Archivi tag: referendum

Tanto rumore per nulla

in e-mail il 12 Gennaio 2017 dc:

Tanto rumore per nulla

Che fine ha fatto il No Sociale?

A un mese dalla strepitosa vittoria del No al referendum costituzionale, sembra che nulla sia cambiato. Renzi, uscito dalla porta, è subito rientrato dalla finestra, con le sembianze di Gentiloni. Il nuovo governo ha solo fatto un piccolo maquilagge.

Come prima? No, più di prima!

In alcuni casi, il cambio di poltrona serve a tamponare le falle della gestione precedente. Per esempio, all’istruzione, dove l’ex sindacalista Valeria Fedeli è chiamata a rimediare al valzer delle cattedre, causato dalla buona scuola di Valeria Giannini.

In altri, ci sono da affrontare problemi più spinosi, come il crescente flusso di profughi, demonizzati con la scusa del terrorismo. Per questo, agli interni, c’è Marco Minniti che ha riesumato i Cie, i Centri di identificazione ed espulsione, istituiti nel 2008 dal governo Berlusconi con la legge Bossi-Fini. Veri e propri lager, il cui unico scopo è creare paura e malessere tra profughi e migranti, per dissuaderli dal venire in Italia.

Al lavoro resta Giuliano Poletti. Deve solo fare qualche piccolo ritocco indolore al JobsAct, attenuando il ricorso sfrenato ai voucher che si sono rivelati un comodo espediente per coprire il lavoro nero. Corollario dell’imperante lavoro precario.

Con le nubi che si stanno addensando all’orizzonte politico, i vuoti di potere sono pericolosi. Motivo per cui, nel fronte del NO, si è presto frantumata l’opposizione parlamentare al governo Renzi. A destra e a sinistra. Ed è sempre più flebile la voce di coloro che chiedono le elezioni anticipate. Di fronte a Pil depresso, baraonda bancaria, licenziamenti dilaganti, calamità naturali, profughi in arrivo, e con credibilità politica in caduta libera, tra i partiti dell’opposizione è prevalso un prudente «buon senso» che, magari, potrà dare qualche vantaggio. Con le elezioni anticipate, invece, c’è il rischio di trovarsi con un pugno di mosche.

Nel gioco al massacro tra partiti, sta naufragando anche il Movimento 5 Stelle, ultima spiaggia della democrazia parlamentare italiana.

Ma questi sono problemi loro. Vediamo cosa succede nel fronte sociale, nel fronte delle lotte. Che invece ci riguarda.

Se Atene piange, Sparta non ride

In queste circostanze, il No sociale ha mostrato tutta la sua deleteria sostanza. Finita la kermesse elettoralistica, si è visto chiaramente che il No sociale portava solo acqua al mulino di una presunta opposizione parlamentare di sinistra. Peggio, poiché alla prova dei fatti, quel mulino macina a vuoto, stante l’ignavia della sinistra parlamentare. Dopo la «vittoria» del 4 dicembre, quella sinistra non è stata in grado di (o non ha voluto?) prendere la ben che minima iniziativa!

Ben più gravi sono le conseguenze nei confronti delle lotte proletarie, nei posti di lavoro, nei quartieri e nelle piazze. L’adesione al No sociale ha prodotto una deviazione politica che si è tradotta in un arretramento per buona parte del sindacalismo di base (la Cub di Tiboni in primis, con al seguito Sgb ecc.). Eccezioni meritorie il SolCobas e poche altre sigle, tra cui una parte dell’Usi-Ait.

Particolarmente sconcertante è stata la posizione del SiCobas che, dopo il delitto padronale di Piacenza (14 settembre), si è messo al carro dell’Usb. Ovvero al carro di un sindacato che, come è noto, è la longa manus di quella composita diaspora di nostalgici del fu Pci (cascami di Rifondazione & Co.), di cui ripropongono la medesima logica politica, senza capire che oggi è fuori tempo massimo. E può fare solo danni.

Lo stesso è avvenuto con alcune realtà politiche, anche di ben diverso orientamento. Realtà che, pur con una presenza assai più modesta, nelle situazioni di lotta erano comunque riuscite a conquistarsi spazi, a volte significativi. Dopo la capriola referendaria, dovranno faticare per recuperare il terreno perduto. Per ora, qualcuno si sta arrampicando sugli specchi per dare un significato alle sue scelte dissennate.

Del referendum istituzionale, non ce ne poteva frega di meno. Era l’occasione ideale per una forte astensione che solo dei collusi e degli sciocchi hanno voluto ostacolare.

Che dire? All’origine di questa balorda vicenda, c’è quella strategia politica che vuole separare la lotta economica dalla lotta politica e che, oggi più mai, ci porta in un vicolo cieco. Sempre più tetro.

È una strategia che rivela il disprezzo per l’autonomia politica e teorica dei proletari, da parte di coloro che pretendono di averne la rappresentanza politica.

Certo, l’Italia è un paese cattolico, dove siamo abituati ad affidarci alla provvidenza, e a raccomandarci a qualche santo in paradiso, per evitare la fatica di assumerci le nostre responsabilità. Ma fino a quando?

Seguendo questa strada, mai si uscirà dall’in-ferno del capitale.

