Politica e Società, Scienza e Natura, Sondaggi

La divulgazione scientifica provoca danni?

Da Hic Rhodus il 17 Dicembre 2018 dc:

La divulgazione scientifica provoca danni?

di Ottonieri

Spoiler: pare di sì. Intendiamoci, sto per affrontare un tema estremamente scivoloso, perché dovrò basarmi su una definizione di danno che sarà di per sé controversa, e che potrebbe essere contestata dalle stesse persone che indicherò come concausa del danno in questione. Insomma, sto per infilarmi in un ginepraio da cui potrei non uscire.

Eppure, è difficile ignorare la questione, e tanto più difficile lo è per noi che già in passato abbiamo pubblicato diversi articoli sulla (crescente?) tendenza dei cittadini di paesi progrediti e dove la cultura scientifica è sviluppata, se non necessariamente diffusa, a compiere scelte irrazionali e contrarie alle evidenze, appunto, scientifiche. Io stesso, in alcuni post (ad esempio questo e questo) ho cercato di superare i limiti della semplice osservazione del fenomeno per addentrarmi nel più insidioso territorio della ricerca delle cause del fenomeno stesso.

Ma andiamo con ordine. Cominciamo quindi da un articolo pubblicato sulla rivista medica Lancet, intitolato The State of Vaccine Confidence, nel quale si annota con preoccupazione che

“L’OMS ha riportato 52.958 casi di morbillo in Europa a partire dall’inizio del 2018, più del doppio dei 23.757 casi riscontrati in Africa nello stesso periodo. Nell’inverno 2017-2018 gli USA hanno registrato circa 80.000 decessi per influenza a seguito di un record di oltre 950.000 ricoveri per ragioni legate all’influenza”

Cosa vuol dire? Essenzialmente che la disponibilità di vaccini contro il morbillo o contro l’influenza non basta a evitare un aumento delle vittime di morbillo e influenza se i cittadini per i quali la vaccinazione è raccomandata non si vaccinano.

Ovviamente, i vaccini non sono tutti uguali; anzi, parlare di “vaccini” è fuorviante, come se tutti avessero la stessa efficacia, gli stessi effetti collaterali, le stesse indicazioni e controindicazioni, e soprattutto come se tutte le malattie che essi prevengono fossero ugualmente diffuse e pericolose.

Tutti questi parametri, e altri, contribuiscono alla valutazione che conduce le autorità sanitarie a stabilire quali vaccinazioni siano raccomandate e per chi; ed è appena il caso di osservare che noi normali cittadini non solo non abbiamo accesso a tutte le informazioni necessarie a questa valutazione, ma non disponiamo (soprattutto) delle conoscenze e delle metodiche necessarie per compiere la valutazione stessa, frutto della ricerca scientifica. Per decidere a quale quota e velocità è opportuno che viaggi un aereo di linea è certamente necessario conoscere una serie di dati sull’aereo, la rotta, le condizioni meteorologiche, eccetera.

Tuttavia, se anche io conoscessi perfettamente tutti questi dati resterei incapace di stabilire quota e velocità ottimali per l’aereo: l’informazione non è condizione sufficiente per la conoscenza.

Premesso questo, il motivo per cui ad esempio in Europa ci sono molti più casi di morbillo che in un continente più popoloso e con standard igienici e sanitari mediamente molto inferiori è probabilmente ricercabile nell’affollata figura qui sotto, pubblicata nella ricerca The State of Vaccine Confidence 2016, che mostra chiaramente come l’Europa sia di gran lunga il continente più scettico circa la sicurezza e l’utilità dei vaccini (inutile dirlo, tra i paesi più scettici c’è l’Italia), mentre i paesi africani e del sud-est asiatico sono i meno scettici.

