Archivi tag: BCE

Da “Mitiko” a “Radical choc”.

da Considerazioni inattuali n.ro 61 27 Gennaio 2015 dc:

Da “Mitiko” a “Radical choc”.

Premature ma in parte fondate le critiche all’allenaza Tsipras-Kammenos

Anche se la rinegoziazione del debito e il rigetto dell’austerità troveranno il valido supporto dell’ipernazionalista e xenofobo consocio, le prime riprove della validità degli impegni pre-elettorali di Syriza si avranno sulle misure fiscali di emergenza volte a finanziare gli interventi sociali del governo: la tassazione sui beni e le ricchezze del clero ortodosso – la più improbabile – quelle certe sugli armatori fino alla confisca dei loro cantieri navali, sulle sontuose magioni e sulle proprietà terriere dei super ricchi.

di Lucio Manisco

Diametralmente opposti i titoli de il Manifesto del 26 e del 27 gennaio: dal “Mitiko” sul trionfo elettorale di Tsipras al “Radical choc” sull’alleanza governativa con l’ultraconservatore e xenofobo Kammenos. Intendiamoci: questi e tutti gli altri geniali titoli di testa del piccolo-grande quotidiano sono sardonici, satirici, a volte autocritici. I due titoli contrastano comunque con il tono delle numerose corrispondenze da Atene, entusiastico per la vittoria di Tsipras e giustificativo per la sua anomala scelta del consocio.

Una scelta attribuita dai maldicenti ad un quid pro quo preelettorale con chi aveva prima indebolito con la scissione il partito al potere e poi provocato le elezioni anticipate rendendo impossibile la nomina di un nuovo presidente.

Premature, ma non del tutto immotivate, le critiche della sinistra radicale o estrema alla scelta dell’alleato di governo, che anche se da tempo si era schierato contro l’austerità strangolatoria dell’Unione Europea fino a sposare la causa dell’uscita dall’euro, aveva propugnato direttive ultra conservatrici, anti-sociali, contro l’immigrazione, direttive non certo condivise ma fieramente contrastate da Alexis Tsipras. E poi il nuovo capo di governo ha affidato al capo del partito alleato il dicastero della difesa. Una riaffermazione dell’allineamento Nato della Grecia indirizzata agli Stati Uniti? La risposta, dopo un diplomatico battibecco procedurale, nel comportamento del neo ministro della difesa alla conferenza della Nato che con più pesanti sanzioni contro la Russia di Putin ribadirà il suo appoggio al governo nazista di Kiev.

Ripetiamo, i dubbi, le riserve, le critiche mosse ad Alexis Tsipras, dopo la embrassade universelle delle sinistre e non solo delle sinistre europee, sono premature: se infondate lo sapremo solo dall’azione del suo governo nei primi 100 giorni e forsanco prima, perché è più che probabile un rinvio dell’ultima tranche multimiliardaria del prestito europeo (la quota greca della BCE, se concessa, andrà alle banche sull’orlo del collasso). Dove troverà il nuovo governo i fondi necessari, non solo all’attuazione dei suoi programmi sociali, ma al mantenimento delle istituzioni se il precedente governo ha vuotato le casse dello Stato con pagamenti anticipati di impegni già assunti? Ovviamente con prelievi fiscali d’emergenza dai ceti privilegiati.

Prima tra tutte la gerarchia della Chiesa Ortodossa, detentrice di beni e ricchezze considerevoli finora esenti da qualsiasi contributo all’erario. Dopo il giuramento laico di Tsipras, abbiamo visto la riconversione ultrareligiosa dell’insediamento del nuovo governo con la contro firma del Pope, il che rende improbabile l’abrogazione dei privilegi della Chiesa. Rimane una tassazione degli armatori – che hanno già trasferito i loro capitali all’estero, ma che dovrebbero pagare ingenti contributi per i loro cantieri navali soggetti in caso di resistenza e ricorsi a confische e nazionalizzazioni.

