L’insegnamento della religione cattolica nella scuola pubblica

L’insegnamento della religione cattolica nella scuola pubblica:

educazione o “indottrinamento”?

Quali nuovi e alternativi “sistemi educativi” sono possibili?

IN COSA CONSISTE L’I.R.C.?

L’I.R.C. è l’acronimo di “insegnamento della religione cattolica”.

Sulla natura di tale insegnamento il protocollo addizionale del Concordato tra lo Stato italiano e la Santa Sede stabilisce che “l’I.R.C. (…) è impartito in conformità della dottrina della Chiesa”.

L’ora di religione, dunque, si presenta a tutti gli effetti come:

– uno strumento educativo di cui la Chiesa Cattolica è l’unica autorità religiosa autorizzata a servirsene (in via privilegiata)

– finalizzato all’insegnamento della religione cattolica all’interno delle strutture scolastiche pubbliche (anche al di fuori delle parrocchie, per intendersi).

L’insegnamento di altre religioni (diverse dalla cattolica) nel corso dell’ora di religione non è previsto: il docente che si azzardasse a proporlo, anzi, rischierebbe perfino di perdere il posto!

Come prescrive il Codice di diritto canonico, infatti, “l’Ordinario del luogo si dia premura che coloro, i quali sono deputati come insegnanti della religione nelle scuole, anche non cattoliche, siano eccellenti:

– per retta dottrina,

– per testimonianza di vita cristiana

– e per abilità pedagogica”.

L’INSEGNAMENTO RELIGIOSO NEL RESTO D’EUROPA:

Ecco alcuni significativi esempi della realtà educativa religiosa che si presenta in altre realtà a noi vicine:

In Germania i cittadini berlinesi (a seguito di un referendum tenutesi appena lo scorso 26 aprile) hanno detto “no” al riconoscimento di pari dignità all’ora di religione rispetto alla lezione di etica.

Attualmente a Berlino (capitale tedesca ma anche Città­-Stato):

– l’etica è materia “obbligatoria”

– mentre la religione è disciplina “facoltativa” (chi la sceglie deve sostenere un’ora in più di lezione rispetto al piano di studi ordinario!).

In Francia la religione è considerata una scelta privata: ogni ostentazione pubblica è generalmente ritenuta fuori luogo (ad esempio, gli ufficiali di stato francesi devono essere neutrali rispetto sia agli ideali politici che alla religione: ogni pubblica espressione di affiliazione religiosa è proibita).

Il termine “Laïcité” è un concetto chiave della Costituzione francese: secondo l’articolo I, “La France est une République, une, indivisible, laïque et sociale”.

Recentemente una controversa legge ha proibito l’ostentazione di simboli religiosi vistosi nelle scuole pubbliche (come grandi hijab, turbanti Sikh, vistose croci cristiane e Stelle di Davide):

– negli edifici pubblici è possibile indossare simboli religiosi solo se non assumono un carattere rivendicativo

– mentre è vietata espressamente l’esposizione di simboli o emblemi religiosi su monumenti e in spazi pubblici (ad eccezione di luoghi di culto, cimiteri, musei, ecc …).

La Costituzione prevede espressamente la forma laica dello Stato:

– non si prevede alcuna forma di finanziamento per nessuna chiesa

– né alcun “insegnamento religioso” scolastico.

In Belgio l’ora di religione e quella di etica sono:

– “alternative”

– ed entrambe “non obbligatorie”.

In Finlandia nelle scuole è previsto un insegnamento di etica “alternativo” a quello della religione.

In Lussemburgo nelle scuole pubbliche vi sono (in “alternativa”) lezioni di etica oppure di religione (cattolica).

In Danimarca l’ora di religione nelle scuole è impartita dai ministri della Chiesa Nazionale (luterana). Si può esserne dispensati qualora i genitori garantiscano un loro personale impegno pedagogico alternativo.

L’insegnamento, però, è neutro dal punto di vista confessionale.

In Spagna (analogamente all’Italia) l’’insegnamento della religione è “facoltativo” ed esercitato da professori selezionati dalla struttura ecclesiastica.

(per un’ulteriore approfondimento ed un’analisi più completa del rapporto Stato-religioni in Occidente, si consiglia il testo “Diritto e religione in Europa occidentale”, di Silvio Ferrari e Ivàn C. Ibàn)

L’I.R.C. IN ITALIA:

Nella legislazione post-unitaria l’I.R.C. era un insegnamento:

– facoltativo

– previsto solo per le scuole elementari

– e la cui gestione era affidata direttamente ai comuni.

Solo nel 1923 il primo governo fascista, con la riforma della scuola, lo rese per la prima volta “obbligatorio”.

Con il Concordato Stato-Chiesa del 1929 si introdusse l’ora di religione anche nelle scuole medie e superiori, giudicandola “fondamento e coronamento dell’istruzione pubblica”.

Con le modifiche concordatarie del 1984 la formula concordataria venne così riformulata: “La Repubblica italiana, riconoscendo il valore della cultura religiosa e tenendo conto che i principî del cattolicesimo fanno parte del patrimonio storico del popolo italiano, continuerà ad assicurare, nel quadro delle finalità della scuola, l’insegnamento della religione cattolica nelle scuole pubbliche non universitarie di ogni ordine e grado”.

In tal modo, di fatto, l’I.R.C. venne esteso anche alle scuole materne!

QUANTO COSTA L’I.R.C. AI CONTRIBUENTI ITALIANI?

L’ora di religione costa ai contribuenti italiani circa “1 MILIARO DI EURO” all’anno, tanto:

– da risultare la seconda voce di finanziamento diretto dello Stato italiano alla confessione cattolica (di pochi milioni inferiore all’otto per mille)

– e da tendere (secondo le previsioni) a divenire la prima nel giro di pochi anni!

L’ultimo dato ufficiale del Ministero dell’Istruzione, in realtà, stima solo in 650 milioni di euro la spesa per gli stipendi degli insegnanti di religione.

Stima, però, inattendibile risalendo all’ormai lontano 2001, quando gli insegnanti di religione erano solo 22 mila (e tutti precari): oggi questi ultimi sono saliti a 25.679 (dei quali 14.670 passati di ruolo!).

L’I.R.C. E’ VERAMENTE FACOLTATIVO?

La C.e.i. (la “Conferenza episcopale italiana”: in pratica, l’assemblea dei vescovi in Italia) ha sempre sostenuto che l’ora di religione è un grande successo, raccogliendo il 92% di adesioni (enfatizzando tali numeri a riprova delle profonde radici cattoliche del nostro Paese).

Quello che, però, la pubblica opinione generalmente ignora è la profonda ostilità della Chiesa verso ogni tentativo di spostare l’I.R.C., nel corso dell’ordinaria attività scolastica mattutina:

– dalla metà mattinata (in cui normalmente, oggi, viene svolta)

– all’inizio o alla fine delle lezioni (come, invece, parrebbe più congeniale per un insegnamento “facoltativo”).

