Scordatevi la libertà che date per scontata

Da Hic Rhodus l’articolo del 25 Marzo 2020 dc:

Scordatevi la libertà che date per scontata

di Claudio Bezzi

L’articolo è incentrato sul corona virus e, soprattutto, sul dopo. Essendo molto lungo ed articolato, e con numerosi rimandi interni ed esterni, lo potete trovare per intero qui.

Di seguito riporterò solo la parte finale.


***

Molti dei marchingegni che mi hanno tolto un pezzettino di libertà sono nati probabilmente per ottime ragioni: le telecamere per scoraggiare i ladri; la tracciabilità delle carte per combattere l’evasione; i controlli all’aeroporto per contrastare il terrorismo.

Altri sono stati elaborati, in mancanza di leggi e di reali possibilità di impedirlo, per imbrogliarci, o quanto meno per sedurci, subornarci, invogliarci a comperare un certo prodotto o – udite udite! – a votare un certo partito, e sappiamo ormai bene come esistano centrali eversive dedicate a questo (si legga sempre Ottonieri su questo punto).

È spaventoso: sappiamo che ci sono centrali eversive dedicate a questo, ma non possiamo farci nulla, salvo vedere folle manipolate in occasione di importanti appuntamenti politici. E poiché gli esiti di quegli appuntamenti politici si riverberano pesantemente sulle vite di tutti, mia inclusa, io mi irrito molto e ritengo di essere privato di alcune libertà fondamentali del mio essere cittadino.

Il progresso, in particolare tecnologico, ci ha dato con una mano il potere di controllare sempre più e meglio le azioni illegali, mentre con l’altra ci ha sottratto pezzi crescenti di libertà.

Il mondo distopico che ci attende, ben previsto dalla letteratura fantascientifica, è quello del controllo totale. Un bel microchip e nessuno potrà delinquere, perché saremo tutti, sempre, sotto l’occhio dell’autorità.

Chi, a questo punto, dovesse dire “ma io sono una persona onesta, non ho nulla da nascondere, ben venga il microchip”, è un agente inconsapevole del Grande Fratello prossimo venturo.

***

L’aumento del controllo nasce come rincorsa dell’autorità al mantenimento di una funzione sempre più residuale: il Potere, così come conosciuto fino al Novecento, che si esprime con la gestione della concessione delle libertà, come scritto sopra.

Ti concedo la libertà d’impresa e ti impongo le tasse; poiché potresti non pagare le tasse ti controllo; poiché i controlli sono lunghi, complicati e colgono a caso nel mucchio, ti obbligo a procedure elettroniche che posso controllare, memorizzare, incrociare con altri dati.

Ti concedo la libertà di viaggiare, ma ci sono pericoli, potresti trasportare armi, droga o, in questi giorni (Nota mia: marzo 2020 dc), virus; allora ti obbligo a controlli sull’identità, sul carico, su cosa potresti portare illegalmente dentro il tuo corpo.

Ti concedo la libertà di produrre e commerciare, ma sotto una valanga di norme, restrizioni, vincoli, decreti, procedure sanitarie, procedure commerciali, procedure fiscali…

Oggi non esiste una sola libertà che non sia, nei fatti, monitorata e controllata come minimo, ristretta e condizionata sempre più.

***

Quale risposta dare agli agenti del Grande Fratello che non trovano poi così spaventosa questa cosa?

La risposta è la disumanizzazione già in fase avanzata di realizzazione.

In un mondo prossimo venturo non avremo, forse, criminali, ma saremo automi totalmente omologati. Mangeremo le stesse cose, vedremo gli stessi programmi tv, andremo nelle stesse palestre a tenerci forma all’insegna degli stessi ideali di bellezza e salute.

Se non vedete il nesso, e vi sembra che io abbia compiuto un salto logico, cercherò di spiegarmi avanzando in un terreno forse azzardato ma che a me appare una semplice conseguenza logica: una volta che tutti saremo profilati, controllati, “costretti” alla legalità per come stabilita dall’autorità, non credete forse che sarà decisamente facile, facilissimo, imporre comportamenti convenienti sul lavoro, sulla cultura e l’istruzione, sulla forma di cittadinanza…? Ormai nella rete, completamente dipendenti da quelle medesime tecnologie che ci controllano, cosa sarebbe dei nostri diritti?

L’autorità (che sia il Partito Comunista Cinese, il congresso degli Stati Uniti o il presidente Putin al suo venticinquesimo mandato) troverà, nel controllo assoluto, la risposta all’ingovernabilità della complessità. La complessità sarà semplicemente abolita per legge, i cittadini saranno resi inermi e prevedibili, totalmente prevedibili.