E poi la tassazione dei ricchi e dei superricchi, arcinoti evasori fiscali, soprattutto sulle loro sontuose dimore e sui loro latifondi che non hanno potuto essere trasferiti altrove.

Saranno 100 giorni essenziali, prima della realizzazione quadriennale dell’intero programma, per sciogliere qualsiasi riserva su questo nuovo governo. I meriti di Alexis Tsipras non sono stati intaccati da un esordio così anomalo: gli ostacoli che dovrà affrontare sono formidabili. Se non bastasse l’intransigenza di Angela Merkel e di Wolfgang Schäuble, sono in gioco gli orientamenti decisamente ostili del popolo tedesco, rispecchiati dalle tre reti televisive nazionali e da quelle dei lander. La sera del 26 gennaio un dibattito di tre ore su Das Erste ha posto in luce più che un risentimento politico il livore antigreco dei partecipanti, CDU e SPD: l’unica a difendere Tsipras è stata Sahra Wagenknecht, ex esponente di Kommunistische Plattform ed ora compagna di Oskar Lafontaine di Linke.  É rimasta schiacciata  da una valanga di contestazioni al vetriolo, fenomeno inconsueto sulla televisione tedesca.

Contro queste espressioni di odio teutonico contro un popolo ridotto alla fame, a cui è stata restituita la speranza, non ci rimane che ribadire gli auguri più fervidi di successo ad Alexis Tsipras ed a Syriza, anche per le ripercussioni positive che quel successo avrebbe sull’intera Europa.

Lucio Manisco
http://www.luciomanisco.eu

Annunci

Islanda: chi sbaglia paga (e i debiti sono i suoi)

La bandiera dell'Islanda
La bandiera dell'Islanda

Dal blog Vergognarsi.it Informazione e Satira 2.0 del 25 Novembre 2011 dc

Islanda: chi sbaglia paga (e i debiti sono i suoi)

di Leonardo Iacobucci
asinichevolano.altervista.org

Questa è la storia di una rivoluzione. Sta accadendo ora, in Europa: anche se ad accorgersene sono pochissimi. Forse perché a farle da sfondo è l’Islanda: 103 mila chilometri quadrati, 320mila abitanti, una capitale grande come Reggio Emilia, cognomi impossibili.

Quindici anni di crescita economica avevano fatto dell’Islanda uno dei Paesi più ricchi del mondo. Ma su quali basi poggiava questa ricchezza? Il modello di ‘neoliberismo puro’ applicato nel Paese che ne aveva consentito il rapido sviluppo avrebbe ben presto presentato il conto. Nel 2003 tutte le banche del Paese erano state privatizzate completamente. Da allora esse avevano fatto di tutto per attirare gli investimenti stranieri, adottando la tecnica dei conti online, che riducevano al minimo i costi di gestione e permettevano di applicare tassi di interesse piuttosto alti. IceSave, si chiamava il conto, una sorta del nostrano Conto Arancio. Moltissimi stranieri, soprattutto inglesi e olandesi vi avevano depositato i propri risparmi. Così, se da un lato crescevano gli investimenti, dall’altro aumentava il debito estero delle stesse banche.

Nel 2003 il debito dell’Islanda era pari a 200 volte il suo PIL, ma nel 2007 raggiunse il 900 per cento.

La crisi finanziaria globale del 2008 è stata il colpo di grazia. Le tre principali banche islandesi, Landbanki, Kapthing e Glitnir,andarono in bancarotta e furono nazionalizzate, mentre la corona islandese perse l’85% del suo valore nei confronti dell’euro. Alla fine dell’anno l’Islanda dichiarò bancarotta.

Geir Haarde, Primo Ministro di un governo di coalizione socialdemocratica, negoziò 2,100 miliardi di dollari in prestiti, ai quali i paesi nordici aggiunsero altri 2,5 miliardi. Il FMI e l’Unione Europea volevano prendere in consegna il suo debito, dicendo che era l’unico modo per il Paese di pagare il debito ai Paesi Bassi e Regno Unito, che avevano promesso di rimborsare i propri cittadini.

Le proteste e le rivolte continuarono e alla fine hanno il governo dovette dimettersi.

