha firmato un decreto penale di condanna ritenendo Turigliatto colpevole di diffamazione, pur sapendo che la Cassazione già nel 2010 si era pronunciata su un caso simile stabilendo, a grandi linee, che definire Fiore un fascista non era reato.

D’Erme e Turigliatto, verso i quali si esprime solidarietà, sono gli esempi più eclatanti di una applicazione della legge che non solo non coincide con la giustizia, ma si avvicina di molto ad una giustizia teocratica come la sharia.

Si aggiunge a tutto questo una riflessione beffarda: la maggior parte degli italiani è convinta che la maggior parte dei magistrati italiani sia “di sinistra”.

Carla Corsetti
Segretario Nazionale di Democrazia Atea

http://www.democrazia-atea.it

Cultura, Laicità e Laicismo, Politica e Società

Scuola medievale

da Democrazia Atea il 28 Agosto 2014 dc:

Scuola medievale

La riforma della scuola, preannunciata nelle linee essenziali, si prospetta in linea con le precedenti riforme berlusconiane.

Colpisce il sistema premiale previsto per gli insegnanti virtuosi.

Il virtuosismo preteso dagli insegnanti è di certo una qualità che merita di essere approfondita.

La scuola pubblica, che nel dettato costituzionale avrebbe dovuto essere laica e autonoma, è stata progressivamente trasformata da Berlusconi in confessionale e dirigistica, con la complicità di certa magistratura amministrativa più che compiacente.

Renzi, delfino di Berlusconi, si pone in perfetta continuità con il suo mentore, continuando a smantellare ogni ipotesi di autonomia, in una gerarchizzazione e burocratizzazione penalizzante per gli insegnanti e, di riflesso, per gli studenti.

Il virtuosismo preteso dagli insegnanti si declina, inevitabilmente, con una valenza moralistica posto che la terminologia usata, inserita nel contesto scolastico ormai confessionale, si risolve in una sottomissione ai vertici e in una repressione delle eventuali posizioni di dissenso.

Affidare ai dirigenti scolastici la valutazione degli insegnanti virtuosi, e mettere nella loro disponibilità la possibilità di ricompensare gli insegnanti con somme di denaro, significherà medievalizzare la scuola in un sistema in cui la dirigenza, grazie alle precedenti riforme, è già interpretata come feudo e dove gli insegnanti dovranno comportarsi da valvassori idioti proni alle angherie del feudatario di turno.

Cosa diversa sarebbe stata, ad esempio, una riforma volta alla autonomia degli istituti, con una dirigenza elettiva espressa da un collegio di docenti e personale ATA, a tempo determinato, fino a nuova elezione.

Il rapporto tra dirigente e insegnanti sarebbe stato costruito su una premessa certamente democratica, che oggi invece è negata.

Se la scuola pubblica nel dettato costituzionale doveva essere espressione della democrazia inclusiva, oltre che del merito derivante dalle competenze, oggi viene smantellata da un Presidente del Consiglio che si è formato come boy scout.

Lo scoutismo è una delle tante organizzazioni giovanili cattoliche nelle quali si opera nella negazione dei principi costituzionali.

Tra gli scouts non c’è democrazia inclusiva perché chi non è cattolico ed eterosessuale non può farne parte.

Tra gli scouts matura il convincimento che la competenza che si acquisisce attraverso lo studio è secondaria rispetto all’apprendimento che si attua attraverso l’esaltazione delle esperienze pratiche.

Non c’è parità di genere tra gli scouts e non è difficile incontrare orde di ragazzotti sessuofobici, pronti a farsi paladini di una religiosità fondamentalista.

Pensare che queste devianze non abbiano influito sullo scout Renzi è pura illusione.

C’è da augurarsi uno protesta estesa ed articolata e Democrazia Atea non si sottrarrà all’impegno di difendere un sistema scolastico che sia aderente alla Costituzione.

Carla Corsetti
Segretario Nazionale di Democrazia Atea

Laicità e Laicismo, Sessualità, Varie: attualità, costume, stampa etc

Perché gli eterosessuali devono difendere con convinzione i diritti degli omosessuali

“Perché gli eterosessuali devono difendere con convinzione i diritti degli omosessuali” sul sito « Hic Rhodus, 10 Settembre 2014 dc

Laicità e Laicismo, Politica e Società, Sessualità

Incesto, ecco perché ha senso depenalizzarlo

Incesto, ecco perché ha senso depenalizzarlo – Il Fatto Quotidiano. 29 Settembre 2014 dc. Finalmente qualche parola fuori dal coro di ipocrisie reazionarie e bigotte!

Ateoagnosticismo, Laicità e Laicismo, Politica e Società

Laique e Laico

da Democrazia Atea www.democrazia-atea.it 30 Luglio 2014 dc:

Laique e Laico

Alcuni linguisti dicono che la lingua è l’uso che se ne fa, ovvero l’uso che ne fa nel quotidiano la maggioranza della gente che parla quella lingua.
 
In Francia con il termine laïque la maggioranza dei francesi intende comunemente “colui che esige la separazione tra lo Stato e le religioni”.
 
Tuttavia, in Italia, con il termine laico la maggioranza degli italiani, nell’uso quotidiano che fa di tale termine, intende “cattolico non chierico”.
 
Laico, in Italia, per esempio, è l’inserviente del convento.
 
Può quindi accadere che un candido laicista, sentito che un italiano si dichiara laico, gli chieda: “Allora anche tu vuoi la netta separazione tra lo Stato e le religioni?”
 
E che poi, con la bocca aperta e gli occhi strabuzzati, si senta rispondere: “Ma manco per niente, io voglio che noi cattolici continuiamo ad avere tutti i privilegi che abbiamo, anzi, se possibile dovremmo rimarcare anche di più il fatto che l’Italia è cattolica, gli altri possono al massimo essere tollerati, specie ora che arrivano tutti questi pericolosi alieni.”
 
Ah …
 
È vero che la Corte Costituzionale ha statuito il supremo principio costituzionale di laicità dello Stato, ma nel farlo ha usato la formula “Supremo Principio di laicità o non-confessionalità”.
 
Ed è quel “o non-confessionalità” che marca la differenza tra la competenza linguistica dei giudici della Corte Costituzionale e il candido laicista.
 
Se in italiano volete dire laïque senza ingenerare equivoci sorrisi di assenso nell’interlocutore cattolico, dovete usare non-confessionale.
 
Allora vedrete che il “laico” ci terrà subito a rimarcare che lui è cattolico e giammai non-confessionale.
 