Se si ha fiducia nella partecipazione massiccia e convinta degli studenti all’ora di religione:

– perché la C.e.i. continua a rivendicare (e ad aver riconosciuto, di regola!) il diritto a che l’I.R.C. venga svolto in un orario più consono ad una materia obbligatoria?

– e perché la stessa C.e.i. continua ad osteggiare in ogni modo (di fatto conseguendo il risultato auspicato!) la predisposizione da parte delle scuole di corsi di insegnamento alternativi all’I.R.C.?

Per non avvalersi dell’I.R.C. (diritto formalmente riconosciuto a tutti gli studenti di tutte le scuole, di ogni ordine e grado) vi sono tre possibilità:

a. frequentare “attività alternative”. Ciò, ovviamente, possibile solo laddove previste dai piani di studio scolastici (ovvero in pochissimi casi, a causa dei costi aggiuntivi che per tal ragione graverebbero sui bilanci delle scuole e/o dell’impraticabilità logistica di accorpare più studenti di più classi!)

b. dedicare l’ora allo “studio di altre materie”. Ciò dovrebbe avvenire col supporto di altri insegnanti (di fatto, però, non disponibili perché impegnati in altre classi, visto la costante carenza di personale scolastico!)

c. “uscire dalla scuola”, non essendovi alcun obbligo di frequentare l’ora alternativa (come sancito nel 1989 dalla Corte Costituzionale con la sent. n. 203). Extrema ratio, però, giustamente osteggiata dalla generalità dei genitori per ovvie ragioni di sicurezza!

I problemi su esposti sarebbe facilmente risolvibili collocando l’I.R.C. all’inizio o alla fine delle lezioni, così da consentire agli alunni esenti da tale insegnamento:

– di recarsi a scuola a partire dalla seconda ora di lezione

– oppure di uscire dalla scuola un’ora prima dal termine delle lezioni rispetto ai frequentanti l’I.R.C. .

Soluzione, però, che ha sempre incontrato (in Italia) un ostacolo insormontabile: l’opposizione della Chiesa cattolica, preoccupata di una sensibile diminuzione del numero dei frequentanti l’ora di religione!

Occorre ricordare, difatti, un dato significativo: le gerarchie ecclesiastiche hanno in passato concesso (e di buon grado …) la collocazione dell’I.R.C. all’inizio delle lezioni. Questo, però, solo quando esso era ancora un insegnamento “obbligatorio”!

QUAL’E’ LO STATUS DEGLI INSEGNANTE DI RELIGIONE?

Oggi sono ben 14.670 gli insegnanti di religione passati di ruolo (grazie a una rapida serie di concorsi di massa, inaugurati dal governo Berlusconi con la legge n. 186 del 2003 e poi ripetuti con i governi di centrosinistra …).

Il “regalo” del posto fisso agli insegnanti di religione, però, pone almeno tre ordini di obiezioni:

1- l’I.R.C. è un insegnamento “facoltativo”. Come può, allora, prevedere docenti “di ruolo”?

2- lo Stato, assumendo a tempo indeterminato gli insegnanti di religione, mantiene “a libro paga” dei docenti formalmente propri dipendenti ma:

a. su cui non detiene il minimo potere di “selezione”, essendo questi scelti direttamente dai vescovi

b. su cui non detiene il minimo potere di “controllo”, essendo questi sottoposti (ogni dodici mesi) alla concessione del “nulla osta” da parte dell’autorità diocesana, in grado di revocare l’idoneità all’I.R.C. anche per ragioni che nulla hanno a che fare con le capacità d’insegnamento (per “condotta morale pubblica in contrasto con gli insegnamenti della Chiesa”: come, ad esempio, nel caso di un docente separato o in stato di gravidanza al di fuori del matrimonio!)

c. e pagati per svolgere un insegnamento per definizione “di parte”, il più delle volte in contrasto con lo stesso principio di “laicità” dello Stato (più volte dichiarato dalla Corte Costituzionale costituzionalmente rilevante!).

3- infine, lo Stato realizza una irragionevole disparità di trattamento economico fra gli insegnanti di religione e tutti gli altri insegnanti pubblici (di materie “obbligatorie”): a parità di prestazioni, infatti, gli insegnanti di religione sono maggiormente retribuiti!

ALCUNE CONSIDERAZIONI GENERALI:

E’ ragionevole spendere “un miliardo di euro l’anno” di risorse pubbliche (ancor di più in tempi di tagli notevoli ed indiscriminati all’Istruzione) per mantenere in vita l’I.R.C.?

E come può chiunque creda che la “laicità” sia un valore fondante per ogni democrazia moderna non chiedersi se sia opportuno trasformare la Scuola pubblica in luogo di formazione religiosa (dove, di fatto, fare “catechesi”)?

Perché l’insegnamento religioso non viene svolto “esclusivamente” nei luoghi e nei modi più opportuni, ossia:

– nelle parrocchie (o in altri locali adibiti all’esercizio di culto)

– con appositi corsi pomeridiani “su base volontaria” (rivolti, in primis, ai bambini ed ai ragazzi)

– finanziati col contributo dei fedeli (fruitori, direttamente o in qualità di genitori, di un servizio che dovrebbe da loro essere considerato “spiritualmente prezioso”)?

In uno Stato “laico” (non laicista!) e moderno, aperto nei confronti di tutte le culture e rispettoso delle libertà individuali di ognuno, non dovrebbe in nessun caso prevedersi l’insegnamento di una religione (qualsiasi essa sia!) nella Scuola pubblica: ciò equivarrebbe a considerare la stessa religione alla stregue di una “religione di Stato”!

L’unica soluzione per mantenere in vita l’insegnamento religioso nelle scuole, semmai, potrebbe essere solo quella di:

– rendere l’insegnamento della religione una disciplina realmente “facoltativa” per gli studenti (così che chi la scelga debba sostenere un’ora in più di lezione rispetto al piano di studi ordinario)

– aprire la Scuola pubblica non solo all’insegnamento della religione cattolica ma anche di ogni altra religione (ovviamente nei limiti in cui le istituzioni scolastiche ricevano una sufficiente domanda in tal senso da famiglie e studenti frequentanti)

– e caricare il costo dell’insegnamento alle stesse Comunità religiose interessate (non prevedendo alcun onere pubblico se non quello della concessione in uso dei locali scolastici).

NUOVI POSSIBILI “INSEGNAMENTI SOSTITUTIVI” DELL’I.R.C.:

I: ETICA E STORIA DELLE RELIGIONI

La scuola non può essere (in nessun modo ed in nessun caso) luogo di “catechismo”, in cui inculcare un pensiero unico (anche se dominante!). Dovrebbe, al contrario, aspirare a divenire luogo di incontro e dialogo tra diverse culture e concezioni del mondo e della vita, in cui insegnare la difficile arte di “ragionare” con la propria testa e secondo la propria “individualità” ed un autonomo “spirito critico”.

Nell’ottica di una formazione culturale completa e matura dei giovani, allora, sarebbe opportuno introdurre in tutte le scuole pubbliche (di ogni ordine e grado) un nuovo insegnamento “obbligatorio” (non “in alternativa” bensì “in sostituzione” dell’IRC): quello di “Etica e storia delle religioni”.

