Italiani brava gente? Questa sì che sarebbe una novità!

Su Hic Rhodus il 13 Marzo 2020 dc:

Italiani brava gente? Questa sì che sarebbe una novità!

di Claudio Bezzi

Ben comprendendone la necessità positiva, e in parte apprezzando anche lo sforzo, non nego di stupirmi un pochino nella descrizione dell’italianità positiva, capace, vincente che ne danno Cerasa sul FoglioBergamini sul RiformistaSevergnini sul Corriere e altri.

Intanto: calma e gesso. Aspettiamo di veder passare una settimana, poi due, poi semmai tre, senza vedere benefici immediati (deve passare “la coda” dell’epidemia, quella degli infettati in questi giorni che si manifesteranno nei giorni a venire), e vedremo come si comporterà il paese. Vedremo le partite iva a spasso senza reddito, i baristi chiusi, le aziende in ginocchio, ma anche semplicemente la vicina di casa senza il parrucchiere, l’umarel senza lavori in corso da guardare, lo studente senza movida e il giovane rampante senza apericena. Vedremo cosa diranno, cosa faranno.

Squarci di interviste, filmati apparsi sui quotidiani, ma anche la mia semplice osservazione diretta, vanno tristemente ad aggiungersi alla grande fuga da Milano dei giorni scorsi, all’assalto ai supermercati, alla gente che continua ad ammucchiarsi ignara, a formare un quadro complessivo che a me pare confermare che no, per niente, gli italiani sono gli stessi inaffidabili di sempre.

A questo punto mi assale un dubbio: e se tutta la mia diffidenza sulle capacità degli italiani di essere ordinati, razionali, composti, fosse solo un mio enorme errore? Se fossimo un popolo stravagante, sì, sempre a un passo dal baratro, ma alla fine capace di quel colpo di reni che ci rende così speciali, così sublimi? Che bello essere italiani! E che si fottano in Europa, che mica ci hanno capiti! Noi, ora, ci caviamo fuori dall’impaccio con un esempio storico di civismo, mo vediamo cosa combineranno loro, visto che l’onda virale gli si sta scagliando addosso! Ecco: se mi fossi sempre sbagliato io? Un vecchio brontolone, un cinico fuori della realtà, ecco quello che sono! Uno che gioca a fare l’antitaliano fuori tempo, che se lo potevano permettere il buon Montanelli, Pasolini anche, forse Moravia, ma io…

E però – ve lo dico – un tarlo continua a rodermi. Possibile che un popolo così virtuoso (virtuoso solo alla fine, sì, in zona Cesarini e preso per bavero, ma al dunque virtuoso) abbia potuto esprimere una classe dirigente così assolutamente sotto la soglia della decenza? Possibile che il meraviglioso e maledetto Sud stia già col culo stretto temendo l’affollamento negli ospedali, che farebbe crollare in due e due quattro una Sanità cronicamente malandata e saccheggiata (da chi? Dai sabaudi?). Possibile che certi stronzi che non nomino con nome e cognome per non beccarmi una querela (non ho i soldi di Travaglio, io non posso permettermelo) possano andare in giro a dire cose orrende, spaventose, false, non solo senza essere denunciati ma ricevendo lodi, ricevendo soldi, accumulando fan? Come si conciliano questi estremi?

Insomma: l’ipotesi di una virtù italica che al dunque saprebbe emergere, mi pare scontrarsi con tutta la storia italica, almeno dal ‘900 a oggi, che in mille modi mi mostra particolarismo, egotismo, superficialità, piccole furbizie e ricerca della linea di comportamento civico meno faticosa possibile.

Sto cercando allora di riflettere, da sociologo, sulle interdipendenze fra sottosistemi (economico, sociale, culturale…) per cercare di capire se sia possibile essere, assieme, dei furbetti da strapazzo ma anche dei pazienti disposti a sacrifici; dei populisti gradassi ma anche dei generosi capaci di solidarietà; dei fanfaroni egocentrici ma anche cittadini con senso civico. 

Pensa che ti ripensa non trovo una sola teoria sociologica, antropologica, psicologico-sociale, in grado di confortarmi in questa visione positiva.

I valori che sottostanno al tipico carattere nazionale (narcisismo, egoismo, familismo…) sono totalmente contrari ai valori che sorreggono il buon comportamento civico (sacrificio, senso della comunità, responsabilità). A meno di non ricorrere a teorie psichiatriche quali il doppio legame di Bateson, che farebbe di noi un popolo non solo meraviglioso, ma anche completamente pazzo. Può essere…

Chi vivrà (è tristemente il caso di dirlo) vedrà. Il vostro stanco e cinico blogger promette solennemente che una volta passata questa crisi (qualche settimana come dice Conte? Qualche mese come suggeriscono le proiezioni matematiche?) verrà su queste pagine a lodare le meravigliose virtù dei suoi connazionali, se sarà stato il caso di lodarle, facendo una feroce autocritica e promettendo di migliorare il suo caratteraccio per il futuro. 

In caso contrario io – e il blog tutto – faremo il nostro usuale lavoro di riflessione e di critica, e non cercheremo di indorare la pillola con lodi immeritate a un popolo che da decenni non pare azzeccarne una.

Intanto, spero come voi,

#iorestoacasa

(In copertina: il vostro blogger guarda mestamente fuori della finestra, dovendo restare in casa. Foto scattata da lui medesimo) (Nota mia: foto omessa)

Voglia di maggioranza!

Voglia di maggioranza!

Devo confessarlo: sono esausto! Sono proprio stanco di essere sempre parte di una minoranza, e a volte di una minoranza della minoranza!