Fonte: EBioMedicine, The State of Vaccine Confidence 2016

Inutile osservare che l’Europa è anche, generalmente parlando, una delle aree dove i cittadini hanno più facilmente accesso a informazioni di ogni genere, incluse quelle di carattere scientifico e medico. La ricerca infatti ha riscontrato che

“Paesi con alti livelli di istruzione e un buon accesso ai servizi sanitari sono associati a livelli più bassi di opinioni positive [verso i vaccini], indicando l’emergere di una relazione inversa tra le opinioni sui vaccini e le condizioni socioeconomiche”

Cosa si può concludere da queste osservazioni? Una possibilità, naturalmente, è che chi è scettico verso i vaccini (o, forse più esattamente, verso le raccomandazioni delle autorità sanitarie) abbia ragione: nessun farmaco è assolutamente sicuro, né è giustificato un atteggiamento fideistico verso “i vaccini” o qualsiasi altro trattamento medico, e anche le autorità possono commettere errori per mille ragioni, incluse quelle dolose.

Forse la maggiore disponibilità di informazioni fa sì che gli scettici europei abbiano capito quello che sfugge ai meno informati africani? L’esperienza dice il contrario: senza pretendere di discutere qui la letteratura in materia, il morbillo tra gennaio e settembre 2018 ha provocato 37 morti in Unione Europea, di cui sei in Italia su circa 2.600 casi: sono numeri sufficientemente bassi da non generare un vero allarme, ma basta risalire all’inizio degli anni Ottanta per trovare nel nostro Paese medie annue di 40.000 – 50.000 casi segnalati (stimati essere forse il 10% di quelli reali), con il conseguente pedaggio in termini di parecchie decine di morti l’anno e molti più casi di complicazioni gravi.

A fronte di questo, la frequenza tipica di complicazioni derivanti da effetti avversi del vaccino combinato è riportata nella tabella qui sotto. In pratica, anche se tutti i neonati italiani fossero vaccinati entro il primo anno di età, l’effetto sarebbe avere in media uno o due casi di complicazioni gravi ma non fatali. La differenza tra il costo sociale delle complicazioni da vaccino e quello della maggior diffusione della malattia è un danno quantificabile, sostenuto a più livelli da tutti i cittadini, e imputabile appunto alle scelte divergenti dalle raccomandazioni di cui sopra.

Fonte: http://www.epicentro.iss.it

Ma naturalmente queste sono solo informazioni: e le informazioni da sole, come abbiamo visto, non generano di per sé conoscenza, né cambiano il modo preconcetto di pensare delle persone. Al contrario: l’ampia disponibilità di informazioni, più o meno attendibili e certificate, fa sì che ciascuno tenda a selezionare e “adottare” quelle che possono essere interpretate a favore delle sue credenze preesistenti, trovando invece modi per dichiarare inattendibili quelle che le confuterebbero (“non crederete mica alle statistiche dell’OMS, vero? Vi indico io una fonte affidabile!”).

Anzi, un recente articolo della rivista Scientific American riporta risultati di alcune ricerche in ambito psicologico che fanno ritenere che una maggiore preparazione su argomenti scientifici e sulla matematica, e un “punteggio” più alto in quello che gli autori definiscono “actively open-minded thinking”, non solo non riducano la tendenza ad accettare solo l’evidenza scientifica che rafforza i propri preconcetti, ma addirittura l’accentuino. Come evidenzia la figura qui sotto, relativa alle opinioni sul riscaldamento globale, più aumenta il grado di “alfabetizzazione scientifica” delle persone, più queste tendono ad adottare con forza l’opinione allineata con il proprio schieramento politico.

Fonte: Scientific American, cit.

Come spiegare risultati così sorprendenti? L’autore di alcune ricerche citate nell’articolo propone questa interpretazione:

“È razionale a livello individuale per i comuni componenti del pubblico [della comunicazione] recepire le informazioni in modo tale da ricondurle saldamente alle posizioni che prevalgono nel gruppo sociale o politico in cui essi si identificano”

Insomma, per molti la conferma del proprio senso di identità è più importante di sostenere un’opinione scientificamente corretta, e disporre di maggiori informazioni e preparazione serve solo a essere più efficaci nel trovare conferme ai propri preconcetti “di schieramento” nel mare delle informazioni cui abbiamo accesso.