Dino Erba, Milano, 12 gennaio 2017.

Annunci

Baruffe in sacrestia

da Dino Erna il 19 Febbraio 2016 dc:

Baruffe in sacrestia

Unioni civili e sacralità della famiglia

L’attuale dibattito parlamentare sulle unioni civili, per quanto acceso, maschera lo spirito conservatore di entrambi i contendenti. Nessuno mette un dubbio la sacralità della famiglia.  La differenza verte tra:

– la visione tradizionalista, legata al modello di famiglia che ha il suo pilastro nella Chiesa cattolica romana;

– la visione laicista che, proponendo una modello di famiglia flessibile, prende atto dei mutamenti intercorsi nelle relazioni sentimentali.

In realtà, con questa soluzione, i laicisti cercano solo di salvare un’istitu-zione superata e di fatto inesistente. Oggi, in Italia, la famiglia sta vivendo uno stato di profonda crisi ancor più incancrenito da lacci e lacciuoli che sono frutto della connivenza tra preti e governo. A ben vedere, la famiglia resta in vita solo grazie a iniezioni di vitamine ideologiche (ovvero palle), con l’unico scopo di supplire alle carenze di un welfare state sempre più anemico, dandogli un contributo essenziale con la cosiddetta «sussidiarietà», tanto cara ai cattolici.

Prendere atto di questa situazione, vorrebbe dire mettere in discussione il presupposto della famiglia: la proprietà privata, ovvero il sacro fondamento della società borghese. E questo è un tabù neppure da sfiorare a livello di ipotesi utopica. Questione che affronterò appena mi sarà possibile, tornando al vecchio Marx.

Ora, mi soffermo su controversie assai più terra terra, cercando di capire come mai la faccenda si sia impantanata in una bega tanto meschina e retriva.

Una tradizione familista e bigotta

È chiara la natura reazionaria del fronte avverso alle unioni civili. Meno chiara è la natura sagrestana del fronte favorevole che ha il suo pilastro nel Partito Democratico, un partito che ha ereditato quanto di peggio c’era in fatto di inciuci (trasformismo) nel fu Partito comunista italiano di Palmiro Togliatti e nella fu Democrazia cristiana di Alcide De Gasperi. Neppure a farlo apposta, la promotrice della legge, Monica Cirinnà, proviene da un’altra parrocchia, laicista (gli ex verdi dell’ex laicista Francesco Rutelli).

Anche i bambini sanno che la Democrazia cristiana di Alcide De Gasperi era legata a filo doppio al Vaticano. Mentre molti adulti (ingenui) pensano che il Partito comunista italiano di Palmiro Togliatti fosse un partito laicista e progressista, moderatamente, ben inteso. Errore!

Sono molti i fattori che contribuirono a spingere i nazional-comunisti nelle braccia del familismo più retrivo. In primis, il «partito nuovo» di Togliatti accolse cani e porci, dagli ex fascisti ai cattocomunisti, tutta gente quindi poco sensibile, se non contraria, a una visione laicista della famiglia.

Ma c’è di peggio. Il Migliore, come veniva chiamato Togliatti dai suoi fidi, pensava di essere un fine politico, un furbacchione … E molti lo considerano tale ancor oggi. Nella tattica dell’unità nazionale, il governo con la DC, volle essere più realista del re, per tenere in piedi una situazione del tutto contingente e precaria, come i fatti dimostrarono. Pensava che votando l’articolo 7 della Costituzione (il Concordato) si potesse assicurare una lunga permanenza al governo. Era il 25 marzo 1947. Dopo due mesi, 1° giugno 1947, De Gasperi scaricò Pci e Psi. E il Pci fu relegato all’opposizione (convection ad exludendum), da cui non ne uscì più, nonostante le avances del «compromesso storico» lanciate da Enrico Berlinguer a metà degli anni Settanta.

Trasformismo di corto respiro

Il Migliore pensava che fosse una momentanea battuta d’arresto. E non volle rimuovere le radici della cultura familista che, ormai, erano state piantate in profondità, grazie anche al contributo della sua consorte morganatica la mai abbastanza deprecata Leonilde Iotti. Quando sorse la possibilità di introdurre il divorzio,  sulla rivista teorica del partito, «Rinascita», la Nilde scriveva:

«Riguardo all’indissolubilità del matrimonio, consideriamo inopportuno porla in discussione, soprattutto per le considerazioni già svolte circa la necessità del rafforzamento dell’istituto familiare».

All’imperante familismo di marca cattolica il fu comunista Umberto Terracini cercò di apportare un po’ di salsa classista. In un comizio, di fronte agli operai di Terni, sostenne che il divorzio era «roba da ricchi», un lusso borghese non destinato ai proletari.