La cura di tale corso di studio dovrebbe essere affidata ad insegnanti:

– laureati in corsi di laurea appositi

– ed assunti secondo le normali procedure pubbliche concorsuali.

A testimonianza del fatto che la cancellazione dell’I.R.C. non dovrebbe assumere alcun intento persecutorio nei confronti degli attuali insegnanti di religione (svolgendo questi, in molti casi, un lavoro comunque ammirevole), sarebbe ragionevole, nell’assunzione dei nuovi docenti di tale corso di insegnamento (anche per ragioni di carattere sociale), attingere in gran parte dagli stessi (dopo che questi abbiamo seguito un apposito corso formativo e superato un idoneo concorso pubblico).

Alla libera ed insindacabile scelta di famiglie e studenti, in ogni caso, rimarrebbe la possibilità (fuori dall’ambito scolastico) di frequentare le parrocchie e seguire ogni forma di insegnamento religioso.

Educare i giovani si può, “si deve”: “indottrinare” no!

II: EDUCAZIONE CIVICA ED ALLA LEGALITA’

Un ulteriore corso di studi “obbligatorio” che sarebbe auspicabile introdurre nella Scuola pubblica è l’insegnamento della “Educazione civica ed alla legalità” (contrariamente all’ora di religione, infatti, attualmente l’educazione civica è una materia d’insegnamento largamente non presente o sottovalutata dalle scuole italiane!).

Tale corso di studi andrebbe finalizzato:

– a far conoscere ai giovani le “regolare basilari” della convivenza civile (dalla Costituzione -“carta madre” di tutti i nostri doveri e diritti- al Codice della strada …)

– e a far maturare il valore della vita, la cultura dell’ambiente, i principi di legalità … e la consapevolezza della “parità effettiva” tra uomo e donna!

Sarebbe a tal fine auspicabile un approccio metodologico:

– più “concreto” (meno teorico) alle problematiche della Società moderna (ad esempio, coinvolgendo gli alunni in prima persona in opere di volontariato ed assistenza sociale e mantenendo un filo tra la scuola e gli operatori del settore)

– e più “collaborativo” con le famiglie (che dovrebbero finalmente assumersi la “responsabilità” del delicato compito educativo loro attribuito).

III: EDUCAZIONE ALLA SESSUALITA’

Una riformulazione complessiva dei piani di studio scolastici, infine, sarebbe l’occasione migliore per far conseguire un’ulteriore crescita civile al livello dell’istruzione pubblica italiana introducendo in tutte le scuole l’insegnamento (anch’esso “obbligatorio”) della “educazione alla sessualità”.

L’introduzione di un simile ed innovativo corso di studi rappresenterebbe il segno più evidente della rinnovata volontà dello Stato di farsi carico del difficile impegno di accompagnare i giovani in una crescita matura della propria personalità (anche sessuale).

L’educazione è l’unica arma vincente in grado contrapporsi alla diseducazione morbosa e strisciante di giovani e ragazzi realizzata quotidianamente dal mondo della tv, dei mass media e di internet, capaci di trasmettere ossessivamente messaggi negativi come:

– la mercificazione della figura della donna

– la proposizione di modelli culturali aberranti (ad esempio, l’idea per cui “apparire” sia un valore di merito superiore all’“essere” per fare carriera)

– e l’istigazione ad una visione “morbosa” del sesso.

Come è possibile educare i giovani ad un rapporto “non traumatico” (o esagitato) col sesso se:

– in famiglia e nelle scuole questo aspetto integrante della vita di ogni individuo continua ad essere un “tabù”

– e la “pornografia virtuale”, il più delle volte, risulta essere l’unica vera lezione sessuale alla portata di tutti?!

PUOI LEGGERE L’ARTICOLO (e commentarlo) ANCHE:

SUL BLOG “SPAZIO LIBERO”:

– (parte I: l’educazione religiosa in Europa …)

http://spaziolibero.blogattivo.com/g-s-b1/DALL-ORA-DI-RELIGIONE-ALLA-EDUCAZIONE-ALLA-SESSSUALITA-UN-PASSAGGIO-POSSIBILE-parte-I-b1-p190.htm

– (parte II: l’I.R.C. nella Scuola pubblica: educazione o “indottrinamento”?)

http://spaziolibero.blogattivo.com/g-s-b1/DALL-ORA-DI-RELIGIONE-ALLA-EDUCAZIONE-ALLA-SESSSUALITA-UN-PASSAGGIO-POSSIBILE-parte-II-b1-p189.htm

– (parte III: quali nuovi ed alternativi “sistemi educativi” sono possibili?)

http://spaziolibero.blogattivo.com/g-s-b1/DALL-ORA-DI-RELIGIONE-ALLA-EDUCAZIONE-ALLA-SESSSUALITA-UN-PASSAGGIO-POSSIBILE-parte-III-b1-p188.htm

O SULLA PAGINA FACEBOOK:

http://www.facebook.com/note.php?saved&&suggest&note_id=138529559224#/note.php?note_id=138529559224&ref=mf

Gaspare Serra

Il nuovo ciclo di conferenze del “Giordano Bruno”

Circolo Culturale “Giordano Bruno” di Milano

Le conferenze si svolgono il martedì, dalle ore 21 alle 23 circa, a Milano in via Bagutta 12 (fermata San Babila della linea 1 (Rossa) della Metropolitana), scala C, seconda a destra, al secondo piano.

Febbraio
10

Presentazione del libro di Francis Sgambelluri “L’indifferenza divina” www.francis-sgambelluri.it , un testo di dura critica antireligiosa e anticlericale. Interverrà l’autore.

17

Tutti alla serata laicista alla “sala Alessi” di Palazzo Marino, piazza Scala 2, ore 21. Organizza la Consulta Milanese per la Laicità delle Istituzioni.

24

Presentazione del libro di Giancarlo Tranfo “La croce di spine – Gesù: la storia che non vi è ancora stata raccontata” www.yeshua.it . Interverranno l’autore e Dario Savoia

Marzo
3

Presentazione del libro di Cosimo Cerardi “Filosofia e rivoluzione in Giordano Bruno – Religione, etica e materialismo” www.lamongolfieraeditrice.it . Interverrà l’autore.

10

Presentazione del libro di Ines Arciuolo “A casa non ci torno – Autobiografia di una comunista eretica” www.stampalternativa.it . Interverranno l’autrice e Maria Dilucia.

17

Serata di discussione sul libro di Marco Novarino “L’addio laico – Storia della cremazione a Novara” www.fondazionefabretti.it . Maria Carla Baroni leggerà alcune sue liriche.

24

Serata di discussione del libro di Alexis de Tocqueville “Un ateo liberale – Religione, Politica, Società” www.edizionidedalo.it . Interverrà Fabio Greggio.

31

Serata di discussione sul libro di Aldo Colonna “Catechismo anticlericale – per credenti e laici” www.castelvecchieditore.com . Interverrà Franco Grisolia.

