Politica e Società, Sovrappopolazione

Verecondia luterana e vergogna vaticana

Dal sito Aetheria lux del 15 Novembre 2011 dc:

Verecondia luterana e vergogna vaticana

di Roy

Con la piccola performance di ieri, Benedetto XVI ha pensato bene di rinverdire quella fame di papa ecologista che si è costruito nel tempo -il “De Gloria Olivae” della profezia pseudo-malachiana, che da ciò deriverebbe, secondo una certa vulgata su questi appassionanti millenarismi.

Fama immeritata, ad essere eufemistici, come se facessero Dracula presidente onorario dell’Avis.

Alla base dell’ ecodisastro totale infatti, vi è quella spaventosa moltiplicazione dei terrestri che la Chiesa ha sempre benedetto, e per la quale ha mobilitato tutte le più incredibili alleanze diplomatiche per impedire che passassero linee decrementiste in occasioni delle varie conferenze internazionali in cui si sfiorava il problema.

Dalla Cina di Mao, all’ America di Reagan, passando per il carnaio islamico, il Vaticano non si è fermato davanti a niente e nessuno pur di alimentare questo folle crescete et moltiplicorum. Wojtyla è stato una vera disgrazia, peggio di una piaga d’egitto, e il suo cartavelinico successore è destinato a rimanere per sempre nel suo cono d’ombra.

Venire a parlare di consumi insostenibili, “dannosi per l’ambiente e per i poveri” è la solita raggelante, ipocrita, mistificazione vaticana.

Anzitutto perché l’ insostenibiltà dei consumi si determina in relazione alla capacità di carico di un ambiente, che è vincolata alle risorse (non infinite) dell’ambiente stesso e al numero di persone che lo abitano. Più sono gli abitanti, più i consumi di ciascuno dovrebbero assottigliarsi, per rimanere nei limiti della capacità di carico e non creare deficit ecologici. E’ la vecchia metafora della torta, più sono le mani che vi si allungano, più si riduce la fetta pro-capite. Per cui è ovvio che è sul numero delle mani che dovremmo concentrare la nostra attenzione e i nostri sforzi, è in funzione d’esse che varia la consistenza della fetta-fettina-briciole che toccherà a ciascuno. E’ la popolazione il fattore primario da cui ogni altro dipende, compreso il livello sostenibile o meno di qualsiasi consumo. Il discorso del papa è una vergogna.

Ancora, come ottenere la riduzione dei superconsumi dei paesi ricchi? Provi S.S. a fermare qualcuno per la strada e dirgli che deve rinunciare a qualcosa che ha o potrebbe avere nella sua disponibilità, la casa al mare, la Bmw “pensa ai bambini dell’Angola che non ce l’hanno” o 3 ore di Facebook quotidiano, potrà solo sognarselo.

E’ lo stesso motivo per cui la politica predica quotidianamente crescita e benessere, potrebbe fare altrimenti? Sì, se vuole perdere le elezioni. E’ sempre più benessere ciò che il mondo ricco-già ricco vuole, non la sua diminuizione.

E il mondo povero-ancora povero, vuole la stessa cosa. Ma è possibile, ecologicamente possibile, tutto ciò?

Se poi anche qualcuno si dimostrasse più sensibile, l’ecosistema globale non ne avrebbe alcun sollievo.

Se uno pensa che lasciando più spesso la macchina in garage avrà dato il suo piccolo contributo ad un minore affumicamento del pianeta, si sbaglia di grosso. Non é che la benzina che lui non consumerà, rimarrà invenduta. E non é che il perfido petromilioniaro di turno estrarrà qualche barile di petrolio in meno all’anno perchè il nostro virtuoso cittadino, insieme a qualche manipolo di altri coraggiosi come lui, avrà rinunciato all’auto. Quel petrolio verrà estratto comunque, quella benzina venduta comunque, in ogni caso qualcun altro provvederà all’acquisto e al relativo affumicamento dell’ atmosfera.

Stessa cosa per il cibo, i consumi dei cinesi potranno presto, da soli, assorbire più di quello che il mondo intero può mettere assieme nelle esportazioni cerealicole sempre più depauperanti il top-soil globale.

E poi le vituperate bistecche, quelle per la cui produzione si immette tanta di quella CO2 in circolo che anche Dio si spaventa. Perché il principio è questo:

a) o uno i soldi per comprare (macchine, benzina, piadine, bistecche e tutto quello che vi pare) ce li ha, e allora compra, con tanti saluti ai consumi insostenibili;

b) oppure nisba, è povero e dobbiamo trovare il modo di mettergli in mano i soldi per fargli fare la sua parte nella sua distruzione dell’ambiente, come al suddetto punto a.