Anche essere abituati a riflettere sulle proprie posizioni (l’indice CRT della figura, che sta per Cognitive Reflection Test) non sembra condurre a opinioni più scientificamente corrette, anzi. E, come dicevo in apertura, adottare attivamente non solo opinioni, ma anche scelte pratiche, divergenti dalla migliore policy definita dagli esperti sulla base delle conoscenze scientifiche disponibili, ha un costo personale e spesso sociale che si traduce in un danno collettivo più o meno grave (si noti che questo è un caso diverso da quello di chi, ad esempio, pur sapendo che il fumo fa male continua a fumare: una cosa è rifiutare di seguire una raccomandazione sanitaria per ottenere un piacere, un’altra cosa è rifiutare di seguire una raccomandazione sanitaria senza contropartita perché si rifiuta di credere che essa sia valida).

Il paradossale risultato è che aumentare gli sforzi nella divulgazione scientifica potrebbe avere come risultato il rafforzarsi delle opinioni antiscientifiche, e investire per rendere “aperto” l’accesso alle informazioni di base (che non sono conoscenza) ha probabilmente l’effetto di moltiplicare le interpretazioni errate delle informazioni stesse!

Dobbiamo quindi giungere all’amara conclusione che “si stava meglio quando si stava peggio” e che non ci sia modo di indurre il cittadino medio del mondo sviluppato a utilizzare in modo intellettualmente corretto la messe di informazioni e gli strumenti di informatizzazione di base di cui dispone? Oppure trincerarci in una posizione “antidemocratica” e cercare piuttosto di sottrarre all’opinione pubblica la possibilità di influenzare le policy pubbliche su temi scientifici?

Lo stesso articolo di Scientific American propone una possibile alternativa: l’attitudine che, unita all’alfabetizzazione scientifica e alla disponibilità di informazioni conduce a ridurre la polarizzazione delle opinioni sarebbe la curiosità scientifica. Il grafico qui sotto indica che la probabilità che una persona preferisca leggere un articolo che sostiene una posizione opposta a quella che si è predisposti a sostenere aumenta quasi proporzionalmente a un indice scelto per misurare la “curiosità scientifica”.

Fonte: Scientific American, cit.

Il risultato è che se si ripete la prova precedente, si vede che la distanza tra i due “poli” su un argomento politicamente divisivo come il riscaldamento globale si riduce al crescere della “curiosità scientifica”:

Fonte: D. Kahan et al., Science Curiosity and Political Information Processing

Conclusioni? A mio avviso, una che confuta le mie precedenti convinzioni e una che le conferma:

1) la formazione e l’informazione scientifica “convenzionali” non solo non aumentano la conoscenza scientifica diffusa ma rischiano di produrre l’effetto opposto. Chi fa divulgazione e comunicazione su argomenti scientifici (incluso immagino articoli come questo…) deve chiedersi se non stia agendo in modo controproducente rispetto ai propri obiettivi.

2) la scienza non è una collezione di informazioni e teorie ma un metodo di formazione della conoscenza, che si basa sui fatti e non su schemi preconcetti. Promuovere quel metodo e la passione per la ricerca della conoscenza è più importante che diffondere “informazioni”.

D’altronde, anch’io devo accettare i fatti anche quando non sono in linea con le mie idee presistenti, no?

Politica e Società

La guerra “umanitaria”

In e-mail il 26 Marzo 2011 dc:

La guerra “umanitaria”

di Lucio Garofalo

L’idea di una “guerra umanitaria” o “guerra per la pace”, come quella che viene propagandata dai mass-media in questi giorni, costituisce un orrendo ossimoro concettuale che tuttavia riesce a riscuotere ampi consensi e simpatie presso l’opinione pubblica mondiale. I concetti di guerra e pace sono un’evidente contraddizione terminologica che nessuno può negare.

Anche in passato si ricorreva ad ossimori concettuali per giustificare le guerre come, ad esempio, le “guerre sante” (si pensi solo alle crociate in Palestina). Oggi le “guerre umanitarie” o “guerre per la pace” sono il più sofisticato e, nel contempo, controverso stratagemma lessicale e ideologico inventato dall’imperialismo per ripararsi dietro un volto più ‘umano’ e più accettabile, perché abilmente camuffato, per coprire i crimini commessi in nome di un ideale assolutamente ipocrita.