Aprile
7

Serata di discussione sul libro di Karlheinz Deschner “Sopra di noi…niente – Per un cielo senza dei e un mondo senza preti” www.edizioniariele.it Interverrà Renato Pomari.

14

Serata di discussione sul libro di Giovanni Romeo “Amori proibiti – I concubini tra Chiesa e Inquisizione” www.laterza.it . Interverrà Michela Zucca.

21

In collaborazione con ANPI sezione di Porta Venezia si discute di: “Elio Chianesi – Dall’antifascismo alla Resistenza” www.polistampa.com e “Razza partigiana – Storia di Giorgio Marincola (1923-1945)”  www.iacobellisrl.it .

28

Serata di discussione su due nuovi importanti libri sulla Resistenza: “Diario di Bulow” www.odradek.it e “La mia corsa a tappe – N° 63783 a Mauthausen” www.benedicta.org . Interverrà Tiziano Tussi dell’ANPI.

Maggio
5

Serata di discussione sul libro di Edward Muir “Guerre culturali – Libertinismo e religione alla fine del Rinascimento” www.laterza.it

12

Presentazione del libro di autori vari “Sono ateo, grazie a Dio! – Antologia di testi antireligiosi e materialisti dall’antichità ad oggi” http://gratisedizioni.altervista.org/gratisedizioni/ .

19

Presentazione del libro dei Discepoli di Verità “Segreto pontificio – I crimini sessuali della Chiesa nascosti da papa Wojtila e dal cardinale-prefetto Ratzinger” www.kaosedizioni.com . Interverrà Paolo Iervese.

26

Serata di discussione sul libro di R. Giulianelli “Un eretico in Paradiso – Ottorino Manni: anticlericalismo e anarchismo nella Senigallia del primo novecento” www.bfs-edizioni.it . Interverrà Franco Schirone.


Smascheriamo Augias!

Smascheriamo Augias!

Prima o poi dovrò mettermi d’impegno per rivelare, far notare e smascherare la realtà di questo signore, che molti ateoagnostici ritengono un intellettuale laico, che dovrebbe essere ateo, e lo stimano e apprezzano. Bisognerà far luce sulle sue reali posizioni, sulla sua impreparazione e sul suo pressapochismo in almeno un’occasione, sulla sua superficialità e sul suo fare l’occhiolino al cristianesimo, alla figura di Cristo ed altre cose ancora.

Un solo accenno al pressapochismo, cito personalmente per averlo visto e sentito con i miei occhi e le mie orecchie: in una trasmissione recente, programmata da un canale RAI a fine 2008 dc o inizio 2009 dc e dedicata al nazismo, il conduttore Augias, accanto ad una enorme svastica rossa che campeggiava nello studio, arrivava a dire che Hitler aveva preso il simbolo della svastika dalle tradizioni orientali, generalmente buddiste e induiste e, per farlo proprio del nazionalsocialismo, lo aveva “ribaltato”, in modo che la svastica originale, cioè questa (dal sito http://www.satorws.com/simbolismo-svastica.htm , non a caso abbinata al simbolo del Tao)

Un'immagine contentente il Tao e la svastica sinistrorsa
Un'immagine contentente il Tao e la svastica sinistrorsa

 

 

 

 

 

 

 

detta svastica sinistrorsa perché gli uncini puntano verso sinistra, fosse trasformata nella ben più nota svastica destrorsa

La classica svastica destrorsa della simbologia nazista, nera in cerchio bianco su sfondo rosso
La classica svastica destrorsa della simbologia nazista, nera in cerchio bianco su sfondo rosso

 

 

 

 

 

 

 

Ebbene, non si sa se direttamente Augias o chi gli ha preparato la “pappa” della trasmissione, in ogni caso non si sono informati e hanno detto una sonora boiata. Nelle tradizioni in cui è presente questo simbolo esistono in quasi tutte le provenienze entrambe le versioni. Potete trovarne una conferma qui e qui

Jàdawin di Atheia

Stato “laico”? Proviamo a spiegarci….

Stato “laico”? Proviamo a spiegarci….

Si fa un gran parlare di laico, laicista, laicismo, Stato laico etc, ma non sembra che alcuno abbia messo nero su bianco cosa si intenda veramente. Si proverà qui a fare alcune ipotesi.

Nel sito Jàdawin di Atheia, alla pagina “Una Nuova Società…una Nuova Costituzione”, l’argomento viene trattato compiutamente ma inserito in un contesto più ampio ed ambizioso. Qui invece ci si limita a quanto segue.

È necessario che uno Stato laico, se vuole veramente essere tale, lo sia fin dalle sue fondamenta, che in una democrazia compiuta sono rappresentate dalla sua stessa Costituzione. Sgombrato una volta per tutte il campo dalla fuorviante antinomia laico-laicista, che in realtà non esiste e che è stata montata ad arte dai politici e dai lacché clericali e cattolici del nostro Paese, possiamo enunciare alcuni punti fermi che questa Costituzione laica dovrebbe avere.

1) Lo Stato è indipendente da qualsiasi religione, chiesa, setta o credenza ed è a loro superiore in ogni ordine e grado. Lo Stato non riconosce alcun patto od intesa pre-esistente ed ingloba nel suo territorio l’ex- Stato Vaticano, e nel suo patrimonio tutti i beni di questo, anche internazionali, senza indennizzo alcuno.

È chiaro che una simile situazione si registrerebbe dopo un cambiamento radicale della società italiana: è ovviamente utopistico il solo pensarlo…

2) La Repubblica … è uno Stato ufficialmente a-religioso e fortemente laico: tutte le concezioni del mondo filosofiche, religiose, atee e agnostiche sono ammesse con pari diritti e doveri purché non contrastino con la legge e la Costituzione.

Su questo assioma non ci dovrebbero essere discussioni talmente pare chiaro ed inequivocabile.

3) Ogni organizzazione che si richiami a concezioni del mondo filosofiche, religiose, atee e agnostiche vive, si finanzia e si organizza in modo autonomo dallo Stato il quale può, all’occorrenza, stabilire intese, anche economiche, con ognuna di loro.

In questo modo si colmerebbe la lacuna della nostra Costituzione che non nomina e non considera nemmeno concezioni del mondo che non siano religiose.

4) Le organizzazioni anzidette non hanno diritto ad interferire, in alcun modo, con la vita, le istituzioni e le organizzazioni della Repubblica in modo che prevalga esclusivamente il loro punto di vista. Specificatamente non sono ammesse la presenza, l’organizzazione di culto e la propaganda di tali organizzazioni nell’amministrazione pubblica e dello Stato, nelle imprese di ogni tipo, nelle scuole di ogni ordine e grado, nell’apparato della sicurezza e nella sanità. Ogni eventuale deroga è stabilita a livello locale e approvata dalle autorità centrali.