Il nuovo governo, eletto con elezioni anticipate ad aprile 2009, era una coalizione di sinistra che, pur condannando il modello neoliberista fin lì prevalente, cedette da subito alle richieste della comunità economica internazionale: con una apposita manovra di salvataggio venne proposta la restituzione dei debiti attraverso il pagamento di 3 miliardi e mezzo di euro complessivi, suddivisi fra tutte le famiglie islandesi lungo un periodo di 15 anni e con un interesse del 5,5 per cento.

Si trattava di circa 100 euro al mese a persona, che ogni cittadino della nazione avrebbe dovuto pagare per 15 anni: un totale di 18mila euro a testa per risarcire un debito contratto da un privato nei confronti di altri privati.

Fu la goccia che fece traboccare il vaso. Fu a quel punto che la rabbia popolare esplose. A guidarla, in qualche modo, erano un cantante e una donna, lesbica. Di fronte alla situazione economica del Paese, i cittadini islandesi scesero in piazza. Non per un giorno solo: per 14 settimane.

Il risultato fu che il Capo di Stato, Olafur Ragnar Grimsson, si rifiutò di ratificare la legge che avrebbe reso i cittadini dell’Islanda responsabili dei debiti bancari e accettò l’appello al referendum. Naturalmente la comunità internazionale non fece altro che aumentare la pressione sull’Islanda. Nel referendum del marzo 2010 il 93% votò contro il rimborso del debito. Il FMI congelò immediatamente i prestiti. Ma la rivoluzione (non trasmessa in TV negli Stati Uniti) non si fece intimidire. Con il supporto di una cittadinanza furiosa il governo avviò indagini civili e penali sui responsabili della crisi finanziaria.

L’Interpol emise un mandato di arresto internazionale per l’ex presidente di Kaupthing, Sigurdur Einarsson, e per altri banchieri coinvolti che fuggirono dal Paese.

In questo clima concitato si decise di creare ex novo una costituzione islandese, che sottraesse il Paese allo strapotere dei banchieri internazionali e del denaro virtuale.

Per la nuova carta si scelse un metodo innovativo. Venne eletta un’assemblea costituente composta da 25 cittadini. Questi furono scelti, tramite regolari elezioni, da una base di 522 che avevano presentato la candidatura. Per candidarsi era necessario essere maggiorenni, avere l’appoggio di almeno 30 persone ed essere liberi dalla tessera di un qualsiasi partito.

Ed eccoci così arrivati ad oggi. Con l’Islanda che si sta riprendendo dalla terribile crisi economica e lo sta facendo in modo del tutto opposto a quello che viene generalmente propagandato come inevitabile. Niente salvataggi da parte di Bce o Fmi, niente cessione della propria sovranità a nazioni straniere, ma piuttosto un percorso di riappropriazione dei diritti e della partecipazione.

Il programma “neodemocristiano” di Monti

Il programma “neodemocristiano” di Monti

di Lucio Garofalo

Una volta i colpi di Stato li organizzavano ufficialmente i colonnelli, non a caso si chiamavano (giustamente) “golpe militari”. Oggi li ispirano e li eseguono direttamente i banchieri e i tecnocrati della finanza, affiancati anche da generali, emissari della Confindustria e referenti del Vaticano, ma ipocritamente sono definiti “governi tecnici”.

Non si tratta di analisi dietrologiche o complottiste, ma è la semplice presa d’atto di quanto accade sotto i nostri occhi. Nella migliore delle ipotesi, persino in Parlamento, si osa discutere di “sospensione della democrazia”. Ad insinuare simili accuse, che si preferisce liquidare molto comodamente come “farneticazioni ossessive”, non sono pericolosi sovversivi o bolscevichi, ma giornalisti prezzolati e burocrati al servizio dell’apparato berlusconiano, nonché alti funzionari di partito organicamente inseriti nei Palazzi del potere che agiscono da anni all’interno delle istituzioni rappresentative.

