Sovrappopolazione

Esseri umani estinti entro cento anni

Dal sito http://www.corriere.it 20 Giugno 2010 dc:

«È una situazione ormai irreversibile e penso sia tardi per porvi rimedio»

«Esseri umani estinti entro cento anni»

La catastrofica previsione del biologo Frank Fenner

Cause: esplosione demografica e consumi fuori controllo

Il biologo Frank Fenner

 

MILANO – La razza umana si estinguerà nel giro dei prossimi cento anni e così pure un sacco di specie animali. A dirlo è nientemeno che Frank Fenner, 95enne professore di microbiologia dell’Australian National University, ma soprattutto lo scienziato che ha contribuito a debellare il vaiolo. Stando all’eminente cattedratico, a far precipitare gli eventi saranno l’esplosione demografica e i consumi fuori controllo, due fattori ai quali gli uomini non riusciranno a sopravvivere, mentre a dare inizio alla caduta sarebbero stati i cambiamenti climatici.

IRREVERSIBILE – «L’homo sapiens sarà estinto probabilmente nei prossimi 100 anni – ha detto Fenner al giornale The Australian – e lo stesso accadrà per molti animali. È una situazione ormai irreversibile e penso sia davvero troppo tardi per porvi rimedio. Non lo manifesto perché la gente sta comunque tentando di fare qualcosa, anche se continua a rimandare. Di certo, da quando la razza umana è entrata nell’era nota come Antropocene (termine coniato nel 2000 dallo scienziato Paul Crutzen per definire l’era geologica attuale, in cui le attività dell’uomo sono le principali fautrici delle modifiche climatiche, ndr), l’effetto sul pianeta è stato tale da poter essere paragonato a una delle epoche glaciali o all’impatto di una cometa. Ecco perché sono convinto che faremo la stessa fine degli abitanti dell’isola di Pasqua.

Attualmente, i cambiamenti climatici sono ancora in una fase molto iniziale, ma già si vedono dei considerevoli mutamenti nelle condizioni atmosferiche. Gli Aborigeni hanno dimostrato che potrebbero vivere per 40 o 50mila anni senza la scienza, la produzione di diossido di carbonio e il riscaldamento globale, ma il mondo non può e così la razza umana rischia di fare la stessa fine di molte altre specie che si sono estinte nel corso degli anni».

La catastrofica e pessimistica visione di Fenner non sembra, però, trovare grande rispondenza fra i suoi stessi colleghi. «Frank può anche avere ragione – ha spiegato il professor Stephen Boyden, oggi in pensione, al Daily Mail – ma alcuni di noi hanno ancora la speranza che si arrivi a prendere consapevolezza della situazione e che, di conseguenza, si mettano in atto i cambiamenti necessari a raggiungere un vero sviluppo ecosostenibile».

CRISI GLOBALE – «La razza umana – gli fa eco Simon Ross, vice presidente dell’Optimum Population Trust – si trova ad affrontare delle autentiche sfide come i cambiamenti climatici, la perdita della biodiversità (ovvero, l’estinzione di alcune specie animali, ndr) e una crescita senza precedenti della popolazione». Ma c’è chi all’agghiacciante previsione di Fenner mostra in qualche modo di crederci e se la scorsa settimana il principe Carlo aveva messo in guardia dai pericoli legati alla crescita così impetuosa della popolazione mondiale, un altro scienziato, il professor Nicholas Boyle dell’università di Cambridge, si è spinto anche oltre, ipotizzando il 2014 come la data del “giudizio universale”, spiegando (nel libro “2014: Come sopravvivere alla prossima crisi globale”) che il mondo si sta infilando in una crisi globale senza precedenti, che avrà influenze estremamente più vaste dell’attuale crisi economica internazionale.

Nel 2006 era, invece, toccato all’esimio professor James Lovelock lanciare l’allarme circa una diminuzione della popolazione mondiale nel prossimo secolo, quantificabile in 500 milioni di unità, a causa degli effetti del riscaldamento globale, sostenendo che nessun tentativo di cambiare il clima avrebbe davvero risolto il problema, ma avrebbe semplicemente permesso di guadagnare del tempo.