Laïque (colui che esige la separazione tra lo Stato e le religioni) è falso amico di “laico” (cattolico non chierico), è invece sinonimo inequivocabile di non-confessionale (colui che esige la separazione tra lo Stato e le religioni).
 
In questo caso, evitare i falsi amici è semplice e redditizio. Perché insistete con la traduzione letterale?
 
Fiorenzo Nacciariti

Laicità e Laicismo, Politica e Società, Sessualità

194, prove di sharia cattolica

194, prove di sharia cattolica Libero Pensiero n.ro 68 Giugno 2014 dc

Laicità e Laicismo, Politica e Società, Sessualità

Aborto: prima la donna, poi l’obiettore.

Aborto: prima la donna, poi l’obiettore. Rivoluzione nei consultori del Lazio – micromega-online – micromega. 1 Luglio 2014 dc

Economia, Laicità e Laicismo, Politica e Società

Castronerie bergogliane

da Democrzia Atea 21 Giugno 2014 dc:

Castronerie bergogliane

Il dittatore della monarchia confinante ha espresso parole di condanna contro la legislazione della nostra Repubblica democratica in tema di legalizzazione delle sostanze stupefacenti.

Il motivo di cotanta preoccupazione non è di ordine sociale o morale, ma è squisitamente economico.

É noto come il proibizionismo aumenti la tendenza alla trasgressione e dunque al consumo, e come il controllo del mercato delle sostanze stupefacenti, in assenza di legalizzazione, resterebbe saldamente nelle mani della cattolicissima mafia mente il recupero dei tossicodipendenti è un business saldamente attaccato alle ramificazioni clericali cattoliche, dalle comunità di recupero alle associazioni di “volontari” dei centri di assistenza.

Sia i volontari cattolici che si occupano di tossicodipendenti, sia i criminali cattolici che gestiscono il narcotraffico imperniano la loro azione e i loro profitti attorno ad un unico sistema radicato sulla legislazione punitiva di ispirazione cattolica.

Invertire la tendenza e passare ad un sistema di legalizzazione modificherebbe le variabili del sistema e nuovi equilibri sociali ed economici si creerebbero sottraendo benefici economici a chi ha gestito il fenomeno della tossicodipendenza fino ad oggi.

Bergoglio si è rivolto all’anello più debole della catena, ai tossicodipendenti, ricordando loro come “La Chiesa li ha presi per mano, attraverso l’opera di tanti operatori e volontari” che tradotto in termini più concreti significa “la Chiesa attraverso operatori e volontari guadagna montagne di denaro sulla vostra tossicodipendenza, perché cambiare questo andazzo?”.

Gli anelli più forti, infatti, hanno storicamente l’avallo del Vaticano.

Come non ricordare Noriega, il dittatore panamense, ricercato per traffico internazionale di cocaina, e le difese balbettanti di Navarro Valls, il portavoce di Woytjla che ne difendeva le sorti negando l’estradizione, pur sapendo delle gravi accuse che arrivavano dalla stampa internazionale.

In tempi più recenti sarà appena il caso di ricordare come l’International Narcotics Control Strategy, ovvero il Rapporto sulla Strategia per il Controllo del Narcotraffico stilato ogni anno dal Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, indica il Vaticano, a causa della sua banca IOR, come uno dei Paesi con “giurisdizioni preoccupanti” in tema di riciclaggio di soldi provenienti dal narcotraffico internazionale.

Bergoglio comincia a diventare imbarazzante.

Carla Corsetti
Segretario Nazionale di Democrazia Atea
http://www.democrazia-atea.it

Laicità e Laicismo, Politica e Società

L’esodo

da Democrazia Atea 13 Giugno 2014 dc:

L’esodo

Il fondamentalismo islamico oggi prende il nome di “Stato Islamico dell’Iraq e del Levante” – ISIL, propugnato da un piccolo esercito di circa sei o settemila miliziani jihadisti che, dopo aver conquistato le regioni petrolifere del nord dell’Iraq, puntano alla conquista di Bagdad.

Già nel marzo del 2014 il Primo Ministro iracheno Nouri al-Maliki aveva pubblicamente accusato l’Arabia Saudita e il Qatar di finanziare i jihadisti iracheni, responsabili degli attentati terroristici che dal 2008 avevano provocato la morte di 1800 persone in tutto l’Iraq.

L’Arabia Saudita e il Qatar mirano ad avere il controllo sia dell’Iraq che della Siria, ed hanno finanziato anche un esercito di circa settemila o ottomila miliziani jihadisti penetrati in Siria dove l’esercito di Assad ha mostrato maggiori capacità di resistenza rispetto a quelle del Primo Ministro iracheno.

Nouri al-Maliki, il Primo Ministro iracheno, ha chiesto al Parlamento di dichiarare lo stato di emergenza che gli avrebbe dato poteri speciali contro ISIL, ma ha trovato l’opposizione delle minoranze sunnite e curde le quali hanno contestato al Primo Ministro di aver già sufficienti poteri speciali per contrastare l’avanzata dei jihadisti.

La debolezza di Nouri è evidente e ne è consapevole tanto da invocare egli stesso un nuovo intervento militare degli Stati Uniti, i veri responsabili della tragedia del popolo iracheno.

Come dimenticare la bufala delle armi di distruzione di massa per eleminare Saddam.

E come dimenticare le parole di Ruini, il portavoce del monarca Woytjla, quando diede la sua benedizione etica all’invasione da parte degli Stati Uniti, dichiarando spudoratamente che la rimozione di Saddam avrebbe avuto “sicuri effetti positivi”.

Quelle parole, pronunciate dal portavoce del monarca vaticano, avevano lo scopo di legittimare l’amministrazione americana agli occhi del mondo occidentale.

Dopo le parole di Ruini nell’immaginario occidentale era penetrata l’idea che l’invasione fosse “sponsorizzata da dio” e dunque si qualificava come una moderna crociata che accontentava l’opinione pubblica occidentale.

L’islam non ha filosofia, non conosce una speculazione del pensiero, e se si veste di obiettivi militari, non ha altra strada che essere imposto con violenza attraverso la sua legge tribale e antiumanitaria, la sharia.

La popolazione irachena ha subito una immane violenza tanto da minimizzare la repressione di Saddam, e la violenza che si prospetta con l’idea del califfato dell’ISIL sta spingendo la popolazione alla fuga.

Verrebbe da chiedere a Ruini una aggiornata interpretazione dei “sicuri effetti positivi” ma ce lo impedisce il rispetto per la sofferenza del popolo iracheno.