Questo non vuol dire che non si debba pensare all’ambiente, rassegnati, inerti o allegramente spreconi; ma neanche attendersi di risolvere cosi i problemi.

E’ come nella teologia luterana: le buone opere vanno fatte comunque, ma non sono queste a salvare. Solo il decremento demografico potrebbe.

Dire che é possibile, nelle attuali condzioni, una crescita economica globale, equilibrata ed ecologicamente sostenibile, è una panzana di proporzioni sovramondiali. Con 7 mld di anime in continuo e disperato aumento, non potrebbe essere altrimenti.

Ci vorrebbe la soluzione fantastica, la “quadra” in pessimo gergo politico. E infatti Benedict chiede un diverso modello di sviluppo, una cosetta da nulla.

Con *questo* sistema di sviluppo, inquinante, energivoro, dissipativo di risorse, siamo già oggi in troppi e destinati ad esserlo in misura sempre maggiore, direttamente proporzionale alla crescita demografica che la Chiesa vergognosamente incoraggia per i suoi vantaggi. Salvo poi chiedere alle nazioni più progredite di diminuire i consumi.

Ai cattolici che siano uomini di mente e di cuore, persone di buon senso e di buona volontà: pensateci, prima di annuire alla prossima draculata vaticana.

 

 

Politica e Società

Sant’Obama?

Sant’Obama?

L’articolo, uscito sulla rivista Internazionale a firma di Noam Chomsky sulla squadra che Barak Obama ha appena nominato, non fa che rafforzare la mia convinzione, sul fatto che tutta l’euforia dovuta alla sua vittoria, sia frutto, se non proprio di una ingenua illusione, di una speranza mal riposta.

Gioire della sconfitta della cricca neocon dei Bush, dei McCain è legittimo, ma credere che l’elezione del neo presidente sia un rinnovamento di portata storica mi sembra non più che una previsione fantasiosa. Non voglio essere più realista del re. Ma pensare che la massima potenza mondiale con diffusi interessi strategici e con le più grandi multinazionali si trasformi all’improvviso in un agnellino o in un fervente propugnatore di pace mi sembra davvero infondato. È vero che gli errori di Bush hanno portato gli USA a un’impasse notevole, tanto da mettere a repentaglio l’egemonia su molti Paesi del cosiddetto cortile di casa e da creare tensioni con la Russia e con la stessa comunità Europea. Ma appunto per questo i nodi della politica estera sono tanti. L’esercito USA è ancora in Iraq, da cui il neo presidente ha dichiarato di volersi ritirare, ed è ancora in Afghanistan, dove le cose non vanno ancora per il verso giusto. Anzi, dovrei dire che il problema è il plesso Afghanistan-Pakistan, perché le vicende di questi Stati sono intrinsecamente legate.  Per non parlare della incancrenita situazione mediorientale.

C’è poi la crisi economica e qui miracoli non se ne fanno. Si ricorrerà alle solite ricette keynesiane di aumentare la spesa pubblica per ridare ossigeno all’economia, al salvataggio delle banche o delle disastrate industrie dell’auto, ma il già grave deficit pubblico finirà per spuntare parecchie armi. Va poi considerato che i democratici statunitensi, con l’appoggio dei sindacati, si sono dimostrati storicamente molto più protezionisti dei repubblicani.

Qualche speranza la riponiamo sui temi della laicità: sblocco degli aiuti alla ricerca sulle cellule staminali embrionali, abrogazione delle norme antiabortiste. Ed ora passo all’articolo di Chomsky.

Sestante

Noam Chomsky

La squadra di Obama


A parte la retorica del cambiamento, cosa possiamo aspettarci dal nuovo governo americano? La prima parola che tutti hanno usato per definire l’elezione di Barack Obama è stata storica”. E giustamente. Una famiglia nera alla Casa Bianca è un evento straordinario. Diversi studi dimostrano però che entrambi i partiti sono molto più a destra dei cittadini su molti temi fondamentali. Quando l’80 per cento degli americani pensa che lo stato sia amministrato da “pochi potenti che pensano ai loro interessi”, e il 94 per cento è convinto che il governo non tiene conto di quello che pensa la gente, forse nessuno dei due partiti riflette veramente l’opinione pubblica.