Simona Marchetti

Ateoagnosticismo

Anche oggi il buon Dio ha imperversato

22 Ottobre 2008 dc

Anche oggi il buon Dio ha imperversato

In questi giorni stadistribuendo a man bassa i segni della sua “infinita” bontà. Prima un disastroso ciclone colpisce la Birmania causando migliaia di morti; per di più quelli hanno già sul gobbo una dittatura mica da ridere… Ma si sa, le disgrazie non vengono mai sole, dopotutto Dio predilige i poveri.

Ora un violento terremoto colpisce la Cina con la sua scia di distruzione e morte.

Ma come, direbbe qualcuno, un ateo come te che si mette ad incolpare dio? Sarebbe come ammetterne l’esistenza, sia pure negandone l’attributo della sua infinita bontà.
Piano! Per arrivare al generale voglio appunto partire dal particolare. Il punto che mi interessa smontare è quello della divina provvidenza, e da qui siamo già al cuore del problema.

Quando qualcuno ha conseguito un obiettivo inaspettato o è uscito da una situazione difficile sento spesso dire: grazie a Dio… ce lho fatta. Oppure dopo un incidente: potevo rimanerci secco ma per un miracolo mi sono salvato. Nel primo caso niente da dire. Quando le cose vanno bene si canta, si fischietta, e perché no, si ringrazia anche Dio. Ce n’è per tutti. Ci si sente generosi perché felici. Il secondo caso mi crea già qualche difficoltà: le cose non sono andate dunque tutte a catafascio, ma al momento dell’incidente dov’era Dio, se dovevo salvarmi non poteva evitarmi la seccatura del coma o di un letto di ospedale? Mi si risponderà che è una domanda ingenua e che Dio non è “esclusivamente” al mio servizio. Ma allo stesso modo allora, se non gli si deve atribuire il demerito per il mio incidente, è altrettanto arbitrario attribuirgli il merito delle cose andate a buon fine. A parte poi il fatto non trascurabile che, se fosse presupposta l’onniscienza di Dio, le nostre preghiere per ottenere qualsiasi beneficio sarebbero vane perché tutto ormai è stabilito.

Ma c’è di peggio: quante sono le preghiere non esaudite, malati che non guariscono, miracoli implorati che non avvengono, sciagure impreviste come morti premature, perdite di persone care? E se poi ci mettiamo le calamità naturali, le malformazioni, le guerre… A volte mi sembra di vedere una folla di poveracci che si affolla attorno a un padrone e lo tira per la giacca cercando di strappargli un favore, o il deportato ad Auschwitz che pregava perché non fosse lui ma un altro ad essere scelto per lo sterminio. Come se il male cominciasse e finisse con noi. Il poco bene ricevuto fa innalzare le lodi a Dio, il resto sono misteri. Piani insondabili della divinità che passano sopra le nostre teste. Guai a chi ci capita sotto.

“Non si muove foglia che Dio non voglia”, recita il vecchio detto popolare. Ma se invece della “foglia” è un alluvione a muoversi dovremo allora ringraziare la Provvidenza per questo “regalo”?
Ci si stupisce della bellezza dei tramonti, del cielo stellato, di certi scorci panoramici, dei prodotti dell’ingegno umano, ma la natura non è solo questo: ci sono le carestie, le calamità naturali, le malattie, le malformazioni congenite.

E qui veniamo al punto. Non possiamo attribuire alla Provvidenza le prime senza addebitargli anche le seconde. Ma un Dio che permette le sciagure e che tollera gli atti più nefandi perfino da parte dei suoi stessi fedeli non è certo così adorabile. Ma per togliere questo “scandalo” è più facile concludere che un siffatto Ente, che distribuisce favori e sciagure a suo beneplacito, non esiste. Sono le ristrettezze della vita, la concorrenza delle specie, la virulenza dei nostri conflitti che ce lo fanno inventare. E allora, come scriveva il Leopardi nella sua poesia La ginestra, è meglio considerarci tutti sulla stessa barca e aiutarci un po’ per ciascuno a tirare i remi e a rattopparla dove più fa acqua.

Sestante