Che la causa “nobile” consista poi nella fede religiosa, nella democrazia o nella libertà, nella pace o nell’umanitarismo, è irrilevante in quanto l’intervento bellico è in ogni caso brutale e sanguinoso, ma soprattutto l’ipocrisia che si traveste sotto il falso ideale è la stessa, nella misura in cui gli interessi sono ignobili e disonesti, riconducibili facilmente agli affari delle potenze occidentali che mirano ad impossessarsi delle ricchezze altrui. Quindi, anche questa è un’altra (l’ennesima) guerra compiuta in nome della voracità consumistica dell’occidente.

Non è banalmente una questione di pacifismo. La storia dimostra che le guerre non costituiscono la giusta soluzione per questo tipo di problemi, non sono uno strumento utile per salvaguardare i diritti umani, nella misura in cui le guerre non risolvono i problemi ma rischiano di aggravarli e moltiplicarli.

Infatti, il principale pericolo che si corre è di incendiare l’intero fronte dei Paesi arabi, incentivando e fomentando le spinte oltranziste ed islamico-integraliste che, almeno finora, erano parse inesistenti o comunque marginali nelle rivolte sociali del Maghreb, causando una pericolosa escalation militare in Medio Oriente, che è una polveriera ad alto rischio di esplosione.

Sgombrando il campo  da ogni ipocrisia bisognerebbe porsi almeno un paio di interrogativi. Anzitutto, perché la risoluzione dell’Onu n. 1973 non viene applicata in tutte le circostanze in cui i diritti umani sono violati? Perché si interviene militarmente in Libia ma non si interviene per bloccare, ad esempio, la repressione delle rivolte in Bahrein, nello Yemen e negli altri Paesi della penisola arabica e del Golfo persico, oppure non si è intervenuto quando Israele commetteva atti di violenza contro la popolazione palestinese della striscia di Gaza?

Oltretutto non si può fingere di non sapere che Gheddafi è stato fino ad ieri il principale alleato degli interessi occidentali e un ottimo socio in affari del governo Berlusconi e di altre cancellerie europee, in quanto è più facile e conveniente stringere patti scellerati e stipulare intese poco pulite con i regimi tirannici e dittatoriali piuttosto che con governi democratici.

Detto ciò, non bisogna sottovalutare le ragioni riconducibili al controllo delle risorse petrolifere di cui la Libia è uno dei principali produttori, né si può dimenticare, o fingere di non sapere che la Libia del colonnello Gheddafi costituisce da sempre un acquirente importante di armamenti occidentali, in particolare italiani. Ricordiamo che l’Italia risulta tra i primi cinque Paesi al mondo nell’esportazione di armi da guerra. Non a caso la resistenza delle truppe libiche si sta rivelando più tenace del previsto anche perché le armi in dotazione all’esercito di Gheddafi sono tecnologicamente avanzate e soprattutto di fabbricazione italiana.

Sulla base del ragionamento esposto, si può asserire che l’intervento bellico in Libia non abbia nulla a che spartire con esigenze di natura “umanitaria” o “pacifista”, né con altre motivazioni più “nobili”, ma c’entra solo il folle e spietato cinismo degli affari, l’arroganza di un sistema economico scellerato, sprovvisto di umanità e di un minimo di razionalità, mosso da una logica ferrea basata sulle leggi perverse e disumane del business economico.

Resta un’amara constatazione circa il senso racchiuso nei principi fondamentali della nostra Costituzione. Ad esempio l’articolo 11, benché sulla carta sia inviolabile, è stato tradito e vilipeso talmente tante volte da essere diventato lettera morta.

Ateoagnosticismo, Comunicati, Politica e Società

Manifesto della mancanza di rispetto verso la Chiesa Cattolica

Dall’ottimo sito, appena scoperto oggi 27 Aprile 2009 dc, DonZauker.it (La messa è finita. Levatevi dai coglioni) http://www.donzauker.it   la prima stesura http://www.donzauker.it/2008/04/28/civil-war  , e di seguito l’aggiornamento http://www.donzauker.it/2008/05/14/manifesto-di-intenti-2/

Manifesto (o Manifestino) della mancanza di rispetto

 verso la Chiesa Cattolica

Dal nostro amico e collega Federico Maria Sardelli, riceviamo, pubblichiamo e sottoscriviamo: 28 Aprile 2008

L’evoluzione dell’uomo ha permesso alcune fondamentali acquisizioni: il principio di non contraddizione, la penicillina, la democrazia, il rispetto per il pensiero altrui. Questo rispetto viene giustamente esteso a tutto ciò che non è puro pensiero ma anche credenza, spiritualità e ciò che questi concetti di sfuggente definizione producono in campo etico: riti religiosi, manifestazioni devozionali, etc.