6) Una strada senza uscita

Se ritenete che io sia andato troppo avanti con la fantasia, abbandonando la strada del rigore logico, vi mostro un chiaro esempio di ciò che stiamo diventando, perché c’è un bellissimo caso empirico contemporaneo: la Cina.

Grazie al controllo capillare della popolazione, al diffusissimo riconoscimento facciale, alle forze di polizia, a leggi repressive, al controllo dell’informazione, alla possibilità di mobilitare dall’oggi al domani mano d’opera e risorse (il famoso ospedale costruito in sette giorni…) e –  si badi bene, questo è fondamentale – grazie a uno straordinario consenso di massa, tradotto in disciplina e accettazione delle privazioni di libertà, grazie a tutto questo la Cina ha pagato un prezzo sostanzialmente limitato alla crisi del coronavirus mentre noi in Italia siamo in mezzo al guado, abbiamo già da giorni superato, in numero di vittime, la Cina e, quel che è peggio, non ne vediamo la fine.

Perché l’autorità è stata debole e timida sin dall’inizio, e ha progressivamente reso più rigide le norme di comportamento inseguendo il virus e l’indisciplina dei suoi cittadini, anziché prevenire. Perché noi siamo LIBERI, e un sacco di nostri amabili concittadini ritiene che essere liberi consista, innanzitutto, nel non farsi mettere i piedi sul collo da un Conte qualunque, da un Renzi qualunque, da un Di Maio qualunque, insomma: da un’autorità qualunque.

***
Ed ecco il trade off (Nota mia: scelta? Perché ostinatamente scriverlo in inglese?).

Da un lato il virus non ci piace e ci uccide.

D’altro lato la risposta cinese ci fa orrore.

E così maciniamo morti, si deve sperare in miracoli (il caldo rallenterà il virus? Meno male che andiamo verso l’estate…), l’economia va a rotoli, l’Europa si sfascia, a New York fanno la fila per comperare armi, molto più utili del pane in tempo di crisi, insomma: assomiglia abbastanza a una piccola Apocalisse.

Vorrei segnalare che abbiamo in realtà solo tre, e non più di tre, soluzioni, ciascuna delle quali ben rappresentata da un caso storico contemporaneo:

• il timido inseguire la crisi, tipico delle società occidentali; da noi la libertà è sacra, e ne possiamo sacrificare piccoli pezzetti, un po’ alla volta, solo dopo l’evidenza della crisi, e sempre con incertezza, con limiti, con defezioni;

• il rigido intervento illiberale alla cinese, di cui sapete già;

• il laissez faire (Nota mia: lasciate fare) alla Putin, che sta con tutta evidenza fingendo che il virus non ci sia, o sia una sciocchezzuola; il coronavirus dilagherà, ammazzerà un bel po’ di persone (in prevalenza vecchi e malati, dopotutto non un grande danno, anzi…) ma non minerà le strutture fondamentali del Paese, la sua economia e, men che meno, la sua Autorità, che non avrà avuto necessità – come in Occidente – di avere un confronto difficile con la popolazione.

Se adesso riuscite a fare un ragionamento puramente logico e non emotivo, vedrete facilmente che il modello cinese ha funzionato alla grande; quello putiniano chissà, potrebbe anche essere un successo; mentre quello occidentale è sotto gli occhi di tutti: un disastro immane sotto ogni punto di vista: sanitario, economico, sociale, istituzionale.

***

Attenzione perché adesso arriva la questione veramente centrale, alla quale è difficile rispondere col cuore, col fegato, con la pancia o con qualunque altra frattaglia.

La domanda che ora si pone è: cosa vogliamo, veramente, dalla vita?

Ricordate sopra l’esempio della sicurezza sociale: più controlli significano più sicurezza, ma meno libertà. Anche nel caso del coronavirus la questione si pone in maniera analoga: volete pochi contagiati e pochi morti? Occorreva da subito il pugno di ferro; vi fa orrore e preferite la libertà (e la responsabilità) individuale? Allora vi tenete i morti e il tracollo economico.

Occorre accettare il fatto che non c’è una via intermedia: salvezza del virus con libertà per tutti; no malavitosi in giro con libertà per tutti; no evasori fiscali con libertà per tutti… Chi fra voi è vecchio come me morirà prima di vedere chi avrà avuto ragione, ma i giovani saranno presi in pieno dal ciclone che si sta preparando e che arriverà in tempi brevissimi.

Questo ciclone si chiama tracollo delle democrazie occidentali nate dalle due rivoluzioni (Nota mia: una mi immagino sia la Rivoluzione Francese ma l’altra, qual’è? Quella sovietica? Non credo che l’autore pensi a quella…) e morte silenziosamente alla fine del Novecento. E con esse, evidentemente, il concetto di ‘libertà’ di cui stiamo trattando e molti altri collegati.