Carla Corsetti
Segretario Nazionale di Democrazia Atea
http://www.democrazia-atea.it

Ateoagnosticismo, Comunicati, Laicità e Laicismo, Politica e Società

No al quadro di (Sant’)Ambrogio a cavallo nella sala del consiglio comunale di Milano | Circolo Culturale “Giordano Bruno”-Milano

29-No al quadro di (Sant’)Ambrogio a cavallo nella sala del consiglio comunale di Milano | Circolo Culturale “Giordano Bruno”-Milano. Pubblicato il 2 aprile 2014 dc

Ateoagnosticismo, Laicità e Laicismo, Scienza e Natura

Se siamo nati per credere, da dove vengono gli atei? (L’almanacco della scienza 1-2014 – MicroMega) | Sestante

Se siamo nati per credere, da dove vengono gli atei? (L’almanacco della scienza 1-2014 – MicroMega) | Sestante. 27  Febbraio 2014 dc

Laicità e Laicismo, Politica e Società, Sessualità

Pillola del giorno dopo. Se te la rifiutano DENUNCIALI! – Diritti civili | Sestante

Pillola del giorno dopo. Se te la rifiutano DENUNCIALI! – Diritti civili | Sestante. 7 Marzo 2014 dc

Ateoagnosticismo, Comunicati, Cultura, Laicità e Laicismo, Politica e Società

9-Ciclo di conferenze marzo-maggio 2014

9-Ciclo di conferenze marzo-maggio 2014 del Circolo Culturale Giordano Bruno di Milano

Ateoagnosticismo, Laicità e Laicismo, Politica e Società

Per nessuno

logo Democrazia Atea-2

Democrazia Atea, 18 Novembre 2013 dc

Per nessuno

Giorgio Napolitano qualche anno fa ha ricevuto dal monarca vaticano l’onorificenza dell’Ordine Piano, detto anche Ordine di Pio IX, e da buon ex comunista non ha resistito al piacere di fregiarsi di un titolo nobiliare.

Giorgio Napolitano non poteva certo rifiutarlo ben sapendo che, in passato, era stato conferito a personaggi come Benito Mussolini.

Tra i beneficiari più recenti invece si annoverano Roberto Maroni, Gianni Letta e Massimo D’Alema.

Sono finiti i tempi in cui i comunisti venivano scomunicati dal Vaticano per l’appartenenza politica, e sono iniziati i tempi della sudditanza spasmodica.

Il nostro Presidente della Repubblica ha accettato di buon grado questa onorificenza in virtù della quale, come Cavaliere Pontificio, avrà il privilegio di “scortare il vescovo all’ingresso ed all’uscita della Cattedrale, a sedersi alla destra dell’altare, ponendo la sciabola a terra e mantenendo la feluca in capo parimenti alla mitria del vescovo” insomma un cerimoniale imperdibile per il Presidente di una Repubblica che ha, tra i suoi principi fondamentali, quello della laicità.

Poiché al peggio non c’è mai fine, il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha ricevuto il monarca vaticano nella sua residenza repubblicana e si è profuso in lodi sperticate omettendo di sottolineare che il Capo di Stato, cui rivolgeva le sue parole di stima, governa senza democrazia uno Stato anomalo la cui popolazione è di soli uomini.

Napolitano ha mostrato di aver già dimenticato le frasi pronunciate nei confronti del monarca emerito dimissionario al quale, con deferenza imbarazzante, disse che, tra le cose più belle del suo settennato, c’era stata l’amicizia con Ratzinger.

Ora quel monarca è dimissionario, il Vaticano si divide la torta del potere tra i bertoniani e i novelli bergogliani, fagocita 10 miliardi di euro l’anno depredando gli italiani, mantiene aperta la partita dello IOR, e in tutto questo il Presidente della Repubblica italiana, al suo secondo settennato, loda un Capo di Stato straniero definendolo un esempio per l’intera classe dirigente italiana.

A rigor di logica l’esempio di una Nazione dovrebbe essere il suo Presidente e non un monarca confinante.

Sorge il dubbio che Napolitano abbia la consapevolezza di non poter essere d’esempio per nessuno.

Carla Corsetti
Segretario nazionale di Democrazia Atea
http://www.democrazia-atea.it

Ateoagnosticismo, Cronaca, Laicità e Laicismo, Sessualità

Bologna 16.12.13 – “Voi occupate i consultori e gli ospedali, noi invadiamo le chiese” | Global Project

Bologna 16.12.13 – “Voi occupate i consultori e gli ospedali, noi invadiamo le chiese” | Global Project.

Ateoagnosticismo, Laicità e Laicismo, Politica e Società

Contro le religioni, anti-religioni ed ateismo contro il cristianesimo, sesso, chiesa, peccati

Contro le religioni, anti-religioni ed ateismo contro il cristianesimo, sesso, chiesa, peccati. 25 Agosto 2002 dc

Ateoagnosticismo, Cronaca, Laicità e Laicismo, Politica e Società

Come dichiararsi atei a Berlino | Berlino Cacio e Pepe

Come dichiararsi atei a Berlino | Berlino Cacio e Pepe. 26 Gennaio 2013 dc

Ateoagnosticismo, Laicità e Laicismo

Ateo perché – Marx

Ateismo per Marx. La religione, oppio dei popoli

Ateoagnosticismo, Laicità e Laicismo

Perché non ha senso sperare che Papa Francesco sia modernista

Dal blog L’Opinione Politica  15 Marzo 2013 dc, articolo inserito l’11 Aprile ma rimasta erroneamente in bozza fino ad ora! L’articolo è molto interessante e sferza impietosamente alcuni buffoni che imperversano in Italia: giornalisti, scrittori, “progressisti”, “atei illuminati e dialoganti”.

Perché non ha senso sperare che Papa Francesco sia modernista

di Sisto VI

Questo articolo non piacerà ai più: sarà pieno di riflessioni su temi fuori moda e sarà lungo, perchè ho la pessima tendenza di fare discorsi partendo da lontano; tuttavia spero che lo leggiate tutto, anche a rate. Lo spero perché con questo articolo vorrei fare presente il punto di vista dei cattolici tradizionalisti sulla Chiesa, un punto di vista che spesso non è noto e viene bollato con superficiali etichette semplificatrici. Insomma decifrare il punto di vista di chi è interno alla Chiesa.

La fonte principale di queste semplificazioni sono le indigeribili banalità che tutti i media ci hanno costretto ad ascoltare prima del conclave o che abbiamo letto sui giornali questa mattina. Questo non è un articolo per credenti: è un articolo per chi è estraneo alle riflessioni del mondo dei credenti e ha come solo modo di formarsi una opinione a riguardo le banalità ricorrenti dei media.