Bene: oggi, anno 2008 dell’era post-tecnologica e informatica, a più di due secoli dall’Illuminismo ed a quasi un secolo dalla teoria della relatività, la Chiesa Cattolica continua le sue incursioni contro la razionalità, l’evoluzionismo, la ricerca scientifica, la medicina curativa e palliativa e molti altri baluardi della nostra debole maturità umana. Per contro, la Chiesa Cattolica, propugna con vigore e in modo invadente il suo modello di civiltà: l’obbedienza acritica verso una dottrina ed una tradizione forgiata a suon di concilî rissosi, papi sanguinarî e persecuzioni inquisitorie, l’ingerenza nell’etica individuale e sociale, la pressione costante sui governi – segnatamente quello italiano ma in principio quelli di tutto il mondo – affinché modellino le proprie leggi sulla base dei dettami cattolici, la condanna di ogni etica diversa da quella cattolica e la pretesa di fungere da unico paradigma di comportamento non soltanto per gli adepti di quella sètta ma per tutti gli esseri del mondo.

A complemento di questa protervia dottrinale vi è una pratica religiosa troglodita e barbara fatta di riti necrofili e pacchiani, come l’ostensione del cadavere di Francesco Forgione, l’agitazione di ampolle contenenti il falso sangue di un morto, il cencio dipinto in epoca medievale con la pessima riproduzione dell’impronta di Gesù, le lacrimazioni di statue di gesso, riti che sarebbero del tutto risibili se non fossero accompagnati dalla frode (la maschera di silicone sul volto del cappuccino, il falso storico-chimico della sindone e del sangue liquefatto, etc) e deliberatamente vólti al profitto economico, oltreché al plagio ed alla soggezione degli ignoranti.

L’universalità dei mezzi di comunicazione e la forza che la Chiesa Cattolica esercita su di essi rende la moltiplicazione di questi riti, divieti, sentenze e prescrizioni del tutto assillante ed invadente nei confronti di quell’enorme parte della civiltà umana che non vi crede.

Questo è il punto: la Chiesa Cattolica ed i suoi adepti difendono questa congerie di riti e superstizioni appellandosi al rispetto che si deve verso la religione e verso la sensibilità religiosa dei credenti. Di fatto questo limite è infinito, non potendosi sondare quale sia il punto oltre cui la «sensibilità religiosa» di una certa persona si ritenga urtata. La civiltà dell’Illuminismo, del libero pensiero e della democrazia ha portato a maturare il rispetto verso le idee e le idee religiose dei singoli, estendendo il principio della difesa della libertà di pensiero anche a coloro che per secoli hanno fatto del settarismo e della persecuzione il principale mezzo di propaganda della loro dottrina. Oggi il libero pensiero, la libera ricerca scientifica, la libertà di scelta morale dei singoli è costantemente ostacolata, criticata e negata dalla chiesa Cattolica con l’opera di capillare propaganda portata avanti dal suo capo.

 Di fronte ai continui attacchi verso i principî che ci hanno permesso di uscire dalla barbarie dei secoli passati e dalla soggezione di una dottrina opprimente e involutiva, è necessario che gli uomini razionali difendano il loro patrimonio di cultura e di evoluzione, così come è necessario alla fragile democrazia difendersi dalle insidie del sempre rinascente totalitarismo.

È per questo urgente motivo che, d’ora in avanti, non porteremo più rispetto verso la «sensibilità religiosa» di chi ci propone sfacciatamente l’adorazione di cadaveri o parti di essi, di chi propugna l’accanimento terapeutico sui decerebrati, di chi condanna l’uso della pillola del giorno dopo, di chi si oppone all’uso dell’aborto anche per fini terapeutici, di chi promuove la continuazione del dolore come mezzo di dominio sulle coscienze, di chi sentenzia giornalmente sopra a materie di normale amministrazione socio-politica e privata come le unioni civili, le pratiche sessuali, etc.