Naturalmente questa condizione non riguarda soltanto l’ambito della religione e della laicità, ma viene da lontano.

Tra i dodici ed i quindici anni, indubbiamente condizionato da ciò che diceva mio padre, stavo cercando di rendere razionale un ateismo che avevo assorbito fin da tenera età. E avevo cominciato alcune letture che avrebbero dovuto chiarirmi le idee, ed indubbiamente lo fecero. Ma lo fecero talmente bene che mi inorgoglii del mio ateismo nei confronti di tutti gli amici di infanzia e del quartiere, col risultato di isolarmi completamente e, soprattutto nel primo annuo diurno delle superiori, non avevo amici e passavo le domeniche pomeriggio, da solo, al cinema. Ed eccomi subito minoranza!

Anche quando frequentavo l’oratorio, come molti facevano, per giocare soprattutto nel campetto di calcio lì vicino, ero tra i pochi che riuscivano a sfuggire alle grinfie del prete che, ad una certa ora del pomeriggio, rastrellava i ragazzi presenti per portarli a messa. Minoranza!

Pur nella eccezionale stagione degli anni ’70 e nella sinistra rivoluzionaria, ad un certo punto diventai trotzkista e quindi, ancora una volta, minoranza!

Anche nei comportamenti di tutti i giorni sono stato e sono minoranza: ambisco alla pulizia ed al senso civico e metto i rifiuti, anche quelli degli altri, nei cestini invece che abbandonarli un po’ dappertutto; in autostrada nella corsia di sorpasso non tengo la freccia a sinistra perennemente funzionante e quando rientro dal sorpasso metto la freccia a destra, oltre che mantenere sempre la distanza di sicurezza; quando un ambulanza soccorre un infortunato non mi metto insieme agli altri curiosi tutti intorno al malcapitato dando solo disturbo e fastidio a lui ed ai soccorritori; pur fumatore, alla fermata del tram spingo col piede sui binari i mozziconi che altri incivili hanno sparpagliato intorno e perfino nell’erba; nel vano rifiuti del mio palazzo metto ordine nella raccolta differenziata di cui altri si infischiano schiacciando bottiglie di plastica e flaconi, facendo a pezzi scatoloni che altri infilano interi nei bidoni e facendo sacchi che invece altri gonfiano all’inverosimile; se per strada non trovo un cestino per i rifiuti me li tengo in tasca finché non lo trovo, e via di questo passo.

In internet trovo decine di siti e blog fatti veramente male e pieni di errori, e lo segnalo: minoranza!

Non parliamo della politica e della religione: considero i principali esponenti dei due campi, viventi e defunti, degli autentici malfattori, il beato pugliese un impostore ed un esaltato e la missionaria kosovara una fascista mascherata da benefattrice: minoranza!

Nella musica reputo un noto cantante italiano, con un fastidioso difetto di pronuncia e che parla di un’ unica grande chiesa da Che Guevara a Madre Teresa, poco più di un cretino ed il rap come il gradino più basso raggiunto dalla musica in generale: minoranza!

Ora che ho superato la cinquantina e che vedo con ansia l’avvicinarsi del decadimento fisico e della morte non ho un credo consolatorio ad aiutarmi irrazionalmente a tirare avanti: minoranza!

In campo sportivo considero il tifo, specialmente quello calcistico, una malattia e mi trovo, pur cercando di non esserlo più, ad essere comunque tifoso di una squadra che non vince coppe internazionali da più di quarant’anni e aspramente antipatizzante della sua squadra cugina, che invece ha vinto l’inimmaginabile ed è pure la squadra dell’odiatissimo premier!

Ma ora basta! Ho deciso: non voglio essere più minoranza, voglio essere finalmente maggioranza! Andrò a messa (ovviamente con la Chiesa Cattolica, vado sul sicuro!), e mi sforzerò di convincermi che la sequela di idiozie che mi tocca sentire abbiano un minimo senso compiuto. Prometterò morigeratezza e poi farò il contrario, così finalmente farò parte della maggior parte dei cattolici! Andrò a confessarmi tutte le settimane, così poi sarò libero di compiere le peggiori nefandezze: più maggioranza di così! Ah, se almeno fossi medico, potrei fare l’obiettore di coscienza negli ospedali pubblici e poi praticare l’aborto nella mia clinica privata!

Che bella sensazione essere finalmente maggioranza! Cambierò anche squadra di calcio, così potrò vantarmi dei suoi successi in tutti i bar.

Nel mio palazzo smetterò di occuparmi della pulizia e mi comporterò incivilmente come la maggioranza di tutti gli altri!

Anche sulle strade me ne infischierò ed, anzi, in presenza di una coda sfreccerò allegramente nella corsia di emergenza come non ho mai fatto finora!

Ed io che avevo deciso di farmi cremare! Giammai! Mi farò la mia bella tomba come tutti gli altri, con una gigantesca croce e magari una statua in marmo di Carrara, e chi se ne frega se per far posto ai cimiteri, prima o poi, dovranno occupare i parchi e i terreni agricoli!

Che respiro di sollievo essere maggioranza! Ero contrario a fare figli, non me ne importava nulla e predicavo la denatalità perché ritenevo cha al mondo, anche in Italia, eravamo pericolosamente in troppi! Quante balle! Bisogna fare più figli, chi se ne frega se anche saremo in troppi, ci penseranno le generazioni future!

Un vero peccato che anni fa mi sia sottoposto a vasectomia….

I figli sono un dono della Provvidenza!

Però ora posso davvero consolarmi: finalmente faccio parte della maggioranza!

Jàdawin di Atheia