D’altra parte, un partito che esprimesse davvero la volontà popolare non potrebbe esistere in un paese dominato in modo così forte dal mondo degli affari. La campagna elettorale di Obama ha molto colpito gli esperti di pubbliche relazioni. L’obiettivo principale di quest’industria è assicurarsi che i consumatori si comportino in modo uniforme e compiano scelte irrazionali, sovvertendo tutte le teorie di marketing che sostengono il contrario. E l’industria delle pubbliche relazioni considera positivo che anche la democrazia si sia indebolita.

In ogni caso i contributi elettorali a Obama sono arrivati soprattutto dai grandi studi legali (che rappresentano anche le lobby) e dagli istituti finanziari. Il potere di questi istituti riflette il graduale passaggio dall’economia della produzione a quella della finanza. Questa trasformazione è cominciata con la liberalizzazione degli anni settanta, ed è una delle cause principali di quanto sta succedendo oggi: la crisi finanziaria, la recessione e le loro conseguenze sulla vita della maggior parte degli americani, il cui salario reale è fermo da trent’anni.

Se mettiamo da parte la retorica della speranza e del cambiamento, cosa possiamo realisticamente aspettarci da Obama? Le sue prime nomine mandano già un segnale forte. Il primo collaboratore che ha scelto è stato il vicepresidente Joe Biden, uno dei maggiori sostenitori dell’invasione dell’Iraq tra i democratici al senato, e un veterano dell’establishment. Subito dopo le elezioni Obama ha deciso di nominare capo del suo staff Rahm Emanuel, uno dei maggiori sostenitori dell’invasione dell’Iraq tra i democratici alla camera, e anche lui vecchia volpe di Washington. Secondo il Center for responsive politics – un’organizzazione non governativa che sorveglia i legami tra finanza e politica – la campagna elettorale di Emanuel è stata anche quella che ha preso più contributi da Wall street: “Nel 2008 è stato il deputato che ha ricevuto più finanziamenti dai fondi speculativi, dalle società di private equity e dal mondo della finanza in generale”.

Due veterani dell’amministrazione Clinton, Robert Rubin e Lawrence Summers, sono tra i personaggi di maggior spicco dell’équipe economica di Obama. Rubin e Summers erano entrambi grandi sostenitori della deregulation che è stata una delle cause principali della crisi attuale. “Mettere la politica economica nelle mani di Rubin e Summers”, sostiene Dean Baker, uno dei pochi economisti che avevano previsto la crisi, è “come chiedere aiuto a Osama bin Laden nella guerra al terrorismo”.

Adesso Rubin e Summers chiedono più regole per rimettere a posto il caos che hanno contribuito a creare. Molti giornali economici hanno parlato del Transition economic advisory board, che si è riunito il 7 novembre per decidere come affrontare la crisi finanziaria. Su Bloomberg News, Jonathan Weil scrive che “molti dei suoi membri dovrebbero spiegarci cosa è successo, non entrare a far parte della squadra di Obama. Per lo più sono stati fiduciari di società che hanno truccato i loro bilanci oppure hanno contribuito al collasso dell’economia mondiale o hanno fatto entrambe le cose”.

Il primo problema dell’amministrazione sarà quello di fermare la crisi finanziaria e la recessione. Ma c’è anche un altro problema: il famigerato e ineficiente sistema sanitario privato, che rischia di far scoppiare il bilancio federale. La maggior parte dei cittadini è favorevole da tempo a un sistema sanitario nazionale, che secondo molti studi dovrebbe essere meno costoso e più eficiente. Fino al 2004 la stampa diceva che qualsiasi intervento dello stato sul sistema sanitario era “politicamente impossibile” e che non aveva “alcun sostegno politico”: voleva dire che era contrastato dalle assicurazioni, dall’industria farmaceutica e dai poteri forti. Ma nel 2008 prima John Edwards e poi Obama e Hillary Clinton hanno fatto proposte vicine al sistema che i cittadini hanno sempre voluto. Oggi queste idee hanno un “sostegno politico”.

Cos’è cambiato? Non l’opinione pubblica, che la pensa sempre nello stesso modo. Nel 2008 alcuni potenti settori industriali hanno cominciato a rendersi conto di essere gravemente danneggiati dal sistema sanitario privato. Così la volontà popolare ha trovato anche un sostegno politico.

La strada da fare è lunga, ma questo cambiamento è emblematico dello stato disastroso della nostra democrazia in cui la nuova amministrazione si dovrà muovere.

Noam Chomsky insegna linguistica all’Mit di Boston. Il suo ultimo libro uscito in Italia è Alla corte di re Artù. Il mito Kennedy (Eleuthera 2008).

Internazionale 772, 28 novembre 2008 dc • 17

***

su http://se-stante.spaces.live.com/