Questo è il punto fondamentale: stabilire per legge che non ci possano essere interferenze di alcun tipo nello Stato e queste, ove vi fossero, debbano non solo essere evitate ma anche punite

5) Per il suo carattere a-religioso ed a-confessionale profondamente laico la Repubblica non riconosce valore al concetto di “santità” o “beatitudine” e quindi vieta per legge l’utilizzo di nomi di santi o beati o concetti religiosi sia per indicare località, strade, luoghi, prodotti e servizi sia per denominare qualsiasi struttura, ente od organizzazione pubblica o privata. Procede quindi, per quanto possibile e seguendo comunque norme di buon senso, a sostituire tali denominazioni con altre più consone.

E questa sarebbe la parola fine che neanche l’illuminista Francia, che del resto irresponsabilmente promuove l’aumento della popolazione, ha mai voluto od osato perseguire.

6) Lo stesso concetto è esteso all’esposizione di simboli, ritratti, immagini, raffigurazioni e simili in e sopra qualunque edificio od ambiente che non sia abitazione privata, con l’eccezione ovvia delle strutture di rilevante interesse culturale ed artistico.

Anche questo concetto mi sembra sufficientemente chiaro ed esauriente: si potrebbe dire che se per Piazza del Duomo o Piazza Duomo, in qualsiasi località, la denominazione potrebbe anche restare, non ha nessuna giustificazione quella di Piazza dei Santi Apostoli. Similmente la “Madonnina” in cima al Duomo di Milano resterebbe al suo posto

7) Per lo stesso motivo lo Stato adotta un calendario laico senza alcun riferimento a santi, beati o concetti religiosi ma, eventualmente, con riferimento a persone e gruppi distintisi nel progresso civico, sociale, scientifico, culturale ed ambientale della collettività. Tale concetto è esteso ad ogni aspetto della comunicazione pubblica ufficiale ed alle imprese ed alle strutture di ogni natura.

8) Similmente le festività religiose sono sostituite con altrettante, ed in maggior numero, festività civili.

Anche questa sarebbe finalmente la definitiva e risolutiva riparazione  ad una ingiustizia profonda nella società civile che, con un minimo di logica e buon senso, non si sarebbe neanche dovuta presentare.

9) Per quanto precede la numerazione e la datazione dovrebbero essere cambiate ma, per ragioni pratiche, diviene obbligatorio per legge, quando necessario, sostituire l’espressione AC o A.C., avanti Cristo, con la stessa espressione avente l’esplicazione, eventualmente per esteso, di ante (data) convenzionale, e di sostituire l’espressione DC o D.C., dopo Cristo, con la stessa espressione avente l’esplicazione, eventualmente per esteso, di data convenzionale.

10) Tutte le riedizioni di qualunque forma mediatica pre-esistente devono essere obbligatoriamente aggiornate in tal senso. Con lo stesso criterio sono punite le violazioni a questa norma anche se espresse solo verbalmente da esponenti pubblici, insegnanti e docenti nell’esercizio delle proprie funzioni compresi, che tali espressioni compaiano o no su mezzi mediatici, a seguito denuncia di qualsiasi cittadino o di funzionario pubblico.

11) L’indagine per accertare la veridicità di tale denuncia sarà svolta dalla Sicurezza Nazionale e dal Dipartimento Giudiziario come di seguito specificato in questo documento.

Questo è un ulteriore passo per scristianizzare definitivamente i costumi sociali: ovviamente Sicurezza Nazionale e Dipartimento Giudiziario sono termini della Nuova Costituzione di cui si è parlato, che rimarrà per sempre nell’immaginazione del suo autore….

12) Ogni partecipazione fisica e/o sostegno economico e finanziario a processioni, sagre, fiere e manifestazioni a carattere confessionale da parte di esponenti o strutture pubbliche è vietato per legge.

Pure questo dovrebbe essere scontato e lapalissiano in uno Stato laico degno di questo nome.

13) Su tutti i mezzi mediatici non esplicitamente confessionali è vietata qualsiasi forma di superstizione religiosa, soprattutto astrologia, cartomanzia, e simili.

14) Con particolare riferimento a giochi, quiz e trasmissioni mediatiche, come radio e televisione ed Internet, argomenti confessionali possono essere trattati col dovuto distacco critico ed in modo assolutamente imparziale. Lo stesso dicasi per i divulgatori e le guide artistiche, che devono conformarsi a quanto sopra esposto.

15) Ogni attività basata su quanto sopra esposto è vietata per legge, ad eccezione che nel proprio nucleo o famiglia per motivi di gioco, e comunque esclusivamente a titolo gratuito.

16) Le violazioni a questo articolo della presente Costituzione saranno punite a norma del Codice Sociale.

E sarebbe quindi ora di finirla che conduttori televisivi, presentatori e guide artistiche diano per scontati la cattolicità ed il pensiero unico degli italiani, e non usino almeno il condizionale quando parlano e presentano argomenti religiosi.

17) La repubblica non riconosce la famiglia, così come storicamente conosciuta, come unica forma possibile di aggregazione tra gli individui e favorisce, di conseguenza, forme diverse di aggregazione, con pari dignità. La repubblica individua, nella forma del nucleo abitativo, brevemente denominato nucleo, la struttura di base di aggregazione e fa obbligo al/ai/alle componente/i del nucleo la registrazione e l’aggiornamento dello stesso ad ogni sua variazione, sia nell’ubicazione sia nella composizione, entro sei mesi dal loro verificarsi. L’origine di ogni individuo, precedentemente stabilita dai concetti di paternità e maternità, è stabilita con il criterio di appartenenza comunitaria, riferita alla/alle persona/e componenti il nucleo che, volontariamente e di comune accordo, ne diano comunicazione. In mancanza di ciò lo Stato provvede obbligatoriamente a esami clinici e genetici per stabilire, per quanto possibile, l’origine di ogni individuo. In caso di esito negativo, o nell’impossibilità di identificare i possibili progenitori, provvede a fornire un’identità all’individuo.

Ci si rende conto che qui si va nella fantapolitica e del resto l’autore non nega il suo interesse per la fantascienza…..

18) Non per motivi religiosi o filosofici ma per motivi di eguaglianza sociale ed individuale e nel pieno rispetto del concetto di laicità assoluta e per la dignità della donna e dell’uomo, lo Stato vieta per legge in modo assoluto l’uso di copricapo e veli che nascondano, per motivi religiosi e/o superstiziosi, tutto o in parte il corpo dei cittadini e degli immigrati senza cittadinanza. A titolo esemplificativo si fa riferimento al velo ed al burka islamici ed al turbante indiano.

Anche in questo caso chiarezza e rigore devono risultare senza dubbi caratteri distintivi di uno Stato degnamente laico ed egualitario: niente razzismo o discriminazione su base etnica o religiosa, quindi, come solo chi è in malafede può supporre, ma equità e dignità della persona difese ad oltranza.

19) Tutti i cittadini hanno diritto a professare, esercitare in pubblico, organizzare, manifestare e propagandare la propria concezione del mondo, atea o agnostica o religiosa, e la propria convinzione politica nei limiti stabiliti dall’Articolo … della Costituzione e dalle leggi in vigore.