Dalle dichiarazioni ufficiali il veleno familista veniva iniettato nei sentimenti popolari con una stile ipocrita, degno di «Famiglia Cristiana» di quegli anni. Ci pensavano «Vie Nuove», il settimanale popolare, voce ufficiosa del partito, diretto da Luigi Longo, e «Noi donne», giornale dell’Unione donne italiane, emanazione del Pci. Alla rubrica Scrivete di voi a Michela, una lettrice di Catanzaro scriveva che il marito la tradiva e chiedeva: «Come posso fare? Cercarmi anch’io un altro legame o restare fedele a mio marito?» Ed ecco la risposta:

«Sii gentile con tuo marito, preparagli sem-pre una buona cucina, non fargli mancare gli abiti puliti e stirati, fargli sapere che intendi svolgere un’attività qualsiasi per sentirti occupata, mostrati intelligente, e comprensiva. Sono sicura che i rapporti con tuo marito miglioreranno».

È un esempio tra i tanti di un clima che pervadeva non solo i militanti ma anche molti intellettuali più o meno vicini al Pci, poeti e scrittori come Alfonso Gatto e Renata Viganò cadevano nella medesima retorica da sacrestia.

Ancor più rigide erano le chiusure riguardo all’aborto. Il riferimento era la gioiosa vita sovietica, regolata da una normativa non altrettanto «gioiosa», sorvolando che, all’indomani della Rivoluzione dell’ottobre 1917, era stata varata una legislazione assai avanzata in tema di divorzio, aborto e, in generale, di uguaglianza tra i sessi, favorendo le donne.

I panni sporchi si lavano in famiglia

La strisciante pruderie piccolo borghese dell’élite nazionalcomunista non escludeva l’aborto per salvare le apparenze. Quando fu eletta all’Assemblea Costituente (2 giugno 1946) Teresa Mattei era in attesa di un figlio il cui padre era già coniugato. A questo proposito Teresa ricorda:

«Togliatti voleva farmi abortire per timore dello scandalo, ma quel figlio io lo volevo … Dissi a Togliatti “Le ragazze madri in Parlamento non sono rappresentate, dunque le rappresento io”».

Decisione coraggiosa che però non avrebbe scalfito l’ipocrisia bacchettona del Pci, di cui abbiamo icastiche descrizioni nelle pagine di Guido Morselli e di Ermanno Rea.

Ci sarebbe anche da ridere. Purtroppo la crociata contro divorzio e aborto avrebbe aggravato ancor di più le tragedie familiari causate dal grande flusso migratorio che colpì il Mezzogiorno d’Italia a metà degli anni Cinquanta. Ma anche di fronte a questo disastro, la nomenclatura nazional comunista restò cieca e sorda.

Finalmente, nel 1966, il divorzio venne introdotto anche in Italia, per iniziativa del liberale Antonio Baslini e del socialista Loris Fortuna, sull’onda della campagna sostenuta dal Partito Radicale e dal settimanale scandalistico «Abc».

Cautela, prudenza, sempre un passo indietro

E quando, nel 1974, i clerico-fascisti cercarono di abrogare la legge il Pci di Berlinguer scelse la cautela, non volendo turbare le prime avances del compromesso storico con la DC, e senza neppure intuire quando bolliva nella società italiana. Il movimento contro l’abrogazione, con iniziative in gran parte spontanee, affrontò preti e squadristi, riportando un netto successo che sfiorò il 60% dei voti. DC e Pci restarono di palta.

I tempi erano più che maturi anche per una legge che consentisse l’aborto. Dopo un po’ di turbolenze, e qualche compromesso, entrò in vigore nel 1978.

Da allora molta acqua è passata sotto i ponti ma in Italia i tempi del diritto e della politica si sono fermati in Vaticano. I laicisti d’antan si son fatti vecchi e timorosi del buon dio. Mentre l’Irlanda, una volta roccaforte dell’oscurantismo clericale, grazie al referendum del 22 maggio 2015 è il primo Paese al mondo a introdurre nella Costituzione il matrimonio tra persone dello stesso sesso. In Italia c’è poco da stare allegri.

Col background clerical-trasformista cui ho accennato ci ritroviamo con le anime belle che, millantando «casi di coscienza», calano le braghe favorendo compromessi deteriori con le lobbies dell’assistenza clerical-privatistica, dal nido al hospice

Dino Erba, Milano 18 febbraio 2015.

Documento politico conclusivo del Comitato Centrale del PCL di luglio 2016

In e-mail il 14 luglio 2016 dc:

Documento politico conclusivo del Comitato Centrale del PCL di luglio 2016

LA NATURA REAZIONARIA DELLA BREXIT. PER UNA ALTERNATIVA DI CLASSE E SOCIALISTA ALLA UNIONE EUROPEA

La vittoria della Brexit, riflesso della crisi dell’Unione Europea, ha un segno reazionario.

Il No greco alla troika del luglio del 2015 era espressione di un’opposizione sociale di massa, segnata da rivendicazioni di classe e democratiche, poi tradite da Tsipras. La Brexit ha una valenza non solo diversa ma opposta. La campagna pro-Brexit è stata ispirata e diretta da forze reazionarie, apertamente antioperaie e antipopolari, attorno a una campagna centrata sulla contrapposizione ai migranti e sullo sciovinismo britannico. Una campagna che è riuscita a dirottare contro la UE un blocco sociale composito (settori di classe lavoratrice, la maggioranza della popolazione povera delle periferie e delle campagne, ampie fasce di piccola borghesia impoverita) capitalizzando la rabbia sociale prodotta da decenni di austerità e privazioni. La crisi del movimento operaio inglese, dentro la crisi più generale del movimento operaio europeo, ha favorito questo sbocco. Le forze diverse della sinistra che in nome di ragioni progressive o addirittura anticapitaliste hanno sostenuto la Brexit, si sono di fatto subordinate a questa dinamica reazionaria, commettendo un grave errore politico.

