Archivi tag: omosessualità

Marx e l’omofobia

in e-mail il 24 Febbraio 2016 dc:

Marx e l’omofobia

È da poco trascorso (sotto silenzio) un anniversario storico estremamente importante: il 21 febbraio 1848 venne pubblicata a Londra la prima edizione del “Manifesto del Partito Comunista” di Karl Marx e Friedrich Engels.

Attuale più che mai. Oggi, in molti invocano il ritorno della Vecchia Talpa: “E quando la rivoluzione avrà condotto a termine questa seconda metà del suo lavoro preparatorio, l’Europa balzerà dal suo seggio e griderà: ben scavato, vecchia talpa!”. Colgo l’occasione per avanzare alcune riflessioni personali.

Il pensiero di Marx non esprime un dogma inviolabile, il vecchio barbuto di Treviri non aveva mica ragione su tutto. Altrimenti si rischia di farne un feticcio, arrecando un grave torto allo stesso Karl. Come fanno coloro che usano Marx come più gli fa comodo. Mi spiego meglio. Ad esempio, risulta che Marx fosse omofobo. Ma è normale. Era una persona dell’Ottocento.

In oltre un secolo e mezzo, la cosiddetta “morale” (anche quella borghese) è profondamente mutata. La concezione morale è uno degli aspetti più relativi, soggettivi e mutevoli di una società. La morale cambia secondo il costume (o malcostume) del tempo. Oggi i gay non si possono più additare con disprezzo o mettere alla berlina, come faceva (giusto per indicare un esempio) il PCI negli anni Cinquanta, con atteggiamenti di bigottismo ipocrita. Siffatto moralismo di segno vetero-stalinista appare fuori tempo massimo. In sostanza, temo convenga essere relativisti, anziché moralisti.

A dirla tutta, gli omofobi sono omosessuali repressi o latenti, secondo una teoria di Freud. Un dato è certo: l’omosessualità è una questione resa oramai neutrale, come il femminismo, da parte di un sistema che ingloba ed assimila tutto, omologa ogni istanza, disinnescando il carattere eversivo, di classe, di vertenze che potrebbero detonare fermenti rivoluzionari.

Inoltre, sfatiamo una favola metropolitana secondo cui Adolf Hitler sarebbe stato un omofilo ed avrebbe esaltato l’omosessualità. Basti vedere chi furono sterminati nei lager nazisti, oltre ad ebrei, slavi, zingari, comunisti, anarchici, disabili. Si potrebbe insistere con richiami storici alle antiche civiltà, in particolare al mondo greco-romano, laddove l’omosessualità e la bisessualità erano comportamenti non solo ammessi e tollerati dalla “morale” del tempo, bensì talmente diffusi da costituire la “normalità”. Non a caso, un novero assai vasto di celebri figure dell’antichità classica erano notoriamente gay o bisessuali: Socrate, Giulio Cesare, Achille e Patroclo, Alessandro Magno, gli imperatori Nerone e Adriano e numerosi altri ancora.

Mi pare che taluni abbiano le idee confuse. Accostare l’omosessualità ed il femminismo all’ideologia della morte e del decadentismo borghese non ha senso. Anche l’aborto, il diritto inalienabile ad abortire, non è comparabile ad un’ideologia decadente. Al contrario, si tratta di una conquista di civiltà e di progresso. Il controllo delle nascite è una politica estremamente sensata e pragmatica. Un semi-Stato socialista, ovverossia proletario, avrebbe il dovere di pianificare una seria politica rivolta al controllo demografico.

Inoltre, un buon comunista si schiera sempre dalla parte di chi soffre una discriminazione sociale. Come affermava “Che” Guevara. E l’omofobia indica precisamente una forma di oppressione o discriminazione sociale. Per cui vorrei spendere qualche parola a proposito del vetero-moralismo bigotto del PCI, rammentando l’ostracismo e l’ostilità che soffrì Pasolini, disprezzato ed emarginato a destra e manca. La morale è un dato relativo e mutevole, che varia secondo i costumi del momento. Marx ed Engels non avevano ragione su tutto. Altrimenti si corre il rischio di essere dogmatici.

Per contro, Rosa Luxemburg era assai più all’avanguardia dei succitati vecchietti e dello stesso Lenin. Né bisogna dimenticare Clara Zetkin, amica intima di Rosa. Due straordinarie figure femminili che forniscono dei fulgidi esempi di intelligenza, coraggio, coerenza, integrità morale ed intellettuale.

Lucio Garofalo

 

Annunci

Roma Pride 2014

da Democrazia Atea 9 Giugno 2014 dc:

Roma Pride 2014

Democrazia Atea ha aderito al ROMA PRIDE 2014.
Ha aderito con convinzione sia condividendone il documento politico (http://www.romapride.it/2014/documentopolitico/), mai come quest’anno incisivo e completo nell’analisi della situazione politica, con il quale molti sono i punti di contatto rispetto al programma politico di DA, sia partecipando alla parata con i segretari provinciali di Firenze e Roma.

La situazione politica attuale presenta non pochi motivi di preoccupazione per come (non) vengono garantiti i diritti di tutti, con un ritorno prepotente di una sorta di fanatismo religioso che impedisce un reale progresso culturale del Paese. Non siamo illusi sul fatto che il governo attuale possa fare il benché minimo passo avanti. Da altre forze politiche, come la nostra, deve partire una vera volontà di cambiamento, coraggioso e ormai inevitabile per un Paese civile.