Partiamo proprio dalle insopportabili chiacchiere dei media di tutto il mondo piene di frasi fatte e di interventi copia-incolla che ripetono ad ogni conclave, questa immagine in inglese le elenca alla perfezione senza che debba farlo io.

Tralasciamo anche gli utilissimi commenti da Capitan Ovvio, con i quali i giornalisti devono accompagnare le dirette nel terrore di non sapere più cosa dire.
Il bombardamento di frasi del genere spinge i credenti non praticanti e chi semplicemente non crede ad avere un’ immagine distorta di come dovrebbe funzionare la Chiesa, dalla disinformazione nascono delle semplificazioni erronee che vengono poi date per scontate.

Non è raro udire persone intelligenti fare dichiarazioni pressappochiste come “Gesù era il primo comunista” o “Gesù faceva così quindi la Chiesa dovrebbe fare X invece di Y”, sono generalmente frasi basate su una rappresentazione pop di Gesù ricavate probabilmente da qualche film. Sono generalizzazioni basate su un’idea stereotipata di come Gesù è rappresentato nella cultura popolare moderna, spessissimo le conoscenze delle scritture di chi le pronuncia non vanno oltre qualche sbiadito ricordo di una messa o del catechismo da bambini.

Ad esempio non è raro imbattersi su internet in persone ignorantissime che cercano di rivelarti la verità nascosta su Gesù perchè hanno visto zeitgeist (minuscola voluta) e si sono bevuti tutto. Tutto questo non ha niente a che vedere con l’essere credenti o meno, dobbiamo semplicemente domandarci se la persona con cui stiamo parlando basa le proprie conclusioni dalla conoscenza dello stesso Gesù di cui parla la Chiesa, ossia quello dei vangeli, oppure del Gesù guru new age inventato dagli hippie, del Gesù rivoluzionario comunista, di quello di Dan Brown o di altri ancora.

A peggiorare la cosa ci si mettono libri ben poco attendibili scritti da chi ne ha fatto la propria fonte di facili introiti editoriali. Anche qui non è questione di credere o meno ma di separare i fatti dalle seghe mentali: se Augias scrive l’ ennesimo libro scopiazzando fesserie già ampiamente smentite per arrivare alla straordinaria rivelazione che Gesù era gay il punto non è se il lettore è credente o meno ma se il lettore vuole leggere spazzatura senza fondamento o indagini serie.

Tutti noi, in particolare chi non conosce il cristianesimo perché non interessato, veniamo bombardati da queste scemenze che ci portano a costruirci una cornice interpretativa le cui fondamenta sono completamente errate.

In questo contesto di disinformazione totale si inseriscono i “consigli al nuovo pontefice” riguardanti posizioni politiche della Chiesa.

Eccone uno ricorrente: “La Chiesa dovrebbe uscire dal medioevo eleggendo un Papa progressista che apra alle unioni gay, all’aborto, al sacerdozio femminile e al matrimonio dei sacerdoti bla, bla bla”. Apparentemente, soprattutto dal punto di vista laico, è una frase sensata.

La Chiesa però non è mai cambiata su queste posizioni e i non credenti la considerano oscurantista e reazionaria per questo, molti cattolici non praticanti invece si chiedono perchè la Chiesa cui nominalmente dicono di appartenere non adotta le posizioni della società di oggi.

“Se solo la Chiesa cambiasse la propria posizione sui contraccettivi tutti la apprezzerebbero, perchè non lo fanno?” Frase già sentita?

Perchè hanno bisogno di un Papa giovane e modernizzatore, risponderebbe il credente disinformato.

Perchè sono dei vecchi bigotti reazionari, risponderebbe il non credente e, dal suo punto di vista, avrebbe ragione.

l punto che nessuno capisce è che la Chiesa sta agendo coerentemente rispetto al proprio sistema di credenze: le posizioni “politiche” della Chiesa sugli omosessuali o sull’aborto sono basate sulla propria dottrina e per modificarle bisognerebbe cambiare la dottrina. La Chiesa non prende quelle posizioni non perché intrinsecamente medioevale e reazionaria ma perché altrimenti rinnegherebbe la propria stessa dottrina.

Quello che il non credente chiama aggiornamento significa invece rinnegamento e suicidio.

Un ateo potrebbe correttamente rispondermi che secondo lui Dio non esiste e che la dottrina della Chiesa è una scemenza basata su un vecchio libro che continua ad ostacolare il progresso e la tolleranza. Non contesto questo modo di vedere le cose ma chiedo all’ateo di comprendere che la Chiesa è perfettamente coerente all’interno di quello in cui crede; è coerente anche nell’essere, come direbbe lui, reazionaria.

Già oggi si sono diffuse in rete immagini e citazioni di Papa Francesco sull’omosessualità al grido di “vedete! È reazionario anche lui!”.

Ora, un ateo non può realisticamente sperare che esista un Papa che contraddica la dottrina per fare il progressista. Il non credente dovrebbe piuttosto auspicare che non ci sia proprio un Papa o che nessuno lo ascolti, in nome della laicità dello Stato.

Il Papa è reazionario? È perché sta facendo il suo lavoro e sta rimanendo coerente con la verità che dice di possedere, che un ateo speri in un Papa progressista è senza senso.

Invece il credente non praticante, e quindi scarso conoscitore della dottrina e delle sue basi, ritiene che la Chiesa possa e debba adattare le proprie posizioni per stare al passo con i tempi e auspica un Papa pop carismatico e progressista.Il credente non praticante non si rende conto del fatto che questo comporterebbe il rinnegamento della propria dottrina e renderebbe la propria religione un guscio vuoto, i teologi modernisti, che ispirano questi credenti casual, invece se ne rendono perfettamente conto e anzi lo auspicano.

Ma quindi la dottrina si può cambiare e adattare al mondo come dicono i teologi modernisti?

No, significherebbe creare una nuova religione. Per usare l’esempio di prima: la posizione cattolica sull’omosessualità è basata sulle sacre scritture e sull’insegnamento di alcuni santi e padri della Chiesa e per cambiarla bisognerebbe ignorare e rinnegare queste fonti: di fatto non sarebbe più il cattolicesimo ma una nuova religione con una dottrina diversa sugli omosessuali. Significherebbe ammettere relativisticamente che il mondo è andato avanti e che la Bibbia è un libro scritto da uomini con una mentalità vecchia di alcuni millenni; da un punto di vista laico dire questo è certamente logico ma non lo è da un punto di vista religioso.

In quanto religione la Chiesa afferma di possedere una verità rivelata, realisticamente può un Papa dire che si sono sbagliati per duemila anni ma che adesso cambiano come è cambiato il mondo? Qualcuno la chiamerebbe verità? Una verità che dura fino a che non cambiano le opinioni della massa ha senso? Avrebbe senso credere in una Chiesa del genere?