L’Unione Europea degli stati capitalisti è irriformabile da un punto di vita sociale e democratico. Le illusioni dell’europeismo riformista (Partito della Sinistra Europea) sono state smentite una volta di più dalla capitolazione di Tsipras alla troika. Ma un’alternativa alla UE può avere carattere progressivo solo a partire da una mobilitazione di classe e di massa che nei diversi paesi e su scala continentale metta in questione le politiche, i partiti, i governi della borghesia. La mobilitazione prolungata e di massa che a partire da marzo ha percorso la Francia contro la Loi Travail di Hollande, incidendo nel profondo sullo scenario sociale e politico francese, indica la possibile alternativa di classe alle soluzioni nazionaliste, reazionarie, xenofobe. La parola d’ordine strategica degli Stati Uniti socialisti d’Europa è la sola che può dare una prospettiva storica progressiva alla necessaria ripresa dell’iniziativa di classe in Europa, contro i governi borghesi e la loro Unione.

I RIFLESSI POLITICI DELLA BREXIT IN EUROPA

La Brexit ha aperto di fatto una fase politica nuova in Europa.

In Gran Bretagna contribuisce a riproporre, per reazione, le questioni nazionali irrisolte di Scozia e Irlanda. Nel continente alimenta tendenze contrastanti. Da un lato sospinge le iniziative composite del fronte reazionario e nazionalista in diversi paesi (Francia, Olanda, Danimarca, Austria) con analoghi contenuti xenofobi e sciovinisti. Ma dall’altro può favorire tendenze alla stabilizzazione politica conservatrice nel nome della “sicurezza contro il caos”, a fronte delle ricadute di crisi economica e bancaria che la Brexit ha alimentato: una campagna che può fare presa in ampi settori popolari e di piccola borghesia in particolare attorno alla difesa del risparmio. Il risultato delle elezioni spagnole, con l’ampia vittoria del Partito Popolare e il mancato sorpasso del PSOE da parte di Podemos, è stato segnato anche dalla reazione alla Brexit. Hollande e Renzi si propongono a loro volta di cavalcare la campagna “sicurezza” nei rispettivi Paesi.

Le conseguenze della Brexit sul piano della crisi capitalista e delle relazioni statuali interne all’Unione sono altrettanto complesse e andranno verificate nel tempo.

È presto per valutare se la Brexit potrà aprire una nuova fase di aggravamento della crisi economica internazionale. Di certo, nell’immediato, l’annunciato distacco della Gran Bretagna dalla UE minaccia il sistema bancario europeo, segnato da diversi punti di crisi (crisi delle banche italiane e portoghesi, difficoltà delle banche tedesche e francesi). Il contenzioso sulla Unione bancaria e sulla sua regolazione interna occupa dunque una volta di più il negoziato tra i principali stati capitalisti, sotto il segno di una nuova emergenza economica.

A sua volta il negoziato sulla Unione bancaria ripropone di fatto tutti i nodi irrisolti della crisi della Unione Europea: il fallimento del fiscal compact, le contraddizioni paralizzanti del suo quadro istituzionale, i contrasti tra gli interessi nazionali (come analizzati dall’ultimo CC).

Anche su questo piano il fattore Brexit sembra agire in forme contraddittorie. Da un lato la Brexit è essa stessa un effetto esplosivo delle contraddizioni europee. E per alcuni aspetti le approfondisce. Dall’altro lato proprio l’emergenza prodotta, e l’allontanamento della Gran Bretagna, possono sospingere la ricerca di nuovi equilibri pattizi tra i principali Stati imperialisti europei. Che saranno tuttavia condizionati nel loro esito non solo dai rapporti di forza interstatuali, ma anche dal ristretto margine di manovra dei governi borghesi sul fronte del proprio consenso interno, alla vigilia di appuntamenti elettorali di grande rilevanza (elezioni presidenziali in Francia, elezioni legislative in Germania, referendum istituzionale italiano).

LA SITUAZIONE POLITICA ITALIANA. LA CRISI DEL RENZISMO. LE ELEZIONI DI GIUGNO

La situazione politica italiana si pone in questo quadro generale.

Il renzismo è in aperta crisi. Il progetto del partito della nazione, mirato allo sfondamento elettorale del nuovo corso renziano, ha registrato una sconfitta. I risultati elettorali delle elezioni comunali segnano una perdita consistente del PD in larga parte d’Italia, con una flessione più accentuata nelle periferie metropolitane e nel Mezzogiorno. Il significato politico è chiaro: il renzismo ha esaurito da tempo la spinta propulsiva di quel populismo sociale di governo (operazione ’80 euro’) che ne aveva accompagnato l’ascesa nelle elezioni europee del 2014. Già le elezioni regionali del 2015 registravano la dispersione di quel patrimonio di consenso. Le elezioni comunali di giugno confermano e aggravano il dato.