***

C’è una considerazione ancora, importante.

La complessità non si può spegnere.

Le tecnologie non si possono spegnere, così come non si può spegnere il progresso, coi doni che ci porta assieme alle trappole che ci tende.

Non possiamo spegnere la globalizzazione, Internet, la WTO, la ricerca biologica, quella sull’intelligenza artificiale… Non possiamo spegnere l’inquinamento, non possiamo spegnere la sovrappopolazione, come non possiamo spegnere la stupidità dilagante.

Siamo tutti su un aereo in volo, il pilota è morto, la rotta ignota e quel che accadrà, che ci piaccia o no, accadrà.

La complessità, come ho già detto, non è governabile.

Una conseguenza di questa ingovernabilità è che il modello di governo vincente, fra i tre menzionati sopra, si affermerà comunque, indipendentemente da ciò che faremo.

E onestamente, se proprio devo dirlo, non scommetterei un euro sulla vittoria finale del modello democratico occidentale. Guardo con viva simpatia al modello putiniano, così amorale e cinico che – lo confesso – ben si attaglia al mio carattere; ma il famoso euro, alla fin fine, lo piazzerei sul modello cinese. Loro sono già al traguardo, hanno già vinto.

Sono autoritari e massimalisti? Chiedetelo a un cinese tipico, anche colto, e vedrete se trovano di che lamentarsi sul modo in cui Xi Jinping ha gestito la crisi.

E con questo vi saluto.

La Cina è vicina. Le capriole del sovranismo

In e-mail il 24 Marzo 2019 dc:

La Cina è vicina. Le capriole del sovranismo

23 Marzo 2019

“La Cina è vicina”, gridavano i maoisti di casa nostra cinquant’anni fa, nel nome della cosiddetta rivoluzione culturale. In realtà presentavano l’operazione burocratica stalinista della frazione di Mao contro la frazione di Liu come elisir del socialismo da indicare a modello. Ma nonostante tutto si riferivano a una Cina che era allora uno Stato operaio, seppur burocraticamente deformato, entro un quadro mondiale ancora segnato dal confronto tra imperialismi d’Occidente e blocco staliniano ad Est.

Ripetere oggi “la Cina è vicina” è cosa diversa, a fronte della realtà capitalistica e imperialistica della Cina attuale, restaurata dalla stessa burocrazia stalinista. Eppure è la cantica che si leva in questi giorni da diversi ambienti intellettuali e politici dell’area sovranista, in occasione degli accordi tra Italia e Cina.

«Accordo Italia-Cina: un’occasione storica per la difesa degli interessi del nostro popolo», scrive Mauro Gemma (Associazione Marx XXI). «Il PCI è per l’adesione italiana al progetto delle Nuove Vie della Seta» dichiarano Mauro Alboresi e Fosco Giannini, a nome del proprio partito. Ma anche l’area di Contropiano, seppur con toni meno enfatici, presenta l’accordo come «ossigeno puro per un’economia [italiana] asfissiata dalla austerità teutonica» (Francesco Piccioni).

La base di partenza è duplice. Da un lato, la caratterizzazione della Cina come Paese socialista. Dall’altro, la rappresentazione dell’Italia come Paese oppresso dalla Germania e dalla UE “tedesca”. Se queste sono le premesse, cosa c’è di meglio per “il nostro Paese” dell’abbraccio liberatorio con Xi Jin Ping? L’accordo con la Cina diventa la celebrazione della “sovranità” riconquistata dell’Italia. Le obiezioni dell’imperialismo USA, le resistenze di Germania e Francia, non provano forse la bontà dell’accordo?

C’è davvero da stropicciarsi gli occhi di fronte a una rappresentazione tanto grottesca.

L’imperialismo USA fa i propri interessi, e dunque teme l’espansione della potenza imperialista cinese, sua rivale strategica. L’imperialismo tedesco fa i propri interessi, e dunque vuole tutelare la primazia dei propri affari con la Cina, e in Cina contro la concorrenza italiana. L’imperialismo francese fa i propri interessi, ha con l’Italia un contenzioso aperto su vari tavoli, e per questo osteggia l’operazione.

Ma l’imperialismo italiano?

Già, perché anche il “nostro” Paese è un Paese imperialista, che ha i suoi propri interessi.

Più precisamente, l’Italia è la settima potenza mondiale e la seconda manifattura d’Europa. È alleata degli USA e della Germania, ma non è una loro colonia. Contende alla Germania l’egemonia nei Balcani, contende alla Francia l’egemonia nel Nord Africa, contende alla Spagna un’area di influenza in Sud America. Per questa stessa ragione oggi l’imperialismo italiano mira ad allargare il proprio bacino d’affari con la Cina e verso la Cina, il più grande mercato di merci e capitali esistente al mondo, e al tempo stesso la più grande potenza imperialista emergente.