Per questo dico che non ha senso che un non credente, che ritiene siano tutte scemenze, si aspetti questo cambiamento da un Papa o, ancora peggio, che sia un credente a sperare in un Papa così.

Se la Chiesa possiede la verità questa è valida sempre e non può essere adattata ai cambiamenti del mondo.

Per mantenere la coerenza con la propria tradizione e la propria dottrina, per mantenere la propria pretesa di verità la Chiesa non può certo cambiarla questa verità.

La Chiesa può cambiare il suo approccio al mondo ma non i principi dottrinali su cui è fondata.
“Se la Chiesa facesse questi cambiamenti tutti la apprezzerebbero” è la frase fatta con cui i modernisti giustificano le loro pretese.

È opportuno chiedersi una cosa allora: queste persone parlano di una religione o di una Chiesa ONG (lo stesso esempio fatto ieri da Papa Francesco)? Parlano di una religione in cui si crede o di un’organizzazione umanitaria come Amnesty o la Croce Rossa che la gente apprezza per il suo impegno umanitario?

La Chiesa deve guardare a fedeli e credenti o alla popolarità mediatica?

Esiste una sola persona che diventerebbe credente perché la Chiesa è diventata progressista o piuttosto direbbe: “credono comunque in delle scemenze ma almeno fanno del bene”?

In compenso chi è credente e si vede cambiare e relativizzare le cose in cui credeva dovrebbe correre il più in fretta possibile verso la più vicina parrocchia ortodossa.

Esiste il consenso mediatico e l’accettazione dei laici da una parte ma c’è anche il “consenso spirituale” dei fedeli dall’altra, a quale dei due dovrebbe interessarsi di più la Chiesa?

Ma andiamo ad analizzare i nostri simpatici teologi modernisti che sperano che finalmente Francesco sia il Papa che cambierà tutto e stroncherà la tradizione, dal celebre Hans Kung alla parodia nostrana Vito Mancuso.

Sul primo credo che nominare il suo libro “Con Cristo e con Marx” basti per distruggerne la credibilità di fronte a chiunque abbia un cervello, ateo o credente. La sua teologia è un continuo chiedersi se Dio esiste e la risposta a cui è arrivato in sostanza è “mi piacerebbe saperlo”.

Quanto a Mancuso cito una felice frase del filosofo e studioso del marxismo Costanzo Preve che potete trovare QUI e che consiglio a chi ha tempo di leggere.
“La concezione di Mancuso di Dio come “sorgente e porto dell’essere-energia”, a metà fra Teilhard de Chardin ed uno sciamano siberiano, fa rimpiangere la vecchia concezione tomistica classica.” Detto da un non credente come Preve.

La teologia di Mancuso può essere riassunta in “non rispetto nessun dogma, reinterpreto soggettivamente tutta la fede come mi pare, sono in contraddizione con gli ultimi duemila anni ma vi assicuro che sono cattolico”. Teologia individualista fai-da-te.

Queste persone e gente come Don Gallo non sono cattolici progressisti come si definiscono ma semplicemente non sono cattolici, credono in una religione da loro creata che prende le parti che più fanno loro comodo dell’ intero corpo della dottrina della Chiesa Cattolica.

Mi chiedo solo perché si ostinino a dirsi cattolici anche quando più nessuna Inquisizione li verrà a mettere al rogo se ammettessero di non esserlo, che si facessero la loro Chiesa personale progressista!

Sui giornali in questi giorni questi teologi fai-da-te insieme a molti atei progressisti, che non possono fare a meno di dare consigli a una religione in cui non credono, si sono affrettati a immaginare gli scenari di rinnovamento più assurdi in seguito all’elezione di Papa Francesco, ad esempio Scalfari oggi afferma che “per questo prete di strada non possono esistere principi non negoziabili”, mi piacerebbe sapere su quali basi lo afferma.

Per ora tutti i sogni con cui queste persone hanno imbrattato pagine e pagine di quotidiani rimangono overthinking e speculazioni prive, in larga parte, di basi a proprio sostegno: consiglio loro di risparmiare l’inchiostro.

Papa Francesco è chiaramente un Papa che segna una discontinuità con Benedetto XVI ma è stato evidentemente eletto, e anche piuttosto in fretta, anche con i voti dei conservatori. Non c’è quindi stata la grande rivincita dei progressisti nella battaglia finale ma un semplice compromesso, mi dispiace rovinare gli avvincenti romanzi che i vaticanisti da due soldi hanno inventato ma la verità è probabilmente ben meno cinematografica della loro versione.

Sarà un Papa più povero nel cerimoniale e nel vestire, sarà un Papa più attento al sociale che alla teologia forse, potrebbe essere un Papa mediatico e carismatico come Giovanni Paolo II ma è alquanto improbabile che sia l’ossimoro che queste persone desiderano: il Papa hippie progressista LGBT.

Che nessun sano di mente si aspetti che dica sì ai matrimoni gay, all’aborto e via dicendo: se lo facesse non sarebbe un Papa cattolico ma un eretico perché andrebbe a contraddire la dottrina rivelata.

Personalmente avrei piuttosto voluto un Pio XIII, ma mi riservo di giudicare Papa Francesco per quello che farà realmente e non per quello che i modernisti vorrebbero che facesse.

Un cattolico dovrebbe sperare che questo Papa sia carismatico ma che difenda la verità in cui crede e non certo che la cambi. Un ateo, che in quella verità non crede, dovrebbe invece sperare che si mostri coerente con la propria dottrina e che il mondo di oggi lo rifiuti.

Ma sperare in un Papa progressista non dovrebbe avere senso indipendentemente dal fatto che si sia o meno credenti.

Spero di aver polverizzato qualche luogo comune, grazie per aver letto tutto il text-wall.

Laicità e Laicismo, Politica e Società

Manifesto del Cinismo-Scetticismo

Manifesto del Cinismo-Scetticismo

di Jàdawin di Atheia

Questo è uno scritto che risale a circa il 1981 dc: è pressoché opera mia, e di pochissimi altri. Facemmo anche un solitario attacchinaggio sui muri di alcune università di Milano e di alcune scuole.

È il frutto della disillusione della fine degli anni Settanta, del riflusso e della lettura di Max Stirner. Quella che segue è la terza edizione del Manifesto.

***

Come mai “cinismo-scetticismo”?