La sconfitta del renzismo non è solo elettorale, ma politica. Il renzismo si era offerto alla borghesia italiana ed europea come l’argine vincente contro il populismo di opposizione. La vittoria del M5S a Roma e Torino contraddice esattamente quella funzione di contenimento. La stessa legge elettorale (Italicum) coniata da Renzi a misura delle proprie ambizioni di sfondamento rischia di trasformarsi oggi in un possibile strumento dei suoi rivali.

Il Movimento 5 Stelle è il vincitore politico delle elezioni del 5 giugno, al di là del suo stesso risultato elettorale, contraddittorio. Il M5S capitalizza diversi elementi della situazione politica, tra loro connessi. Non solo l’appannamento del renzismo, ma anche la frantumazione politica del centrodestra, con la sua contraddizione irrisolta tra berlusconismo in declino e un asse lepenista che segna il passo. Soprattutto capitalizza la crisi perdurante della sinistra politica, sullo sfondo della crisi sociale e dell’arretramento della lotta di classe. Da qui la sua straordinaria capacità di richiamo trasversale su elettorati di diversa matrice e provenienza, la sua diffusione nazionale (a differenza del salvinismo), il suo consenso concentrato presso la giovane generazione, in particolare tra operai, precari, disoccupati. Ciò che rende il M5S un vincitore naturale nei ballottaggi.

A partire dalla conquista di Roma e Torino, e a fronte della crisi del renzismo, il M5S accelera la propria candidatura al governo nazionale, moltiplicando la ricerca di una propria legittimazione presso gli ambienti dominanti, interni e internazionali. Anche da qui l’importanza della controinformazione classista sulla natura reazionaria di massa del M5S. Una denuncia tanto più essenziale di fronte al moltiplicarsi delle aperture verso il grillismo da parte di settori della sinistra riformista o centrista.

La sinistra politica conferma il proprio stato di crisi. Pur in presenza della crisi del renzismo, Sinistra Italiana ha registrato un arretramento rispetto ai risultati delle liste Tsipras nelle elezioni europee del 2014. Il processo costituente del nuovo soggetto della sinistra è dunque ulteriormente zavorrato dal voto. Persistono tutti i fattori che ostacolano il suo decollo: non solo il peso delle disfatte passate, ma l’assenza di un progetto nazionale dotato di una ragione sociale decifrabile, la mancanza di una leadership riconoscibile a livello popolare, la crisi dei livelli di mobilitazione sociale cui quella stessa sinistra (politica e sindacale) concorre. In questo quadro il rafforzamento del M5S come soggetto attrattivo dell’elettorato in uscita dal PD oltre a rappresentare uno degli effetti della crisi della sinistra concorre ulteriormente ad aggravarla. A tutto ciò si aggiungono la lotta interna di cordate per l’egemonia sul processo costituente del nuovo soggetto (che attraversa la stessa SEL) e i contrasti politici sui nodi irrisolti nel rapporto col PD ed oggi anche con i Cinque Stelle.

In questo quadro generale, marcato dalla crisi congiunta del movimento operaio e della sinistra politica, dall’arretramento della coscienza e dalla espansione populista, il risultato complessivo riportato dal nostro partito, certo molto modesto, non è negativo. A Torino e Napoli abbiamo subito la concorrenza penalizzante della formazione di Rizzo (con l’aggiunta a Napoli dell’effetto particolarissimo del fenomeno “peronista” di De Magistris), ciò che ha determinato risultati negativi. Positivo il dato di Milano (con l’ampio recupero sul 2011), e molto positivo quello di Bologna e Savona (col superamento di ogni risultato precedente). Apprezzabili infine i risultati registrati nei comuni minori.

Complessivamente, si conferma la positività della presentazione elettorale del partito ai fini della propaganda del nostro programma classista e anticapitalista e in funzione della nostra costruzione.

IL REFERENDUM ISTITUZIONALE COME SPARTIACQUE

I risultati elettorali di giugno, insieme al fenomeno Brexit, si riverberano sullo scenario politico nazionale di prospettiva. La crisi del renzismo è precipitata alla vigilia del referendum istituzionale (presumibilmente in ottobre) nel quale il capo del governo ha investito le fortune decisive del proprio progetto bonapartista. Da qui l’incertezza accresciuta del suo esito, tanto più in un quadro di crisi economica e di relazioni europee che non favoriscono nuovi margini di finanziamento di misure di populismo sociale (aumento delle pensioni minime, riduzione Irpef…). Al tempo stesso gli effetti di destabilizzazione prodotti dalla vicenda Brexit possono riconfigurare in parte, a determinate condizioni, il profilo della posta in gioco nella percezione popolare (un “voto per la sicurezza” vs l'”avventura dell’ignoto”). Questa è la nuova impostazione che il renzismo tenderà a dare alla prova per cercare di rimontare la china. Un passaggio che in ogni caso acquista oggi obiettivamente una rilevanza internazionale molto maggiore.

L’esito del referendum può costituire, per diversi aspetti, uno spartiacque nella situazione politica italiana, con diverse incognite.