Democrazia Atea è scesa in piazza per partecipare ad una festa e per sostenere un’intera comunità che speriamo sia parte di un processo di rinnovamento dell’Italia.

Siamo con voi, e siamo sicuri che sarete inarrestabili!!!

Roberto Nardini e Alessandro Orfei

Segreteria Nazionale Democrazia Atea

http://www.democrazia-atea.it

Australia, Norrie ha vinto la sua battaglia: ora è il simbolo del “terzo sesso” – Repubblica.it

Australia, Norrie ha vinto la sua battaglia: ora è il simbolo del “terzo sesso” – Repubblica.it. Sul sito di la Repubblica il 3 Aprile 2014 dc.

Personalmente non posso che essere favorevole a che una persona, sui documenti ufficiali, possa risultare di genere “neutro” o “non precisato” o anche, come ho ipotizzato in un mio racconto, “erma”. Forse, a livello generale, queste “diversità” ci imbarazzano ancora, ma dobbiamo superare antichi pregiudizi e condizionamenti millennari e aprire la nostra mentalità

Jàdawin di Atheia

Famiglia

da Democrazia Atea 26/11/2012 dc

Famiglia

Il matrimonio è una invenzione giuridica.

L’unione naturale è l’unione di due persone, uomo-donna, donna-donna, uomo-uomo. Queste unioni sono sempre esistite in natura e solo con l’invenzione delle religioni sono state disciplinate nella finalità della procreazione e nella certezza della paternità.  Ma le società naturali non hanno più senso nel confinamento giuridico del matrimonio.

Non ha più senso dire che la famiglia è “fondata sul matrimonio” come recita l’art. 29 della Costituzione. Una auspicabile riforma costituzionale dovrebbe portare alla seguente formulazione: “La Repubblica riconosce i diritti della famiglia come società naturale” eliminando l’inciso seguente. Il concetto di famiglia ha radici essenzialmente economiche. I nuclei primitivi giustificavano il gruppo inteso come famiglia perchè era funzionale alla sopravvivenza della specie e alla capacità di procurare cibo.

Gli ultimi cinquemila anni ci raccontano diverse forme familiari, sempre rese necessarie dall’economia e dall’istinto sessuale. La storia contemporanea ci offre modelli familiari che superano i modelli conosciuti e superano anche il concetto, tradizionalmente inteso, di famiglia come unione eterosessuale con finalità pro-creative.

Un nucleo familiare può ben essere costituito da soggetti che non hanno la finalità procreativa (gay e lesbiche), oppure che hanno un legame affettivo (non necessariamente sessuale) senza finalità alcuna, se non il compiacimento e il reciproco sostentamento nella convivenza (nonna e nipote).

Queste forme familiari devono trovare tutela giuridica. Del resto “ordinare gli istinti” non significa necessariamente reprimerli. Nella progressione delle civiltà diventa inevitabile l’allontanamento dalle forme tradizionali e questo significa essenzialmente prendere atto della necessità di attuare nuove forme di tutela nel rispetto delle libertà individuali e collettive.

La Segreteria Nazionale
http://www.democrazia-atea.it

Rai papista? Protestiamo

martedì 13 aprile 2010 dc sul quotidiano Metro, pagina 14 “lettere e opinioni”, rubrica “Opinione” di Mariano Sabatini, e sul sito http://www.metronews.it (qui la rubrica si chiama “L’opinione”….)

Rai papista? Protestiamo

Viviamo una profonda contrapposizione tra società civile e Chiesa. E se è vero come è vero che il Papa è uomo tra gli uomini, dovrebbe essere naturale potersi esprimere – anche duramente – sulle scelte politiche della Chiesa, sulle malversazioni e i crimini dei suoi prìncipi-cardinali-vescovi-eccetera. Ci sembra invece di essere stati cooptati nel festival del doppiopesismo, in cui una Rai papista si è nominata giudice supremo: allontana i vaticanisti meno asserviti, radia uno scrittore polemico, sovrabbonda (come tutta la tv) di preti catodici schiumanti risentimento contro le famiglie di fatto, l’aborto, l’omosessualità che sarebbe contro natura perché non finalizzata alla procreazione.

Cecchi Paone ha fatto notare dalla D’Urso ad un talebano in clergyman che anche il sacerdozio non è finalizzato alla procreazione…. Dello stesso parere la novantenne Tullia Zevi, già presidente delle comunità ebraiche, che si interroga sul senso del celibato dei preti, terreno di coltura delle perversioni. Ci piacerebbe vivere in una nazione diversa, dove se un cardinale si permette di orientare il voto alla vigilia delle elezioni regionali, un ateo o un cattolico critico possano sentirsi liberi di manifestare dissenso, possano spazzar via l’oscurantismo medievale che vorrebbe impedirci di  assumere una pillola abortiva, altrove da anni facilmente disponibile. Tutto questo non è affatto scontato, ahimè. Prima di progettare l’espatrio, proviamo ad alzare la voce.

L’articolo è ovviamente condivisibile, del tutto ributtante l’unico commento che finora compare sul sito a nome di Vincenzo

Jàdawin di Atheia