20) Il carattere ecclesiastico o filosofico e il fine di religione o di culto o di concezione del mondo d’un’associazione od istituzione non possono essere causa di limitazioni legislative, né di gravami fiscali per la sua costituzione, capacità giuridica e ogni forma di sua attività.

21) Nessuno può essere privato, per motivi politici, religiosi, filosofici od ideologici, della capacità sociale, della cittadinanza, del/dei nome/i proprio/propri.

Questi tre punti sono già garantiti dalla nostra vigente Costituzione ma sono trattati in modo limitativo ed implicitamente escludono atei e agnostici dalle garanzie che difendono.

22) Le pene non possono consistere in trattamenti contrari alla Dichiarazione Internazionale dei Diritti dell’Uomo e devono tendere alla rieducazione effettiva del condannato e al suo reinserimento a pieno titolo nella comunità. Non è ammessa la pena di morte, nemmeno nei casi previsti dalle cosiddette precedenti leggi militari di guerra. Non è ammessa la pena dell’ergastolo. La pena detentiva, compresi i casi di omicidio e di strage, non può superare i quindici anni.

L’argomento appena esposto non è prettamente inerente alla laicità ma si ritiene che sia comunque importante nel contesto di una società civile ed egualitaria che tenga nel giusto conto i diritti della donna

23) Il matrimonio religioso, ideologico, filosofico o politico non è riconosciuto dalla legge ed ha carattere esclusivamente privato. Se contrasta con i diritti del nucleo è sanzionato dal Codice Sociale.

Logica conseguenza dell’abolizione del Concordato con la Chiesa Cattolica.

24) La Repubblica ha un’alta concezione della vita e della sua qualità, dalla nascita alla morte…Per le stesse motivazioni lo Stato regolamenta, con apposita legge, l’eutanasia. La Repubblica vieta per legge l’accanimento terapeutico e lo sanziona con pene detentive. La Repubblica gestisce in proprio la campagna demografica per il contenimento della popolazione e la diffusione gratuita di tutti i metodi anticoncezionali. Lo Stato regolamenta, con apposita legge, l’istituto dell’aborto e ne rende, nei limiti di legge, unico avente diritto di decisione la donna. Lo Stato garantisce, con apposita legge, l’uso delle tecniche di fecondazione assistita, omologa, eterologa o per clonazione. Lo Stato, quando sia possibile, favorisce l’istituto dell’adozione in alternativa alla fecondazione assistita. Lo Stato non ammette l’obiezione di coscienza da parte di chiunque e rende obbligatori, per il personale medico, paramedico e professionale, i trattamenti sopra esposti.

In un solo colpo verrebbero spazzati via secolari discriminazioni religiose e moralistiche su qualità della vita, nascita, morte, eutanasia, aborto, adozione e fecondazione assistita. Per quanto riguarda la clonazione, che senz’altro farà orrore ai più, si rimanda alla lettura di altri documenti, già citati, per approfondire meglio la scottante questione.

Chi scrive non pretende né che il suo punto di vista venga acriticamente accettato né che tali argomenti non siano degni di ulteriore discussione ed analisi, ma ritiene che, ancorché utopistiche, le argomentazioni fin qui esposte rappresentino l’unico approccio deciso e senza tentennamenti opportunistici per delineare, senza ombra di dubbi, quali possano essere le caratteristiche di uno Stato e di una società decisamente, inequivocabilmente e conseguentemente laici e areligiosi.

Jàdawin di Atheia

Anche oggi il buon Dio ha imperversato

22 Ottobre 2008 dc

Anche oggi il buon Dio ha imperversato

In questi giorni stadistribuendo a man bassa i segni della sua “infinita” bontà. Prima un disastroso ciclone colpisce la Birmania causando migliaia di morti; per di più quelli hanno già sul gobbo una dittatura mica da ridere… Ma si sa, le disgrazie non vengono mai sole, dopotutto Dio predilige i poveri.

Ora un violento terremoto colpisce la Cina con la sua scia di distruzione e morte.

Ma come, direbbe qualcuno, un ateo come te che si mette ad incolpare dio? Sarebbe come ammetterne l’esistenza, sia pure negandone l’attributo della sua infinita bontà.
Piano! Per arrivare al generale voglio appunto partire dal particolare. Il punto che mi interessa smontare è quello della divina provvidenza, e da qui siamo già al cuore del problema.

Quando qualcuno ha conseguito un obiettivo inaspettato o è uscito da una situazione difficile sento spesso dire: grazie a Dio… ce lho fatta. Oppure dopo un incidente: potevo rimanerci secco ma per un miracolo mi sono salvato. Nel primo caso niente da dire. Quando le cose vanno bene si canta, si fischietta, e perché no, si ringrazia anche Dio. Ce n’è per tutti. Ci si sente generosi perché felici. Il secondo caso mi crea già qualche difficoltà: le cose non sono andate dunque tutte a catafascio, ma al momento dell’incidente dov’era Dio, se dovevo salvarmi non poteva evitarmi la seccatura del coma o di un letto di ospedale? Mi si risponderà che è una domanda ingenua e che Dio non è “esclusivamente” al mio servizio. Ma allo stesso modo allora, se non gli si deve atribuire il demerito per il mio incidente, è altrettanto arbitrario attribuirgli il merito delle cose andate a buon fine. A parte poi il fatto non trascurabile che, se fosse presupposta l’onniscienza di Dio, le nostre preghiere per ottenere qualsiasi beneficio sarebbero vane perché tutto ormai è stabilito.

Ma c’è di peggio: quante sono le preghiere non esaudite, malati che non guariscono, miracoli implorati che non avvengono, sciagure impreviste come morti premature, perdite di persone care? E se poi ci mettiamo le calamità naturali, le malformazioni, le guerre… A volte mi sembra di vedere una folla di poveracci che si affolla attorno a un padrone e lo tira per la giacca cercando di strappargli un favore, o il deportato ad Auschwitz che pregava perché non fosse lui ma un altro ad essere scelto per lo sterminio. Come se il male cominciasse e finisse con noi. Il poco bene ricevuto fa innalzare le lodi a Dio, il resto sono misteri. Piani insondabili della divinità che passano sopra le nostre teste. Guai a chi ci capita sotto.

“Non si muove foglia che Dio non voglia”, recita il vecchio detto popolare. Ma se invece della “foglia” è un alluvione a muoversi dovremo allora ringraziare la Provvidenza per questo “regalo”?
Ci si stupisce della bellezza dei tramonti, del cielo stellato, di certi scorci panoramici, dei prodotti dell’ingegno umano, ma la natura non è solo questo: ci sono le carestie, le calamità naturali, le malattie, le malformazioni congenite.

E qui veniamo al punto. Non possiamo attribuire alla Provvidenza le prime senza addebitargli anche le seconde. Ma un Dio che permette le sciagure e che tollera gli atti più nefandi perfino da parte dei suoi stessi fedeli non è certo così adorabile. Ma per togliere questo “scandalo” è più facile concludere che un siffatto Ente, che distribuisce favori e sciagure a suo beneplacito, non esiste. Sono le ristrettezze della vita, la concorrenza delle specie, la virulenza dei nostri conflitti che ce lo fanno inventare. E allora, come scriveva il Leopardi nella sua poesia La ginestra, è meglio considerarci tutti sulla stessa barca e aiutarci un po’ per ciascuno a tirare i remi e a rattopparla dove più fa acqua.