Se Renzi perde lo scontro referendario, sarà il tracollo definitivo del renzismo come progetto populista bonapartista. Ciò determinerebbe una dinamica nuova, presumibilmente convulsa, di riorganizzazione degli equilibri politici e degli schieramenti, capace di investire formule di governo, legge elettorale, rapporti interni ai partiti (a partire dal PD). Si riproporrebbe, in altre forme, quel quadro di crisi di direzione politica della borghesia italiana che il renzismo ha provato a superare. Il M5S sarebbe nell’immediato il principale beneficiario di quell’esito, anche se paradossalmente privato in quel caso della legge elettorale più idonea per la sua ambizione di potere. Una contraddizione non secondaria.

Se Renzi vincerà lo scontro referendario si affermerà un nuovo modello istituzionale reazionario, con nuove pesanti ricadute sociali (salto della governabilità antioperaia).

Renzi farà leva sulla vittoria plebiscitaria per stabilizzare il proprio corso politico, cercando di sviluppare i suoi aspetti di regime. Al tempo stesso la fluidità dei flussi elettorali, sullo sfondo della crisi sociale, potrebbe ostacolare anche in quel caso l’ambita stabilizzazione politica, a favore di un M5S che uscito sconfitto dal referendum potrebbe beneficiare dell’Italicum che il referendum stesso sancisce. L’ipotesi di una affermazione del M5S alle prossime elezioni politiche, per quanto oggi prematura, non può più essere esclusa dalle prospettive possibili. Ciò porrebbe nuove incognite non solo al movimento operaio, ma alla stessa borghesia italiana circa la stabilizzazione del proprio quadro politico.

LA CENTRALITÀ DELLA BATTAGLIA CLASSISTA

Su tutto lo scenario politico e sulla variabilità delle prospettive grava la crisi perdurante del movimento operaio italiano. Nessuna variante progressiva è possibile, quale che sia l’esito del referendum, senza una ripresa della mobilitazione sociale, di classe e di massa.

Da qui la necessità di ricondurre la nostra battaglia per il No al referendum ad una ragione di classe riconoscibile: combinando la valorizzazione del fronte unico per il No a sinistra (contro ogni logica di separatismo minoritario), con la netta differenziazione politica sia dalle impostazioni puramente accademico-costituzionaliste, sia dalle torsioni populiste (il No “filo-Brexit”). Più in generale l’intero scenario nazionale ed europeo conferma la centralità della battaglia classista, in particolare tra i lavoratori e i giovani, contro tutte le varianti di populismo interclassista, e contro ogni forma di subalternità a sinistra verso il populismo.

Partito Comunista dei Lavoratori – Comitato Centrale

Islanda: chi sbaglia paga (e i debiti sono i suoi)

La bandiera dell'Islanda
La bandiera dell'Islanda

Dal blog Vergognarsi.it Informazione e Satira 2.0 del 25 Novembre 2011 dc

Islanda: chi sbaglia paga (e i debiti sono i suoi)

di Leonardo Iacobucci
asinichevolano.altervista.org

Questa è la storia di una rivoluzione. Sta accadendo ora, in Europa: anche se ad accorgersene sono pochissimi. Forse perché a farle da sfondo è l’Islanda: 103 mila chilometri quadrati, 320mila abitanti, una capitale grande come Reggio Emilia, cognomi impossibili.

Quindici anni di crescita economica avevano fatto dell’Islanda uno dei Paesi più ricchi del mondo. Ma su quali basi poggiava questa ricchezza? Il modello di ‘neoliberismo puro’ applicato nel Paese che ne aveva consentito il rapido sviluppo avrebbe ben presto presentato il conto. Nel 2003 tutte le banche del Paese erano state privatizzate completamente. Da allora esse avevano fatto di tutto per attirare gli investimenti stranieri, adottando la tecnica dei conti online, che riducevano al minimo i costi di gestione e permettevano di applicare tassi di interesse piuttosto alti. IceSave, si chiamava il conto, una sorta del nostrano Conto Arancio. Moltissimi stranieri, soprattutto inglesi e olandesi vi avevano depositato i propri risparmi. Così, se da un lato crescevano gli investimenti, dall’altro aumentava il debito estero delle stesse banche.

Nel 2003 il debito dell’Islanda era pari a 200 volte il suo PIL, ma nel 2007 raggiunse il 900 per cento.

La crisi finanziaria globale del 2008 è stata il colpo di grazia. Le tre principali banche islandesi, Landbanki, Kapthing e Glitnir,andarono in bancarotta e furono nazionalizzate, mentre la corona islandese perse l’85% del suo valore nei confronti dell’euro. Alla fine dell’anno l’Islanda dichiarò bancarotta.

Geir Haarde, Primo Ministro di un governo di coalizione socialdemocratica, negoziò 2,100 miliardi di dollari in prestiti, ai quali i paesi nordici aggiunsero altri 2,5 miliardi. Il FMI e l’Unione Europea volevano prendere in consegna il suo debito, dicendo che era l’unico modo per il Paese di pagare il debito ai Paesi Bassi e Regno Unito, che avevano promesso di rimborsare i propri cittadini.

Le proteste e le rivolte continuarono e alla fine hanno il governo dovette dimettersi.

