Economia, Politica e Società

“Non saremo schiavi”

In e-mail il 17 Dicembre 2018 dc:

“Non saremo schiavi”: la ribellione contro il regime di Orban

ungheria_proteste

Per la prima volta, dopo dieci anni, il regime reazionario di Orban incontra un’opposizione di massa.

Centinaia di migliaia di lavoratori e di giovani in larga parte del Paese hanno preso la parola contro il governo.

La miccia è stata una legge antioperaia varata dal governo dai caratteri scopertamente provocatori. Una legge che prevede 400 ore di straordinari all’anno, una settimana lavorativa di sei giorni o oltre dieci ore giornaliere per cinque giorni. Il lavoratore può formalmente rifiutare, salvo rischiare il licenziamento.

Si tratta dunque di uno strumento di legge offerto ai padroni per incrementare in modo massiccio lo sfruttamento del lavoro. Il padronato ungherese plaude entusiasta alla legge. Ancor più plaudono la Opel, la Mercedes, l’Audi, le grandi aziende straniere in particolare tedesche, ma anche italiane, che in Ungheria fanno affari d’oro. La sovranità nazionale sbandierata da Orban è a tutti gli effetti la sovranità dei padroni contro i lavoratori.

“Non saremo schiavi”. Questo è lo slogan che ha animato le proteste contro la legge.

Le manifestazioni indette dai sindacati hanno registrato un’ampia partecipazione operaia, e hanno visto l’ingresso in campo di decine di migliaia di studenti. Gli studenti già erano in fase di mobilitazione a favore della libertà di studio e di ricerca nelle università. La saldatura con le manifestazioni dei lavoratori è apparsa loro naturale.

Non si tratta di rituali manifestazioni dell’opposizione liberaldemocratica, si tratta di manifestazioni di massa e di classe, le prime dopo lungo tempo nella storia d’Ungheria.

Le manifestazioni si sono susseguite con una parabola ascendente negli ultimi cinque giorni, e con tratti radicali. A Budapest la polizia ha dovuto disperdere più volte la folla di lavoratori e giovani che assedia gli edifici dell’Assemblea Nazionale, il Parlamento ungherese. La parola d’ordine dello sciopero generale per la revoca della “legge della schiavitù” ha fatto il suo ingresso nelle strade e nelle piazze della capitale.

Com’è naturale, tutte le forze politiche dell’opposizione cercano il proprio posto al sole nella protesta: Momentum, Dialogo per l’Ungheria, persino i fascisti di Jobbik. Ma la linea dello scontro è estranea all’impostazione liberale come all’impostazione nazionalista e xenofoba. Al contrario, essa è dettata come non mai dalla contrapposizione tra capitale e lavoro, tra capitalisti e operai.

Il ruolo dei sindacati è non a caso centrale. La campagna ossessiva di Orban contro i migranti, che ha intossicato milioni di ungheresi, svela sempre più il suo carattere ipocrita. Il problema dell’Ungheria non è rappresentato dai migranti, praticamente assenti, ma dalla massiccia emigrazione di 600.000 ungheresi verso altri Paesi in cerca di migliori condizioni di vita. La battaglia contro la legge della schiavitù mette a nudo questa verità, e conquista il senso comune di massa.

Chi profetizzava che destra e sinistra sono categorie novecentesche ritrova questo confine proprio in Ungheria, proprio nel Paese indicato a modello dai sovranismi nazionalisti alla Salvini, proprio nel Paese presentato dai populismi reazionari di tutta Europa come paradigma di stabilità e di ordine.

Naturalmente siamo solo all’inizio di una battaglia di massa, di cui seguiremo dinamica e sviluppi. Ma certo i fatti dimostrano che neppure i regimi più consolidati in apparenza sono al riparo della lotta di classe, che prima o poi si riaffaccia e presenta il conto.

La vicenda ungherese ci parla anche di questo.

Partito Comunista dei Lavoratori