Sestante

22-30 novembre: presentazioni di “Uscire dal gregge”

L’UAAR organizza, dal 22 al 30 Novembre 2008 dc, alcune conferenze di presentazione del libro di Raffaele Carcano, segretario UAAR, e Adele Orioli Uscire dal gregge, storie di conversioni, battesimi, apostasie e sbattezzi, ecco il calendario:

Sabato 22 novembre, ore 16.00
Milano, Libreria eQuiLibri, via Farneti 11
Per informazioni: milano@uaar.it

Lunedì 24 novembre, ore 17.30
Padova, Sala degli Anziani, Palazzo Moroni, via del Municipio 1
Per informazioni: padova@uaar.it

Lunedì 24 novembre, ore 21.00
Vicenza, Casa di cultura popolare – Società Generale di Mutuo Soccorso, Corso Palladio 176
Per informazioni: vicenza@uaar.it

Martedì 25 novembre, ore 19.00
Villorba (Treviso), Centro biblioteche, via Newton 32
Per informazioni: treviso@uaar.it

Mercoledì 26 novembre, ore 18.00
Torino
, Università degli studi, via Sant’Ottavio 20 (aula 35)
in collaborazione con l’UDU e con la partecipazione di Francesco Remotti
Per informazioni: torino@uaar.it

Giovedì 27 novembre, ore 20.30
Bergamo, Caffè letterario, via san Bernardino 53
Per informazioni: bergamo@uaar.it

Venerdì 28 novembre, ore 17.30
Genova, sala conferenze biblioteca De Amicis, Magazzini del Cotone, Calata Molo Vecchio, secondo piano
presenta: Donatella Alfonso, giornalista di “la Repubblica”
Per informazioni: genova@uaar.it

Sabato 29 novembre, ore 15.30
Como, sede della circoscrizione 7 – Como Centro, via Collegio dei Dottori
Per informazioni: como@uaar.it

Domenica 30 novembre, ore 10.30
Varese, libreria Feltrinelli, corso Aldo Moro 3
Per informazioni: varese@uaar.it

10 miti-e 10 verità-sull’ateismo

Dal sito Nuovi Mondi Media http://www.nuovimondimedia.com , nella rubrica Cultura e Storia

10 miti-e 10 verità-sull’ateismo

di Sam Harris (The Los Angeles Times) (La parte scritta in rosso è mia, a penna di Jàdawin)

Spesso gli atei vengono visti come intolleranti, immorali, depressi, ciechi di fronte alla bellezza della natura e dogmaticamente insensibili all’evidenza del soprannaturale. Diventa importante allora, considerato come non di rado essi finiscono per essere gli individui più accorti e scientificamente acculturati di ogni società, ridimensionare i miti che impediscono loro di giocare un ruolo più attivo nei dibattiti nazionali.
Alcuni studi indicano come il termine “ateismo” negli Stati Uniti abbia acquisito oggi più che mai una connotazione dispregiativa; ad esempio, essere atei negli Usa attualmente rappresenta un perfetto impedimento a chi vuol far carriera in politica (in misura persino maggiore rispetto agli ostacoli che incontrano i neri, i musulmani e gli omosessuali). Secondo un recente sondaggio condotto dal settimanale Newsweek, solo il 37% degli americani voterebbe per un Presidente ateo.

Perfino John Locke, uno dei grandi patriarchi dell’Illuminismo, credeva che l’ateismo fosse “non tollerabile”, perché, ribadiva, “le promesse, gli accordi solenni, i giuramenti, in sostanza tutto ciò su cui si fondano le società, non hanno presa su un ateo”.

Questo più di trecento anni fa. Ma oggi, negli Stati Uniti, poco sembra essere cambiato. L’87% dei cittadini Usa sostiene “senza ombra di dubbio” l’esistenza di Dio; solo un 10% scarso si definisce ateo, e vede la propria reputazione deteriorarsi sempre più.

Tuttavia, considerato come non di rado gli atei finiscono per essere gli individui più accorti e scientificamente acculturati di ogni società, diventa importante ridimensionare i miti che impediscono loro di giocare un ruolo più attivo nei dibattiti nazionali.

1) Gli atei credono che la vita non abbia significato.

Al contrario, spesso sono i religiosi a preoccuparsi che la vita non abbia senso e a immaginare che essa possa essere redenta solo con la promessa della felicità eterna oltre la tomba. Gli atei tendono a considerare la vita un bene prezioso, a ritenerla impregnata di contenuti reali e degna di essere vissuta fino in fondo. I nostri rapporti con coloro a cui teniamo sono importanti ora, la nostra stima in merito non deve essere condizionata da chissà quale giudizio futuro. Gli atei reputano questa paura del non-significato… insignificante.

2) L’ateismo è responsabile dei più efferati crimini nella storia dell’umanità.

I fedeli sovente sostengono che le atrocità di Hitler, Stalin, Mao e Pol Pot sono state l’inevitabile conseguenza della non-fede. Tuttavia, la questione non è lo scetticismo di fascismo e comunismo nei confronti della religione; il problema è che essi alle religioni sono fin troppo simili. Tali regimi vivono di dogmi, e sostanzialmente venerano personalità in modo analogo ai culti religiosi. Auschwitz, i gulag e i campi di sterminio in generale non sono stati la conseguenza dell’abbandono delle verità di fede da parte degli esseri umani, bensì dimostrazioni di una politica, razziale e nazionalistica follia dogmatica. Non è mai esistita nella storia umana una società che abbia sofferto perché la sua gente è diventata troppo ragionevole.

3) L’ateismo è dogmatico

Gli ebrei, i cristiani e i musulmani sostengono che i loro testi sacri sono talmente preveggenti dei bisogni dell’umanità che è impossibile non siano stati scritti sotto la guida di una divinità onnisciente. Ateo è semplicemente chi ha considerato questa tesi, ha letto le scritture e ha trovato quanto di cui sopra ridicolo. Rifiutare i dogmi religiosi ingiustificati non significa per forza essere miscredenti. Lo storico Stephen Henry Roberts (1901-71) in un’occasione dichiarò: “Affermo che siamo entrambi atei. Solo abbiamo un’idea diversa del divino. Quando capirai perché rigetti tutte le altre possibilità divinità, realizzerai perché io non riconosco le tue”.

4) Gli atei credono che tutto nell’universo sia nato per caso.