Il nuovo governo, eletto con elezioni anticipate ad aprile 2009, era una coalizione di sinistra che, pur condannando il modello neoliberista fin lì prevalente, cedette da subito alle richieste della comunità economica internazionale: con una apposita manovra di salvataggio venne proposta la restituzione dei debiti attraverso il pagamento di 3 miliardi e mezzo di euro complessivi, suddivisi fra tutte le famiglie islandesi lungo un periodo di 15 anni e con un interesse del 5,5 per cento.

Si trattava di circa 100 euro al mese a persona, che ogni cittadino della nazione avrebbe dovuto pagare per 15 anni: un totale di 18mila euro a testa per risarcire un debito contratto da un privato nei confronti di altri privati.

Fu la goccia che fece traboccare il vaso. Fu a quel punto che la rabbia popolare esplose. A guidarla, in qualche modo, erano un cantante e una donna, lesbica. Di fronte alla situazione economica del Paese, i cittadini islandesi scesero in piazza. Non per un giorno solo: per 14 settimane.

Il risultato fu che il Capo di Stato, Olafur Ragnar Grimsson, si rifiutò di ratificare la legge che avrebbe reso i cittadini dell’Islanda responsabili dei debiti bancari e accettò l’appello al referendum. Naturalmente la comunità internazionale non fece altro che aumentare la pressione sull’Islanda. Nel referendum del marzo 2010 il 93% votò contro il rimborso del debito. Il FMI congelò immediatamente i prestiti. Ma la rivoluzione (non trasmessa in TV negli Stati Uniti) non si fece intimidire. Con il supporto di una cittadinanza furiosa il governo avviò indagini civili e penali sui responsabili della crisi finanziaria.

L’Interpol emise un mandato di arresto internazionale per l’ex presidente di Kaupthing, Sigurdur Einarsson, e per altri banchieri coinvolti che fuggirono dal Paese.

In questo clima concitato si decise di creare ex novo una costituzione islandese, che sottraesse il Paese allo strapotere dei banchieri internazionali e del denaro virtuale.

Per la nuova carta si scelse un metodo innovativo. Venne eletta un’assemblea costituente composta da 25 cittadini. Questi furono scelti, tramite regolari elezioni, da una base di 522 che avevano presentato la candidatura. Per candidarsi era necessario essere maggiorenni, avere l’appoggio di almeno 30 persone ed essere liberi dalla tessera di un qualsiasi partito.

Ed eccoci così arrivati ad oggi. Con l’Islanda che si sta riprendendo dalla terribile crisi economica e lo sta facendo in modo del tutto opposto a quello che viene generalmente propagandato come inevitabile. Niente salvataggi da parte di Bce o Fmi, niente cessione della propria sovranità a nazioni straniere, ma piuttosto un percorso di riappropriazione dei diritti e della partecipazione.

La sovranità nella bancarotta del capitalismo

La sovranità nella bancarotta del capitalismo

di Lucio Garofalo

Si parla ormai abitualmente (e impropriamente) di “debito sovrano”. Ma non c’è nulla di più errato e fuorviante del concetto di “debito sovrano”, coniato non a caso in un momento storico in cui gli Stati nazionali hanno ceduto totalmente la loro sovranità e autonomia decisionale di fronte all’arroganza e allo strapotere dei mercati finanziari.

In un’assurda e perversa catena di domino, i bilanci degli Stati più esposti al debito pubblico sono a turno travolti e assorbiti nel dissesto finanziario, coinvolgendo le altre nazioni, per cui risulta sempre più complicato adottare le politiche di “austerità” che mirano ad intensificare oltremisura la pressione fiscale e ad inasprire l’offensiva contro le tutele sociali del mondo del lavoro, al fine di sottrarre ingenti risorse dirottate verso il capitale bancario e finanziario, poiché una simile prospettiva comporta la dissoluzione definitiva di ogni intesa sociale, causando e autorizzando la sollevazione del popolo.

Papandreu ha dovuto sottomettersi alle costrizioni delle oligarchie finanziarie e revocare il referendum appena poche ore dopo l’annuncio. Papandreou non è Lenin e non serviva una mente eccezionale per capirlo. Diversamente da Papandreou, Lenin avrebbe promosso il referendum dichiarando l’insolvenza del debito pubblico del suo Paese. D’altronde è esattamente ciò che fece nel 1917: denunciò il debito pubblico dell’impero zarista e promulgò un decreto che fece tremare il mondo, azzerando l’enorme debito accumulato dalla Russia nei confronti delle potenze occidentali. Invece Papandreou non ha affrontato la sfida, temendo che un default della Grecia avrebbe risucchiato nel baratro finanziario l’intera Europa: ha preferito demolire la democrazia piuttosto che contrastare ed eliminare l’accerchiamento usuraio del proprio popolo da parte del capitale finanziario. L’entità del debito pubblico greco è assai modesta, ma sufficiente a rompere i rapporti di forza vigenti negli assetti della finanza capitalista internazionale.