Chiariamo subito che è una provocazione ironica contro tutti gli “ismi” che hanno imperversato negli ultimi anni, rovinando vite e coscienze e recando confusione laddove poteva esserci chiarezza, ora che queste ideologie sono ormai prive di fondamento e prospettive.

I due termini usati stanno inoltre ad evidenziare la nostra sfiducia ed incredulità verso qualsiasi ideologia preposta e proposta ad un cambiamento radicale di questa società, che sia veramente tale e che non si risolva, come finora è avvenuto, in un fallimento o in una mera riproposizione degli stessi valori e principi della società attuale, mediocremente rivisitati e squallidamente mascherati come “rivoluzionari”.

Ovviamente gli esempi si sprecano.

C’è chi ancora crede, bontà sua, nella validità e proponibilità della “gloriosa Rivoluzione d’Ottobre”, c’è chi è “rifluito”, eufemismo per non dire “integrato”, in maniera indegna e diffamatoria, c’è chi è ancora maoista perché gli attuali dirigenti cinesi sono “revisionisti e traditori” (però siamo sicuri che dalla Cina di Mao sarebbero scappati al volo), e c’è chi, per avere ancora qualcosa da dire, usa una dialettica densa di sottili distinguo che tempi addietro non avrebbe nemmeno preso in considerazione, il tutto in un’ottica democratica, al passo coi tempi.

Gli unici “compagni” ancora in circolazione o sono vecchi irriducibili fedeli dello storicismo marxista dei tempi lunghi, quelli che ancora credono che se non verrà la rivoluzione il capitalismo cadrà vittima delle sue contraddizioni, magari dopo un olocausto nucleare, oppure sono giovanissimi freschi alla politica e illusi e, siccome siamo nella prima metà degli anni Ottanta e non nel 1969, molto più stupidi.

Tra le file dei primi è spiacevole annoverare anche Ernest Mandel, che parla di tardo-capitalismo e si illude sulla sua caduta, nonostante sia un grande economista militante della IV Internazionale trotzkista.

Ci sono anche i mezzi integrati, che si sono fatti una ragione e sono diventati artisti, impiegati modello, psicanalisti o aspiranti tali, intellettuali “disorganici” che discutono oziosamente su quello che altri o, magari, essi stessi consideravano qualche anno prima “cultura borghese” falsa, decadente e inutile, e apprezzavano solo Ivan Della Mea, Franco Trincale, gli Inti Illimani e via annoiando nella “cultura proletaria”.

Anche noi abbiamo cambiato idea e non per questo li rimproveriamo, ma per il modo con cui lo hanno fatto.

Abbiamo cominciato ad avere dei dubbi proprio con il problema della cultura.

Allora si liquidava tutta la cultura precedente perché era prima della Rivoluzione, ed esprimeva valori di classe (borghese o comunque benestante) e si salvavano solo gli artisti proletari, ovvero i peggiori, sempre che fossero in linea.

Noi non eravamo d’accordo.

Pensavamo e pensiamo ora più che mai che una cultura unita a una concezione di rispetto e vita in armonia con la natura e con l’ambiente sia l’unico cardine e sostegno di un’esistenza degna di essere vissuta. La cultura passata, pur di classe e proprio per questo, è un elemento fondamentale della vita degli individui nel corso del tempo e come tale è parte di tutti noi, anche se non ce ne rendiamo conto.

Non eravamo d’accordo coi sogni millenaristi di chi era pronto a buttare a mare tutto il passato, e con esso le proprie origini, con la scusa di fondare un mondo completamente nuovo, in cui il vecchio in quanto tale era negativo e non aveva posto: tutto ciò che aveva qualche relazione con lo sfruttamento dell’uomo sull’uomo doveva scomparire, e sappiamo bene che ancora oggi c’è gente disposta, con questa mentalità, a radere al suolo città, cattedrali, monumenti e a bruciare opere d’arte e libri, proprio come hanno fatto despoti e papi, tiranni e sacerdoti, gli stessi che si urlava a gran voce di voler combattere.

Erano gli stessi che, pur avendo in parte goffamente sperimentato nuovi modi di convivere e di rapportarsi con gli altri, non erano stati capaci di uscire dai ruoli di genere loro imposti dai genitori, dalla famiglia, dalla società, dalla scuola e dagli stessi leader rivoluzionari.

Costoro non capiscono, ovviamente, che ai fini ideologici non è importante il simbolo ma il suo significato.

Quando il fiume impetuoso della protesta e della contestazione è cominciato a diventare un rigagnolo, ovviamente insieme alla frustrazione ed alla delusione è arrivata anche una maggiore disponibilità alla riflessione. Le lenti colorate dell’ideologia sono cadute e i paraocchi si sono aperti. Questo anche grazie alla degenerazione dei rapporti tra i Paesi comunisti indocinesi, il regime fanatico, mostruoso e assassino dei Khmer rossi cambogiani, i profughi vietnamiti della boat people, pur con l’oro nei vestiti e la scarsa propensione a rimboccarsi le maniche.

Lasciando da parte diplomi e specializzazioni abbiamo cominciato a pensare che se dopo tanto tempo dalla pubblicazione del Manifesto di Marx ed Engels e dalla Rivoluzione Bolscevica non un solo Paese poteva essere considerato autenticamente socialista e quei pochi che si ritenevano tali mostravano piuttosto il volto della burocrazia e della repressione, qualcosa non funzionava.

Non funzionavano le analisi e le previsioni di chi considerava la società e i meccanismi socio-economici solo campi di esercitazione per formule matematiche e analisi astratte e non come insiemi e processi di individui con complesse interrelazioni. Noi non consideravamo più tali insiemi come masse compatte con poche e chiare posizioni contrapposte ma come pluralità di individui veramente a sé stanti, ognuno con una sua storia, una sua personalità ed un suo modo di ragionare. E a gente che vive e lotta giorno per giorno per la semplice sopravvivenza in questo mondo ostile non si può ancora parlare di tempi lunghi e di sol dell’avvenire: non ascoltano più.

Si potrebbe avanzare l’ipotesi che spieghi perché le grandi stagioni della Storia e dei movimenti culturali, artistici e politici durano dieci o vent’anni: caduta un’illusione se ne cerca subito un’altra di cui nutrirsi per un altro periodo.

Anche noi, che come unica certezza possediamo quella che appunto di certezze non ne abbiamo, non siamo certi se dare ragione agli idealisti o agli indifferenti, consci di come queste siano però solo categorie di comodo, molto labili e aleatorie.