La natura concreta dell’accordo è evidente per entrambi i contraenti.

L’imperialismo cinese attraverso i porti italiani, Trieste in primis, allarga il canale di espansione in Europa, sbocco importante dei propri capitali in eccesso. L’imperialismo italiano attraverso l’accordo mira a contropartite altrettanto appetitose: l’apertura degli appalti pubblici in Cina per i costruttori italiani, l’allargamento delle esportazioni italiane nell’enorme mercato cinese, la compartecipazione italiana agli investimenti cinesi in Africa. La nomenclatura delle imprese italiane coinvolte negli accordi Italia-Cina è significativa: Ansaldo, SNAM, CDP, ENI, Intesa, Danieli… tutti i più grandi capitalisti italiani, nessuno escluso.

Non meno significativo è l’appoggio della grande stampa padronale all’accordo italo-cinese. Persino la stampa borghese liberale, oggi all’opposizione del governo giallo-bruno, ha coperto e sostenuto l’accordo, sino ad offrire pagine intere, un lungo e largo tappeto rosso, all’intervento cerimonioso del leader cinese (Corriere della Sera). Per non parlare della Presidenza della Repubblica, grande sponsor istituzionale dell’intesa.

Del resto il significato dell’accordo è stato illustrato nel modo più semplice da Du Fei, presidente della cinese CCCC, azienda gigantesca di costruzioni con 70 miliardi di dollari di fatturato e 118 mila dipendenti: “La torta è grande, mangiamola insieme” (testuale!).

Questo è “l’ossigeno puro” dell’intesa: riguarda i profitti, non altro.

Il problema, allora, non è essere “a favore” o “contro” l’intesa tra l’imperialismo cinese e l’imperialismo italiano, ma di avere un angolo di sguardo indipendente sulla faccenda.

Un angolo di sguardo che muova dall’interesse indipendente dei lavoratori, italiani e cinesi, e da una prospettiva socialista contro ogni imperialismo (USA, UE, Cina…), a partire dall’imperialismo nazionale di casa nostra.

L’unica intesa Italia-Cina che ci può interessare è quella che passa per la costruzione di un’alleanza internazionale tra operai italiani e operai cinesi contro i rispettivi capitalisti e imperialismi. “Proletari di tutti i Paesi, unitevi” significa questo. L’”unitevi” rivolto all’imperialismo italiano e cinese muove da una logica opposta: subalterna verso l’imperialismo di casa nostra e verso la realtà dell’imperialismo mondiale. Subalterna verso gli sfruttatori della classe lavoratrice, verso i nemici della causa socialista.

Partito Comunista dei Lavoratori

Il mito maoista

Inoltrato in e-mail il 16 Settembre 2018 dc:

Il sonno della ragione genera mostri. Il mito maoista e gli utili idioti dell’Occidente

Spunti di riflessione: Mario Tesini eLorenzo Zambernardi ( a cura di), Quel che resta di Mao. Apogeo e rimozione di un mito occidentale, Introduzione di Gianni Belardelli, Le Monier, Firenze, 2018, pagine VII-304, €22.

Sulle onde del Sessantotto, navigò il maoismo, un fenomeno cultural-politico apparentemente stravagante. In realtà, fu stravagante per le manifestazioni che esso assunse in Occidente. E a questi aspetti mi sembra si soffermi il ponderoso libro curato da Mario Tesini e Lorenzo Zambernardi. Forse per presunzione non ho letto il libro, ben conoscendo il clima in cui fermentò in Italia il maoismo, e di cui fui partecipe, ma per un periodo tanto breve che non esige la mia autocritica. Motivo per cui, ritengo di potermi basare sulla lunga recensione (ben due pagine) di Paolo Mieli (Chi gridava viva Mao, «Corriere della Sera» 5 settembre 2018, p. 36). (Nota mia: il venduto e voltagabbana Paolo Mieli è proprio una garanzia, ma prendiamolo pure per buona…)

In breve, il libro raccoglie un florilegio (per non dir bestiario) di giudizi espressi negli anni Settanta da esponenti della cultura e della politica – in gran parte italiani – su Mao e sulla «via cinese al socialismo». Gli encomi degli intellettuali sono risibili, a volte demenziali (il giornalista Alberto Jacoviello sentenziò che «Mao aveva trasformato la Cina in un paese di filosofi»); ma anche i politici non scherzavano, basta sentire la Rossana Rossanda…

Di fronte a tanta insipienza, ci si aspetterebbe una spiegazione più approfondita di quella che i curatori abbozzano qua e là. Certamente, in Occidente, l’infatuazione maoista si consumò nel giro di pochi anni e coinvolse ambienti abbastanza limitati. Ebbe comunque un effetto spettacolare e, soprattutto, offre un desolante spettacolo sullo spessore intellettuale e morale di molti illustri maître à penser, assai osannati, ieri e oggi, ne nomino alcuni, ma la schiera è lunga. A questo punto, sarebbe opportuna una bella riflessione sulla forza delle ideologie dominanti … ma questa è un’altra storia.