Nessuno sa perché dall’universo sia nata la razza umana. Infatti, non è ancora completamente chiaro a cosa ci si riferisca quando si parla di “inizio” o di “creazione” dell’universo, dal momento che questi concetti chiamano in causa la nozione di tempo, e qui si sta discutendo dell’origine della stessa dimensione spazio-temporale. L’idea secondo cui gli atei credono che ogni cosa sia casuale è nata fra l’altro come critica alle teorie di Darwin. Come Richard Dawkins spiega nel suo ottimo libro, “The God Delusion”, ciò rappresenta un totale fraintendimento della tesi evoluzionista. Sebbene non abbiamo conoscenza esatta della struttura chimica primordiale della Terra, sappiamo che la diversità e la complessità che osserviamo oggi nel mondo non sono il prodotto di casualità. L’evoluzione è una combinazione di mutazioni impreviste e selezione naturale. Darwin coniò l’espressione “selezione naturale” per analogia con la “selezione artificiale” degli allevatori di bestiame. In entrambi i casi, il processo selettivo esercita un preciso effetto non casuale sullo sviluppo di ogni specie.

5) L’ateismo non ha rapporti con la scienza.

Nonostante sia possibile contemporaneamente essere scienziati e credere in Dio – come sembra sia successo in alcuni casi – è indubbio che il pensiero scientifico tende a erodere, piuttosto che sostenere, la fede religiosa. Prendiamo ad esempio la popolazione statunitense: numerosi sondaggi mostrano come circa il 90% degli intervistati creda in un Dio personale; il 93% dei membri della National Academy of Sciences, al contrario, non vi crede. Poche altre discipline divergono dalla religione come la scienza.

6) Gli atei sono arroganti.

Quando gli scienziati non sanno qualcosa – ad esempio come dall’universo è nato il genere umano o come le prime molecole autoreplicanti si sono formate – lo ammettono. Pretendere di conoscere ciò che non si conosce è una grave responsabilità nella scienza. Ed è la linfa vitale delle religioni. Uno dei monumentali paradossi delle religioni è quello incarnato dalla frequenza con cui le persone di fede si autocelebrano per la propria umiltà, mentre sostengono di conoscere nozioni di cosmologia, chimica e biologia che nessun scienziato conosce. Quando prendono in considerazione questioni sulla natura del cosmo e altre analoghe, gli atei separano i fatti dalle opinioni. Questa non è arroganza, piuttosto onestà intellettuale.

7) Gli atei rifiutano l’esperienza spirituale. (Continuo a non capire perché si usino questi termini – spirito e spirituale – per manifestazioni e sentimenti tangibili della personalità umana….)

Non esiste nulla che impedisca a un ateo di provare amore, estasi, abbandono, meraviglia; gli atei sanno apprezzare queste esperienze e le ricercano di continuo. Ciò che gli atei evitano è, in base a queste stesse esperienze, rendersi protagonisti di ingiustificate (e ingiustificabili) rivendicazioni sulla natura della realtà. Non c’è dubbio che alcuni cristiani abbiano trasformato in meglio la propria vita leggendo la Bibbia e pregando Gesù. Questo cosa prova? Prova che alcune discipline fondate sul rigore e sul rispetto di determinati codici comportamentali possono aver un notevole effetto sulla mente umana. Le esperienze positive dei cristiani consentono di dire che Gesù è l’unico salvatore dell’umanità? Neanche lontanamente – perché gli hindù, i buddisti, i musulmani e persino gli atei provano le stesse esperienze di cui sopra. Infatti, non c’è un cristiano sulla Terra che sia certo che Gesù avesse la barba, o che fosse nato da una vergine o che fosse resuscitato. Non è questa la tipologia di asserzioni che che l’esperienza spirituale può autenticare.
8) Gli atei credono che non ci sia nulla al di là della vita e della ragione umane.

Gli atei, contrariamente ai religiosi, sono liberi di riconoscere i limiti dell’intelletto. È ovvio che gli uomini non comprendano appieno l’universo; ma è ancora più ovvio che né la Bibbia né il Corano riflettono di ciò le migliori interpretazioni. Noi non sappiamo se da qualche parte nel cosmo esistano forme complesse di vita, ma questo non significa escluderne la possibilità. Se così fosse, altrove potrebbero essersi sviluppate determinate conoscenze delle leggi della natura più sofisticate delle nostre. Gli atei sono liberamente in grado di considerare questa possibilità. Inoltre, possono convenire che nel caso esistessero brillanti extraterrestri, i contenuti di Bibbia e Corano ad essi potrebbero risultare ancor meno toccanti di quanto non lo siano per gli esseri umani atei. Secondo gli atei, dunque, le religioni banalizzano completamente le reale bellezza e l’immensità dell’universo.

9) Gli atei ignorano il fatto che la religione è estremamente benefica per le società.

Coloro che enfatizzano gli effetti positivi della religione non sembrano capire che questi stessi effetti falliscono nel dimostrare la verità delle dottrine religiose. Per questo esistono espressioni come “pio desiderio” o “auto-inganno”. Esiste una profonda distinzione tra una delusione consolante e la verità vera e propria. In ogni caso, sui buoni effetti di una religione si può dibattere. In molti casi, sembra proprio che i dogmi religiosi forniscano alle persone cattive ragioni per comportarsi bene, quando in realtà le buone ragioni sarebbero disponibili. Chiedete a voi stessi cosa è più morale: aiutare i poveri in modo disinteressato, o farlo perché il creatore dell’universo vuole che lo facciate, perché vi premierà per averlo fatto o vi punirà per non averlo fatto?

10) L’ateismo non fornisce basi morali.

Se una persona non capisce di per sé che la crudeltà è sbagliata, non lo capirà leggendo la Bibbia o il Corano; questi testi, infatti, esplodono di agiografie della crudeltà, sia terrena sia divina. Non costruiamo la nostra moralità dalla religione. Decidiamo cosa è giusto ricorrendo a istituzioni morali estremamente radicate in noi stessi e ridefinite da millenni di pensieri e riflessioni sulle cause e le possibilità della felicità umana. Negli anni abbiamo conosciuto notevoli progressi morali, e questi non li abbiamo realizzati perché abbiamo letto la Bibbia o il Corano con più attenzione. Entrambe le scritture condonano la schiavitù, mentre ogni essere umano civilizzato sa che essa è abominevole. Qualsiasi buona cosa contenuta nelle scritture – come la “Golden Rule” – può essere apprezzata per la sua saggezza etica, senza necessariamente dover credere che sia stata tramandata a noi dal creatore dell’universo.

Sam Harris è l’autore del Best Seller del New York Times “The End of Faith: Religion, Terror, and the Future of Reason”, pubblicato in Italia da Nuovi Mondi Media con il titolo La fine della fede – Religione, terrore e il futuro della ragione. Laureato in Filosofia alla Stanford University, per oltre vent’anni Sam Harris ha studiato le tradizioni religiose occidentali e orientali, e diverse discipline contemplative. Harris ha conseguito anche un dottorato in neuroscienze. La sua opera ha acceso un aspro dibattito su diversi organi di informazione, tra cui il New York Times, il Los Angeles Times, il San Francisco Chronicle, l’Economist, il Guardian, il New Scientist e molti altri. Sam Harris vive a New York City.

Fonte: The Los Angeles Times
Traduzione a cura di Luca Donigaglia per Nuovi Mondi Media