Nella prima categoria, nella quale ci ritroviamo pur se scettici, possono ritrovarsi in parecchi:

  •     fanatici soldati del partito armato che, invece di limitarsi ad eliminare qualche ben noto e repellente esponente del potere senza tante chiacchiere, continuano a lasciarsi alle spalle morti inutili condite con una ideologia irreale e priva di fondamento, ciò dimostrato da un’incredibile propensione al pentimento;
  •     i riformatori di ogni sfumatura e profumo floreale che hanno sempre accettato questo sistema pur con qualche superficiale correzione e modifica, e attualmente straordinariamente somiglianti ad altri passati regimi e metodi;
  •     gli ex-rivoluzionari, che non parlano nemmeno più di rivoluzione ma soltanto di ampliamento della democrazia, alla disperata ricerca, però, di un Nicaragua che sostituisca nei loro cuori la non più tanto idilliaca Indocina;
  •     i mistici orientalisti o celtici e i variamente definibili paladini della Tradizione, che non hanno certo paura si essere, di volta in volta, evoliani, guenoniani, mussulmani, neodestristi, tolkeniani e buddisti;
  •     e anche, perché no, i militanti integralisti dei cattolici d’assalto che hanno, a loro modo, degli ideali da perseguire con cieca determinazione, sorretti nella fede dal peggior papa reazionario degli ultimi secoli.

Nella categoria degli indifferenti e in qualche caso opportunisti si possono collocare:

  •     la moltitudine sterminata degli ignoranti, magari orgogliosi di esserlo, dei sacerdoti del banale e del luogo comune;
  •     quelli che agitano la mano quando “c’è la televisione”;
  •     i tifosi degli stadi e gli ultrà delle varie squadre che si ammazzano tra di loro riparandosi dietro colorazioni politiche quanto mai ridicole e fuori luogo;
  •     quelli che vogliono un governo stabile non importa di che colore sia;
  •     i “lettori” di giornali ma solo delle pagine sportive;
  •     i corridori della Stramilano all’insegna del qualunquismo generalizzato e del marciamo in allegria a tutti i costi invece che fare le manifestazioni;
  •     gli spettatori che si assiepano estasiati alle marce dei bersaglieri;
  •     i ballerini del liscio e i saltellatori di discoteca;
  •     i paninari coi loro giubbotti e le loro facce da bravi ragazzi;
  •     i buzzurri e i cafoni di tutte le razze e provenienze, stipatori di stazioni e metropolitane.

Costoro sono, tutti o in parte, anche quelli che sono disposti a credere in un’ideologia solo a tempo determinato. Considerando solo questo ultimo aspetto possiamo dar loro veramente torto?

Dar loro ragione equivale, vista la situazione attuale, a ritenere valido il riformismo, il sindacalismo e tutte le lotte minime e settoriali che non mettono in discussione il sistema alla radice ma che, bene o male, ottengono dei risultati pratici che si possono constatare. E noi, a maggior ragione, che non crediamo più alla rivoluzione totale, a breve o a lungo termine, non dovremmo forse rifugiarci nel riformismo, giudicandolo il minor male?

Per noi invece l’unica soluzione è quella dell’indifferenza ironica, cinica e scettica.

Siamo ironici perché constatiamo che è una qualità che manca a tutti i politici, comunisti del PCI in testa, e perché pensiamo che un’ironia non generalizzata e qualunquista, ma comunque rivolta a tutti coloro che si rendono ridicoli, e sono tanti, potrebbe far molto più male di tante seriose discussioni e tavole rotonde.

Siamo cinici perché non abbiamo rispetto per nessun valore, per nessuna morale, per nessun tipo di etica, giudicando tutto ciò una limitazione della libertà e delle potenzialità degli individui.

Siamo scettici perché siamo convinti che nessuna teoria o idea, sia nel campo filosofico-scientifico sia nel campo politico-culturale, sia positiva o negativa, giusta o sbagliata in toto, ma che ognuna abbia in sé, in varia misura, aspetti corretti ed errati.

E infine siamo scettici di fronte a qualsiasi prospettiva di cambiamento perché non vediamo le prove di una loro fondatezza.

Siamo convinti che un cambiamento reale, per essere tale, debba essere radicale ma, ciò nonostante, diffidiamo dei messia, dei profeti, dei posseduti da idee fisse.

Che cos’è un’idea fissa? – si chiedeva Max Stirner, divenuto ingiustamente e suo malgrado un profeta dell’anarchismo – un’idea che ha soggiogato l’uomo…oppure tutte le chiacchiere idiote dei nostri giornali, per esempio, non sono discorsi da matti, da maniaci delle idee fisse della moralità, della legalità, della cristianità etc? Se sembra che questi matti circolino liberi è solo perché il manicomio in cui si trovano è grande quanto il mondo…Basta leggere i quotidiani di questo periodo…e ci si convincerà facilmente di qualcosa di tremendo: siamo rinchiusi insieme a dei matti…Allo stesso modo ci sono grossi in folio sullo Stato senza mai mettere in questione la stessa idea fissa dello Stato e i nostri giornali rigurgitano di politica, perché sono fissati sull’idea che l’uomo sia fatto per diventare uno zoon politikon; e così i sudditi vegetano nella sudditanza, i virtuosi nella virtù, i liberali nella “umanità” etc. senza mai provare sulle loro idee fisse il coltello tagliente della critica…chi le mette in dubbio compie atto sacrilego, ecco cos’è veramente sacro: l’idea fissa!

Facciamo nostro, in gran parte, quello che Stirner ha voluto lasciarci: l’essere contro fino all’estremo, il materialismo esistenziale, l’esaltazione dell’individualismo e dell’egoismo, ma in un senso molto più costruttivo di quanto sembri a prima vista. Perché certe opposizioni non riescono a svilupparsi? Esclusivamente perché non vogliono abbandonare il tracciato della legalità o della moralità. Di qui le enormi ipocrisie a base di abnegazione, di amore ecc.; un vero schifo, da far venire ogni giorno la nausea più profonda di fronte a questo comportamento corrotto e ipocrita di un'”opposizione legale”…una rivoluzione e addirittura un’insurrezione è sempre qualcosa di “immorale”, qualcosa a cui ci si può risolvere soltanto se si smette di essere “buoni”, e allora si diventerà “malvagi”, o altrimenti né l’una né l’altra cosa.

Lo Stato lascia gli individui il più possibile liberi di giocare come vogliono, basta che non facciano sul serio e non lo dimentichino…la questione della proprietà non si può risolvere così facilmente come vagheggiano i socialisti e perfino i comunisti. Essa si risolverà soltanto con la guerra di tutti contro tutti. I poveri diventeranno liberi e proprietari solo quando si ribelleranno, si rivolteranno, insorgeranno. Quel che essi vogliono non è niente di meno che questo: la fine delle donazioni…

Anch’io amo gli uomini, non solo alcuni singoli, ma ognuno. Ma io li amo con la consapevolezza dell’egoismo. Io li amo perché amarli MI rende felice, io amo perché l’amore è per me un sentimento naturale, perché MI piace. Io non conosco alcun comandamento d’amore…se ci sono i ricchi, la colpa è dei poveri e noi aggiungiamo “in quanto non hanno impedito ai ricchi di diventare tali”.