Mi fermo a un livello più basso, cercando di spiegare i motivi che animarono la regia di quel grande spettacolo. A mio avviso, sono essenzialmente due e sono tra loro strettamente connessi.

La via cinese al socialismo

A metà degli anni Cinquanta, via via che la Repubblica Popolare Cinese definiva la propria fisionomia economica e sociale, entrarono in crisi i rapporti con l’ingombrante partner sovietico. La Cina non aveva alcuna intenzione di vivere nella condizione di «satellite». E sarebbe stato un’assurdità. Non stupisce che la leadership cinese spiasse l’occasione per defilarsi. Nel 1956, il XX Congresso del Pcus offrì alla Cina i pretesti politici per costruire una propria via al socialismo, autonoma e diversa da quella dell’Urss, ma in linea con il dogma marxista-leninista. In poche parole, la Cina non faceva altro che rivendicare la propria indipendenza nazionale.

In quelle circostanze, la Cina cercò di accattivarsi le simpatie degli ambienti politici e intellettuali occidentali. Per esempio, nel 1955, una folta delegazione italiana visitò la Cina, riportandone un’immagine entusiasta (vedi: Aa. Vv., La Cina d’oggi, «Il Ponte», Anno XII, Suppl. al n. di aprile 1956, La Nuova Italia, Firenze, 1956, pp. 728). Ne facevano parte: Ferruccio Parri, Norberto Bobbio, Piero Calamandrei, Francesco Flora, Carlo Cassola, Cesare Musatti … ovvero, il fior fiore dell’intellighenzia democratica. Costoro furono l’avanguardia di quello stuolo di proseliti che, nel decennio successivo, avrebbe inneggiato al presidente Mao, senza pudore.

Nel frattempo, i rapporti sino-sovietici si erano deteriorati, in un clima di reciproche accuse, coinvolgendo tutti i partiti comunisti che confermarono la loro fede sovietica (tranne il Partito del Lavoro d’Albania). Il colpo di grazia venne nel 1961, con il ritiro degli specialisti russi dalla Cina.

L’isolamento dal «mondo comunista» aggravava il quasi completo isolamento diplomatico. Pochissimi Paesi riconoscevano la Cina, poiché il suo riconoscimento toccava la questione spinosa del seggio permanente nel Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, allora detenuto dalla Cina nazionalista (Taiwan), secondo la volontà yankee.

Per rompere l’isolamento, la Cina scatenò una grandiosa campagna propagandistica, il cui fulcro era la formazione di partiti comunisti «veramente marxisti-leninisti», alternativi e concorrenti a quelli filo moscoviti. Nella seconda metà degli anni Sessanta, Pechino diffuse periodici e opuscoli in una quarantina di lingue, ben curati graficamente e con tirature altissime, il Libretto rosso, con i pensieri del presidente Mao, raggiunse il miliardo di copie.

Tanto fumo, e l’arrosto brucia…

Lo spettacolo propagandistico era inversamente proporzionale ai risultati realmente conseguiti dalla via cinese al socialismo. Privo dei mezzi e dei tecnici forniti da Mosca, il governo cinese dette spazio all’improvvisazione, proposta con fantasiose espressioni: Cento fiori, Grande balzo in avanti … Il fallimento di questi esperimenti velleitari provocò un grave dissesto economico e pericolose tensioni sociali, che Mao affrontò creativamente, con la parola d’ordine: Bombardiamo il quartier generale, lanciando la Grande rivoluzione culturale proletaria e suscitando il movimento delle Guardie rosse, che coinvolse, si calcola, circa 30 milioni di studenti.