Viceversa, sorprende (ma non troppo) che esponenti storici del cosiddetto “centro-sinistra”, i quali fingevano di schierarsi all’opposizione e azzardavano ogni ingegnosa costruzione dialettica, parlando apertamente (non a torto) di “regime” e di “emergenza democratica” per criticare l’atteggiamento arrogante e semi-dispotico assunto da Berlusconi, oggi non hanno battuto ciglio e non hanno proferito verbo per denunciare l’intervento destabilizzante (poiché trattasi di eversione in piena regola) attuato per rovesciare il “sultanato” di Berlusconi (che non va assolutamente rimpianto) e insediare un esecutivo “tecnico” che si preannuncia più sinistro e funesto del governo precedente.

Il caricaturista Vauro ha recentemente disegnato una vignetta, pubblicata sul Manifesto, in cui un personaggio domanda: “E la democrazia?”, mentre un altro risponde: “L’hanno pignorata le banche!”. Una sintesi geniale e perfetta di quanto è accaduto nella realtà.

Anzitutto, la squadra del neonato governo concentra una serie di figure legate a doppio filo con i poteri forti che da sempre condizionano il destino del nostro Paese: le principali banche (UniCredit, Banca Intesa, Mediobanca e altri grossi istituti di credito), la Confindustria, il Vaticano, i vertici militari e la Nato. Tali poteri sono compresi e rappresentati nel governo presieduto da Monti, in cui figurano numerosi portavoce della Confindustria e del sistema economico dominante, ammiragli, esperti bocconiani e docenti di altre università private, fiduciari delle gerarchie ecclesiastiche e così via.

Il loro compito sarà essenzialmente tecnico-esecutivo, ossia tradurre in provvedimenti immediati le direttive politiche dettate dai vertici della BCE, la cui linea è sposata dalle più forti lobbies e istituzioni economiche mondiali, dal Fondo Monetario Internazionale ai centri più o meno occulti dell’establishment bancario e finanziario sovranazionale. Si potrebbe azzardare che Mario Monti è l’esecutore di un piano di commissariamento del governo italiano, il cui mandante è esattamente Mario Draghi alla guida della BCE. Da un governo composto da fascisti, piduisti, mafiosi e puttanieri, con a capo il satrapo e satiro di Arcore, autodefinitosi “premier a tempo perso”, si è passati direttamente ad un esecutivo formato da banchieri, autorità militari, tecnici confindustriali e referenti della curia pontificia. E’ quanto meno arduo e imbarazzante scegliere il “meno peggio”.

La concretizzazione dei punti politici prescritti dall’alto al governo del nostro Paese, da parte di quei soggetti che sono l’espressione e l’emanazione diretta delle oligarchie finanziarie di cui la BCE costituisce il supremo vertice istituzionale, detto in parole semplici ma veritiere, comporterà una vera e propria macelleria sociale, il massacro dei diritti democratici e sindacali, di quelle tutele sociali che hanno garantito finora il mondo del lavoro in Italia, o almeno una parte consistente di esso. Parlare, dunque, di “lacrime e sangue” potrebbe sembrare addirittura un eufemismo. Il professor Monti ha esplicitamente annunciato un piano di “sacrifici” accompagnati (a chiacchiere) da principi di “equità”. E’ facile presumere che incasseremo solo i sacrifici, senza equità.

Dalle enunciazioni programmatiche ancora piuttosto ambigue, vaghe e generiche, a tal punto che Monti è stato definito “democristiano”,  si evince una palese mancanza di rottura rispetto alla linea seguita dal precedente governo. Al contrario, si ravvisa un intimo legame di continuità con la politica adottata da Berlusconi e dai suoi ministri anzitutto sul fronte economico-sociale, in particolare sul tema dell’istruzione scolastica.

Non è un caso che, nel discorso di insediamento ufficiale, il professor Mario Monti abbia esplicitamente accennato all’istituto dell’INVALSI, individuato e indicato come il criterio alla base di un presunto meccanismo “meritocratico” da introdurre nel mondo della scuola italiana per determinare la carriera economica e professionale degli insegnanti.