Noi non ci consideriamo discepoli di Stirner, né tanto meno stirneriani, poiché proprio questo sarebbe la negazione del suo pensiero, così come Marx stesso diceva di non essere marxista. Ciò nonostante pensiamo che il nocciolo del pensiero di Stirner, da lui appena fatto intravvedere, stia in questo: tutto quello che ci danneggia accade perché noi permettiamo che accada, se ci ribellassimo, se ci opponessimo, non ci sarebbero sopraffazioni; se una società giusta ha la possibilità di esistere, è una società di individui unici che, difendendo ognuno la propria inviolabile unicità, si uniscono in una Unione di Liberi per sconfiggere la sopraffazione e l’ingiustizia.

Stirner dice io ho fondato la mia causa su nulla dicendo in realtà io non ho fondato affatto la mia causa perché non ne ho bisogno, essendo la mia persona stessa l’unica mia causa.

Noi siamo pessimisti: non abbiamo ragioni per credere che i miti della maternità, della famiglia, della Chiesa Cattolica e non solo, del consumismo e della sacralità della vita cadano e si dissolvano in un tempo accettabilmente breve; non pensiamo affatto che si possa arrivare definitivamente a un mondo dove la superstizione sia bandita, dove ognuno usi gioiosamente del proprio e dell’altrui corpo senza sentirsi in dovere di procreare a tutti i costi un bambino, dove la vita sia sacra ma nelle migliori condizioni di salute e non si abbiano remore a sopprimere un bambino già condannato ad essere un infelice per tutta la vita o a “staccare la spina” a un povero vecchio destinato comunque a un’agonia lunga e dolorosa; un mondo non più sovrappopolato ma dove una popolazione scarsa viva in un ambiente naturale integro e sano, pullulante di vita e di risorse pulite e ragionevolmente senza fine; un mondo dove non si produca solo l’indispensabile per una miriade di straccioni ma dove il superfluo ed il lusso siano alla portata di chi li voglia per il proprio piacere e non per quello che oggi rappresentano; un mondo dove non tutti siano poeti, scrittori, scultori, pittori e artisti, come ingenuamente sognava Marx, ma solo chi si senta di esserlo per sue proprie innate attitudini e non per “scuola”; un mondo a misura di tutti gli uomini e di tutte le donne, in cui si lavori il giusto necessario per vivere e non il contrario.

Un mondo così tanti lo sognano, e noi più degli altri, ma non crediamo che sia possibile arrivarci: per questo non facciamo più politica, per questo annulliamo la scheda alle elezioni, per questo, noi che ci abbiamo creduto veramente, non dedichiamo più la nostra vita ad una causa irrealizzabile. Tutt’al più si potrebbe fare qualcosa a titolo dimostrativo, ma di segno nettamente opposto al pacifismo, che noi detestiamo profondamente.

Per esempio, noi siamo contro la caccia, totalmente e senza condizioni: lo Stato non vuole abolirla perché ci sono troppi interessi in gioco? Benissimo, si potrebbero organizzare di “cacciatori” che mirerebbero però proprio alle natiche dei cacciatori, magari con scariche di sale, tanto per informarli di come ci si sente a essere preda loro stessi.

Ci sono insediamenti residenziali che deturpano il paesaggio e degradano la nostra terra a un gigantesco luna park? Li si fa saltare con la dinamite, naturalmente senza fare vittime, poiché noi non vogliamo ammazzare nessuno, anche se molti lo meriterebbero. E che non ci vengano a parlare delle costruzioni abusive con grande meraviglia, perché sappiamo bene che lo Stato ha i mezzi per accorgersi di una costruzione abusiva prima ancora che scelgano il terreno su cui edificare. E che ammettano che sono corrotti e prendono mazzette, anche se lo sappiamo già.

C’è il grosso giro delle pelliccerie, causa di sterminio di povere bestie magari allevate apposta per essere spellate? Si inducono i proprietari delle industrie e delle attività collegate a cambiare mestiere, incendiando loro la sede dell’attività. Un avvertimento di stampo mafioso utilizzato a fin di bene.

Ci sono le fabbriche che inquinano l’aria, l’acqua e il terreno come se niente fosse? Le si sabota, se ne boicotta la produzione, si sequestrano i beni prodotti e li si regala a chi ne ha bisogno.

C’è lo speculatore, il professionista, il dirigente che guadagna cento e denuncia dieci al fisco? Si forniscono le prove dei suoi raggiri all’autorità preposta e, siccome questa non farà niente o si farà corrompere, si provvede autonomamente al prelievo fiscale nei suoi confronti.

C’è lo speculatore che ogni anno da a fuoco migliaia di ettari di bosco per poi comprare il terreno bruciato per quattro soldi e così edificare? Gli si incendiano i beni, e se ci riprova lo si convince con sistemi più adeguati.

I gitanti della domenica se ne fregano dell’ambiente e lo riducono come la periferia cittadina dalla quale provengono? Li si obbliga a ripulire dove hanno sporcato e si da loro una lezione che non dimenticheranno facilmente.

Gli automobilisti guidano come deficienti, senza mettere le frecce e senza rispettare le più elementari norme di sicurezza e di prudenza? Li si insegue e si sfascia loro l’auto.

Sono metodi illegali? Certamente. Sono atti di terrorismo? È probabile, ma è l’unico modo veramente incisivo per dissuadere le ributtanti persone, e sono molte, che appestano la nostra società rendendola invivibile, repellente e disgustosa. E a chi crede nei metodi “legali” e pacifici diciamo solo questo: se si facesse la prova, dopo qualche mese di azione sistematica si vedrebbero più risultati che dopo anni delle loro campagne di stampa, denunce, sottoscrizioni, appelli, raccolte di firme, cause in tribunale e sdegnate grida di allarme delle persone benpensanti.

Io troverò senz’altro abbastanza persone che si uniscano a me senza giurare sulla mia stessa bandiera…: con queste parole di Max Stirner concludiamo questo Manifesto senza appelli né proclami, senza neanche firmarci.

L’unica firma potrebbe essere infatti

NOI

ovvero

Io+Io+Io+Io+Io+Io…………..+Io

l’Unione dei Liberi