Le dimensioni e le ripercussioni dei fatti di Cina furono una fonte di enormi equivoci per l’intellighenzia occidentale che visse l’iniziativa maoista in chiave libertaria, come fosse una poderosa spinta democratica, verso un effettivo potere dal basso…

In realtà, le Guardie Rosse erano l’embrione di una burocrazia statal-partitica di estrazione studentesca, il cui compito era prendere il controllo nelle fabbriche e nelle campagne, eliminando i vecchi quadri statal-politici, con la pretestuosa accusa di aver provocato i dissesti, da cui l’indicazione di Mao: Sparate sul quartier generale! Ma non sul Grande Timoniere, ovviamente. L’epurazione si risolse in un paio d’anni (1966-1968), dopo di che le Guardie Rosse – che stavano prendendo alla lettera le indicazioni del Presidente – furono a loro volta emarginate e normalizzate.  Il testimone passò ai militari. Epurazione prima e normalizzazione dopo avvennero in un clima di grande violenza, fu una vera guerra civile che, ovviamente, l’intellighenzia occidentale ignorò allegramente, anzi, travisò completamente gli eventi cinesi, esaltandoli in un’idilliaca, demenziale, visione.

A questo punto, si potrebbe arguire che la Cina, a livello propagandistico, qualche risultato l’avesse raggiunto, mascherando disastri e violenze.  Sotto un profilo meno labile l’enorme sforzo (pagato col sangue e sudore dei proletari e contadini cinesi) ebbe ricadute politiche modeste. In Asia e in Africa qualche partito comunista sposò il maoismo, ma per breve tempo: nel 1971 gli accordi con gli Usa raffreddarono gli ardori antimperialisti, accesi dal maoismo. Intanto la Cina aveva ottenuto il riconoscimento internazionale e il seggio nel Consiglio di Sicurezza dell’Onu. E si era emancipata dal rapporto con l’Unione sovietica.

Un pasticcio all’italiana, ma per palati forti

In Occidente, nei primi anni Sessanta, sorsero partitini filo cinesi (gli emme-elle, come furono definiti) con un peso sociale irrisorio (tranne in alcune brevi occasioni) e, presto, si frammentarono. Significativa è l’esperienza dell’Italia, dove la nascita del partito filocinese fu il frutto di un ambiente assai eterogeneo, per di più con componenti contrastanti. Politicamente, a parte i nostalgici stalinisti, c’erano quadri che erano stati emarginati dal partito sull’onda del XX Congresso del Pcus (febbraio 1956, cui fece eco il VII Congresso del Pci, dicembre 1956) e militanti scontenti di una prassi di corto respiro, sia rispetto alle aspettative resistenziali sia rispetto ai mutamenti sociali, prodotti dal boom economico. E non tutti erano nostalgici di Stalin, anzi, alcuni vedevano in Mao un antidoto antiburocratico.

Queste erano manifestazioni superficiali di un malessere-dissenso che, nel Pci, aveva radici più profonde. La sua prassi politica, pur senza rispondere ai mutamenti sociali, subiva, per forza di cose, l’allentamento di quell’alleanza tra classe operaia e piccola borghesia produttiva (artigiani e contadini), sulla quale il partitone aveva costruito la propria strategia politica. Di conseguenza, il Pci restava fermo in mezzo al guado, nonostante le acque si stessero agitando.

Il movimento filocinese attrasse alcune frange contadine, soprattutto in Calabria, ma fu un idillio di breve durata. Nel 1968 la contestazione studentesca esprimeva il fermento dei ceti medi emergenti, trascurati dal Pci. Costoro reclamavano un posto al sole nei ruoli e nelle professioni sollecitate, e in parte create, dalla crescita della struttura produttiva italiana, in cui l’industria e il terziario avevano ristretto gli spazzi del vecchio mondo agricolo e artigiano. Un piccolo mondo antico, da cui la scuola stentava a emanciparsi. Motivo per cui l’istruzione fu un fattore che connotò fortemente la contestazione studentesca in Italia.

Inizialmente, i nuovi ceti emergenti italiani furono suggestionati dalle Guardie Rosse cinesi ed ebbero qualche simpatia per il movimento emme-elle, la loro adesione fu però limitata ed effimera, e soprattutto fu problematica, tanto da sollevare contrasti che, nel giro di due/tre anni, ne provocarono la disgregazione e la scomparsa. Andavano prendendo il sopravvento altre organizzazioni (Avanguardia Operaia e Manifesto in primis) che, pur esprimendo una generica simpatia per Mao, meglio rispondevano ai mutamenti sociali in corso. A incensare Mao, restarono solo gli intellettuali nostalgici del bel tempo che fu …(Nota mia: clamoroso il caso di una quarta di copertina del giornale Avanguardia Operaia, con un articolo molto critico e allarmato sulla campagna contro la cosiddetta Banda dei Quattro, ritenuti i rivoluzionari nel maoismo. Il giornale venne ritirato e l’articolo sostituito con un altro, molto più moderato….)