Non gli porteremo alcun rispetto, perché il loro pensiero costituisce un danno ed una involuzione per la società. Per di più, il principio di rispetto verso le idee e convinzioni altrui dev’essere reciproco: non si capisce perché la Chiesa Cattolica debba giornalmente infrangere questo principio offendendo la sensibilità e la razionalità di tutti coloro che non si riconoscono parte di essa, proponendo loro argomenti, dettami e comportamenti che offendono la logica e la ragione. Gli uomini razionali, eticamente maturi e pacifici hanno dunque tutto il diritto di risentirsi e considerarsi offesi di fronte a queste continue incursioni.

È per questo principio che, al puro scopo di autodifesa, sospendiamo ogni forma di rispetto verso la Chiesa Cattolica, avendo come unico limite quello delineato del codice civile e penale. Tutti i riti, le affermazioni e le azioni della Chiesa Cattolica che risulteranno contrarie alla logica, alla ragione, al buon gusto e ad un’etica laica matura ed evoluta, saranno pertanto fatto oggetto di scherno, riso e mancanza di rispetto.

Sarà dunque lecito al laico ed all’uomo razionale non solo criticare, ma anche prendere a pernacchie l’apparizione di un santo fra le macchie di una padella o quei miracoli dove si ringrazia perché non sono morti proprio tutti. Ciò che offende la ragione non sarà più rispettato. Concetti come «fede»,  sensibilità» e «spiritualità» non potranno più costituire una copertura ed una patente d’impunità per tutto ciò che di illogico, ripugnante, antistorico, antiscientifico e laicamente immorale propugna la Chiesa Cattolica.

Federico M. Sardelli

Da parte loro, i Paguri aggiungono come oggetti di scherno e mancanza di rispetto anche i canali – di qualsiasi natura essi siano – completamente asserviti alla diffusione, la propaganda e la difesa della Chiesa Cattolica, primi fra tutti i TG.

Manifesto d’intenti

14 Maggio 2008 dc

Per tutti quelli che leggendo il manifestino di F.M. Sardelli si sono sentiti in dovere di aggiungere: “Sì, ma questo rispetto non lo meritano neanche le altre religioni, non solamente quella cattolica.” ripubblichiamo il manifesto di intenti con il quale abbiamo inaugurato il nostro sito, 6 mesi fa.

Voi, i cristiani, gli ebrei, i musulmani, i buddisti, gli scintoisti, gli avventisti, i panteisti, i testimoni di questo e di quello, i satanisti, i guru, i maghi, le streghe, i santoni, quelli che tagliano la pelle del pistolino ai bambini, quelli che cuciono la passerina alle bambine, quelli che pregano ginocchioni, quelli che pregano a quattro zampe, quelli che pregano su una gamba sola, quelli che non mangiano questo e quello, quelli che si segnano con la destra, quelli che si segnano con la sinistra, quelli che si votano al Diavolo, perché delusi da Dio, quelli che pregano per far piovere, quelli che pregano per vincere al lotto, quelli che pregano perché non sia Aids, quelli che si cibano del loro Dio fatto a rondelle, quelli che non pisciano mai controvento, quelli che fanno l’elemosina per guadagnarsi il cielo, quelli che lapidano il capro espiatorio, quelli che sgozzano le pecore, quelli che credono di sopravvivere nei loro figli, quelli che credono di sopravvivere nelle loro opere, quelli che non vogliono discendere dalla scimmia, quelli che benedicono gli eserciti, quelli che benedicono le battute di caccia, quelli che cominceranno a vivere dopo la morte…

Tutti voi,

che non potete vivere senza un Papà Natale e senza un Padre castigatore.

Tutti voi,

che non potete sopportare di non essere altro che vermi di terra con un cervello.

Tutti voi,

che vi siete fabbricati un dio “perfetto” e “buono” tanto stupido, tanto meschino, tanto sanguinario, tanto geloso, tanto avido di lodi quanto il più stupido, il più meschino, il più sanguinario, il più geloso, il più avido di lodi tra voi.

Voi, oh, tutti voi

NON ROMPETECI I COGLIONI!

Fate i vostri salamelecchi nella vostra capanna, chiudete bene la porta e soprattutto non corrompete i nostri ragazzi.

Non rompeteci i coglioni, cani!

François Cavanna