Salvare la Grecia è un’impresa già ardua per gli equilibri politici europei, ma salvare un mondo sull’orlo della bancarotta è un’impresa praticamente impossibile. In un sistema globale in cui si agita lo spauracchio della crisi e si pretende di usare l’arma del ricatto finanziario per costringere gli Stati nazionali a compiere scelte inique e impopolari, ogni governo rischia di trasformarsi in una mostruosa tirannide esercitata in nome delle banche, un abietto strumento di rapina ed estorsione che annienta ogni elemento di sovranità popolare. Solo pochi mesi fa la maggioranza degli Italiani non sapeva nemmeno che esistesse il Fondo Monetario Internazionale, mentre oggi lo scopre improvvisamente a tutela del Paese. Anche dopo l’imminente cacciata di Berlusconi il rapporto stretto con il FMI vincolerà l’azione dei futuri esecutivi nazionali. Nei periodi di assenza di credibilità e sovranità della politica, le tecnocrazie finanziarie hanno imposto direttamente i loro fiduciari alla guida di governi detti impropriamente “tecnici”. E’ già avvenuto in Italia negli anni ’90 con Ciampi, Dini, Amato. Accadrà di nuovo con Monti.

Chiudo con un episodio salito recentemente alla ribalta della cronaca, destando un certo scalpore: un negozio di gadget elettronici, situato nel centro di Roma, è stato assalito da un’enorme ressa di clienti attirati dall’offerta di prezzi stracciati. La notizia è la classica eccezione che conferma la regola, la riprova del delirio allucinante del capitalismo, una testimonianza ulteriore che certifica l’aberrazione consumistica di massa, una droga che procura demenza e assuefazione: chi non consuma, sprofonda in una crisi d’astinenza.

Risolvere la crisi dal basso

Risolvere la crisi dal basso

di Lucio Garofalo

Il premier greco George Papandreou ha abortito la sua idea. Non a caso, dopo aver dichiarato al mondo l’intenzione di indire un referendum, è stato immediatamente convocato in un incontro a margine del G20, a cui hanno partecipato il cancelliere tedesco Merkel, il presidente francese Sarkozy e i vertici del Fondo Monetario Internazionale. E’ assai probabile che sia stato indotto, se non costretto, a rinunciare alla sua proposta. Risultato: il referendum è annullato ancor prima d’essere proclamato.

Una vicenda surreale, quanto emblematica, che testimonia l’insofferenza dei mercati azionari e delle élite finanziarie verso le regole democratiche e la sovranità popolare.

L’illusione suscitata dalla proposta annunciata e poi ritirata dal premier greco, è svanita troppo presto, nemmeno il tempo sufficiente per godersela. E’ stata una meteora. Alla stregua di altre esperienze effimere che si consumano in un attimo, stile “usa e getta”, tipiche del tempo fugace e della società consumistica di massa in cui siamo cresciuti.

Viviamo un’epoca meschina in cui conviene essere cinici, opportunisti e disincantati? Se così fosse, sarebbe inaccettabile. Dissipare o negare il diritto più prezioso agognato dall’uomo, cioè la libertà di sognare e di pensare in grande, è un delitto imperdonabile.

Il nostro è davvero un mondo i cui “eroi” sono per lo più figure mediocri e disilluse, pavide e pusillanimi? Così pare, purtroppo. Serve allora una risposta rassicurante, non consolatoria, un anelito di speranza che si può respirare nelle parole visionarie, dunque intelligenti e realiste, di un grande narratore come Paulo Coelho: “Il mondo è nelle mani di coloro che hanno il coraggio di sognare e di correre il rischio di vivere i propri sogni”.

***

Sarà un caso, ma le proposte più concrete e sensate per reagire alla crisi del debito sovrano, provengono dalla società civile, mentre le ricette “lacrime e sangue” calate dall’alto, ossia le prescrizioni imposte dalle sedi politiche ufficiali, dai cosiddetti “Palazzi istituzionali” che fanno capo agli interessi delle oligarchie tecnocratiche e finanziarie, sono del tutto inefficaci e controproducenti, oltre che inique e impopolari.

Ecco alcune idee di buon senso avanzate dal basso: 1) abolizione dei cosiddetti “paradisi fiscali”; 2) tassazione sulle rendite e sulle transazioni finanziarie internazionali; 3) ritiro delle missioni militari all’estero e abbattimento delle spese per gli armamenti; 4) contro-inchiesta per accertare le responsabilità sulla formazione del debito; 5) referendum per consultare i cittadini sulle manovre di “salvataggio”; 6) acquisto (volontario) di quote individuali dei titoli di Stato, quindi del debito pubblico, da parte dei cittadini che possono permetterselo (il debito pubblico italiano, mentre in passato era soprattutto interno, oggi è in gran parte esterno, cioè contratto con banche e altri soggetti finanziari internazionali, per cui l’idea di far comprare i titoli di Stato ai singoli cittadini avrebbe esattamente lo scopo di far rientrare il debito in Italia, nel senso che i creditori tornerebbero ad essere i cittadini); e via discorrendo con altre valide iniziative.

Sono solo alcune delle molteplici risposte alternative che semplici cittadini o ambienti della società civile stanno elaborando e promuovendo in questi giorni con ragionevole competenza e convinzione. Sono ipotesi assolutamente realistiche e praticabili, per nulla astratte o demagogiche, tantomeno ideologiche. Inoltre, sono soluzioni largamente condivise e realmente democratiche. Sfido chiunque a smentire questo dato di fatto.