Alcuni di costoro si pentirono, sposando ideologie decisamente bacchettone per non dire reazionarie. Stendo un velo pietoso su di loro, tanto contano come il due di picche. Il loro sciocco fanatismo ebbe però deleterie conseguenze alla fine degli anni Settanta, quando il modo di produzione capitalistico entrava in una fase di crisi irreversibile, mentre il mondo «comunista», con l’Urss, si avviava a un tragico tramonto e la Cina si avviava sull’impervia via di un capitalismo sui generis… ma pur sempre capitalismo.

L’avanguardia della regressione

Proprio in questa congiuntura storica, che avrebbe richiesto lucidità intellettuale e politica, trionfò un acritico pentimento che, in prima linea, vide coloro che, un momento prima, avevano brillato per il loro ottuso fanatismo. Fin qui, non ci sarebbe nulla di male, non era la prima volta e non sarà l’ultima che s’incontrano pentiti sulla via di Damasco. Ma c’è un aspetto particolarmente fetente.  Costoro, i pentiti, crearono il brodo di cultura intellettuale in cui sarebbe germogliata l’«avanguardia della regressione»: i «nouveaux philosophes».

La via fu aperta nel 1975, dal vecchio maoista pentito André Glucksmann, con La cuoca e il mangia-uomini: sui rapporti tra Stato, marxismo e campi di concentramento (edizione italiana: L’erba voglio, Milano, 1977), in cui egli stabilisce una stretta equazione tra nazismo e comunismo. Gli argomenti addotti, per quanto modesti, crearono il clima per i più raffinati argomenti di Bernard-Henri Lévy, vero leader dei «nouveaux philosophes».

Prese così avvio una campagna contro il «totalitarismo» sans phrase, fondata su un’impostazione squisitamente metafisica, priva di connotati storico-sociali, che dà spazio a tutte le ambiguità possibili, favorendo scelte politiche reazionarie, mascherate da una foglia di fico liberal-democratica, spesso assai esile e frusta. Come dicevo, folta è la schiera dei pentiti passati, armi e bagagli, al servizio della classe dominante. E costoro furono tanto meglio accolti, quanto più il sistema mostrava le sue crepe.  Il loro compito diventava prezioso, poiché, stroncando senza appello i miti di redenzione sociale del Novecento, celebravano, di converso, l’accettazione di una società che, nonostante gli evidenti segni di declino, sarebbe «il migliore dei mondi possibili». A santificare il presente giunse, nel 1992, Francis Fukuyama, annunciando la «fine della storia»: così è, così è stato e così sarà. Amen.

Corollario di questo debosciato clima ideologico fu la deriva antiautoritaria e pacifista che ha impestato i cascami della fu sinistra antagonista e/o radicale, con l’approdo ai più screditati lidi parlamentari e, in genere, legalitari, da cui non sono immuni neppure alcuni eredi degeneri del povero Bakunin. Sempre in nome dell’antiautoritarismo… benché, come sappiamo, la rivoluzione non sia un pranzo di nozze … lo diceva anche il presidente Mao.

Prima di concludere, due parole su alcuni riferimenti bibliografici riportati da Mieli: sono opere ex post, uscite nella seconda metà degli anni Settanta (per esempio egli cita: Simon Leys, Ombre cinesi. Il fenomeno totalitario in Cina, Traduzione di Alberto Flores d’Arcais, Sugrco, Milano, 1978), quando le magagne cinesi erano venute a galla, e solo i dementi non le vedevano. Ma, già da tempo, circolavano, anche in Italia, libri che offrivano un’apprezzabile visione critica sulla Cina di Mao, ricordo:

– Philippe Devillers, Mao parla da sé. La carriera e il potere di Mao prima e dopo la rivoluzione culturale rivelati da lui stesso, Traduzione di Lapo Berti, Longanesi, Milano, 1970.

– Jean Esmein, Storia della rivoluzione culturale cinese, Traduzione di Giovanni Ferrara, Laterza, Bari, 1971.

– Charles Reeve, La tigre di carta. Saggio sullo sviluppo del capitalismo in Cina dal 1949 al 1972, Edizioni La Fiaccola, Ragusa, 1974.

Come si vede, son tutti libri pubblicati dapprima in Francia. In Italia, c’erano pubblicazioni marxiste di sinistra, spesso con approfondite analisi, ma non riscuotevano molti riscontri. Sulla scena, imperversava la Mariantonietta Maciocchi …

Dino Erba, Milano, 16 settembre 2018.

Uccidiamoli a casa loro

In e-mail da Democrazia Atea il 24 Luglio 2018 dc:

Uccidiamoli a casa loro

Generalmente le società civili adottano criteri di condivisione delle esperienze e delle conoscenze per arrivare alle migliori soluzioni possibili.

Le società civili organizzano convegni di medicina, di diritto, di economia, organizzano meeting, conferenze, perché la condivisione delle conoscenze diventa il modo migliore per ipotizzare risposte possibili e ridurre i margini di errore.

Anche negli USA si organizzano eventi per trovarsi preparati agli scenari futuri, ed essendo gli statunitensi degli inguaribili guerrafondai, i loro meeting sono incentrati sugli scenari di guerra.

Negli USA si organizzano dei giochi di guerra, durante i quali si devono misurare le capacità delle forze armate americane di affrontare ogni tipo di crisi.

Il War College in Pensilvanya ha ospitato Unified Quest 08, un evento durante il quale si radunarono militari di ogni età, provenienti da tutto il mondo, ma anche rappresentanti delle accademie, dell’industria, di molte agenzie governative per discutere le risposte ai conflitti globali del futuro.

Ed è curioso constatare che quando il Pentagono orchestra un “gioco di guerra” preventivando come comportarsi in un possibile conflitto, di lì a poco quella guerra ipotizzata, con stupefacente puntualità, si verifica.

Nel 2008 Unified Quest aveva ipotizzato quattro scenari e tra questi, quello nigeriano, collocandolo temporalmente nel 2013.

Era la prima volta che gli USA pianificavano uno scenario africano.

Con singolare “coincidenza”, l’anno successivo, nel 2009, il gruppo terroristico Boko Haram, presente in Nigeria già dal 2002 ma con attività che non avevano destato immediata preoccupazione, ha cominciato la sua ascesa vertiginosa, frutto di finanziamenti improvvisi, e ha scatenato i primi attentati in concomitanza con la creazione dell’Africom, un nuovo comando militare destinato al continente africano e creato dal Pentagono.

Gli orrori legati a questo gruppo terroristico sono inenarrabili, ma è necessario risalire a chi quell’orrore lo ha lucidamente pianificato.

I maggiori finanziatori di Boko Haram sono il fondo fiduciario Al-Muntada, con sede nel Regno Unito, e la Società mondiale islamica dell’Arabia Saudita, dunque Regno Unito e Arabia Saudita, entrambi fedeli alleati degli USA.

Zbigniew Brzezinski, già co-fondatore della Commissione Trilaterale, ideatore del progetto CIA di sostegno ai mujaheddin in Afghanistan, durante l’amministrazione Obama teorizzò la politica di deflagrazione degli stati nazionali per arrivare a micro-Stati divisi per etnie o religione, talmente irrilevanti da non poter essere minimamente in grado di opporsi ad una qualsiasi multinazionale del petrolio di medie dimensioni, e tra gli obiettivi di distruzione degli stati nazionali c’era la Nigeria.

Destabilizzare la Nigeria significava anche indebolire il rapporto privilegiato che la Nigeria aveva con la Cina, perché il petrolio nigeriano costituisce un irrinunciabile fonte di approvvigionamento anche per Pechino.

Nel 2010, la Cina ha firmato un accordo da 23 miliardi di dollari per la costruzione di tre raffinerie di carburanti in Nigeria, e la crescente presenza della Cina nella regione è stata interpretata, manco a dirlo, come una sfida agli interessi americani.

Agli USA interessano le risorse petrolifere nigeriane e non vuole contendersele con la Cina.

Durante l’amministrazione Obama le organizzazioni terroristiche sono state spudoratamente finanziate per destabilizzare intere aree, in tutto il pianeta, con la precisa finalità di meglio consentire il raggiungimento delle predazioni economiche.

L’amministrazione Obama, consentendo che Boko Haram venisse finanziato, ha ottenuto la destabilizzazione della nazione più popolosa dell’Africa.

Da non trascurare che alla distruzione della Nigeria ha contribuito, attraverso l’ENI, anche l’Italia.

L’Eni è stata accusata di aver grandemente, se non irreversibilmente, inquinato il Delta del Niger.
L’ENI si è difesa dicendo che le perdite erano causate proprio dai terroristi che rubavano il petrolio dalle tubature.
Un accurato studio di Amnesty International ha dimostrato invece, con documenti e fotografie, che le perdite sono causate, piuttosto, dal pessimo stato di manutenzione degli impianti.

Da sottolineare come l’economia della Nigeria era prevalentemente fondata su agricoltura e pesca e come gli idrocarburi e l’inquinamento del Niger abbiano distrutto l’economia nazionale tradizionale, ad onta dei progettini di sostegno all’agricoltura finanziati proprio dall’ENI.

Il bilancio complessivo è terrificante: centinaia e centinaia di civili uccisi, esecuzioni sommarie agghiaccianti, migliaia di famiglie impossibilitate a sostenersi, fame, miseria, malattie e, su tutto, incombe la bestialità della sharia.

Così li abbiamo uccisi a casa loro.

http://www.democrazia-atea.it