Economia, Politica e Società

La piccola borghesia è morta?


In e-mail il 26 Aprile 2019 dc:

La piccola borghesia è morta?

È resuscitata, più fetente di prima!

Frutto avvelenato della speculazione immobiliare

 

Qualche anno fa, sull’onda della crisi, avevo sentenziato che il ceto medio fosse morto o in via di estinzione, incamminato verso un inesorabile processo di proletarizzazione (D. E., Classi in lotta in un mondo in rovina, ottobre 2014, p. 10). In seguito, corressi la sentenza, alla luce di un saggio de «Il Lato Cattivo» (Come si risolverà la crisi? L’enigma della rottura, «Il Lato Cattivo», n. 2. Osservazioni e confronti su questioni di scottante attualità per riprendere la via della lotta tra le classi sociali, D. E., 22 dicembre 2016).

In quel saggio, facendo un bilancio critico dei movimenti che avevano agitato la scena sociale, in Occidente (Occupy, Indignados …) ma anche nel Magreb (Primavere arabe) e in Brasile, «Il Lato Cattivo» li giudicava il frutto del malcontento del ceto medio, contro la perdita di privilegi, causata dalla crisi. Un malcontento in cui prevalevano retaggi ideologici che mascheravano l’implicito rifiuto di vedersi proletarizzati. Ovviamente, la mistificazione ideologica poggiava su alcuni residui ma concreti privilegi (risparmi, proprietà immobiliari, relazioni sociali ecc.) che, per quanto erosi, facevano e fanno la differenza tra ceti medi e proletari (i senza risorse).

Questa mistificazione generava l’ambiguità politica e la caducità di quei movimenti che, presto, qualcuno avrebbe cavalcato: in Italia M5S e in Spagna Podemos, Paesi con forte tradizione schedaiola, mentre, in altri, si sarebbero dissolti nella persistente astensione, dando sporadico fiato all’incombente sovranismo (o populismo come dir si voglia), allora suscitato da differenti spinte sociali.

La successiva evoluzione economica, mi induce ora a constatare che il ceto medio è risorto, come uno zombie. Artefice del sortilegio è la speculazione immobiliare, fedele, e letale, compagna di una crisi che si avvita su se stessa. Soprattutto in Italia, culla del ceto e medio e del … fascismo. Vedremo poi il rinascete nesso. Mi limito a precisare che il ceto medio, cui faccio riferimento, è sostanzialmente improduttivo, con un imprinting parassitario: non ha legami con la terra, con le arti e i mestieri (contadini e artigiani), è una creatura dell’evoluzione del modo di produzione capi-talistico a cavallo tra  Ottocento e Novecento, come spiego nel mio articolo sopra citato.

Sotto il turismo, la speculazione

L’Italia e Milano sono un esemplare laboratorio per capire le cause e le conseguenze della resurrezione del ceto medio.

Il miracolo l’ha fatto l’Expo milanese del 2015 che ha rilanciato la vocazione turistica dell’Italia e, sotto questa veste, ha plasmato Milano, trasformando il turismo d’affari in turismo tout court. Senza dimenticare gli affari, anzi spesso e volentieri le due opportunità si mescolano. Fashion e design (sarti e mobilieri) indicano la via e poi ogni occasione è buona per attirare a Milano gonzi (e qualche furbetto). Gli è andata male con l’Ema (European Medicines Agency), ora tentano con le Olimpiadi.

L’Expo ha scatenato il boom immobiliare: in prima linea ci sono banche, assicurazioni e fondi di investimento che vantano una lunga tradizione speculativa, con codazzo di palazzinari & archistar (vedi l’opuscolo: Rivoluzione Comunista, Il “sacco di Milano”. La spirale dell’urbanistica predatoria, Milano, 2017, ascolta: https://radiocane.info/milano-reazionaria-terribile/).

In quattro anni, il turismo ha triplicato le strutture alberghiere (da 1353 nel 2015 a 3642 nel 2018). I piccoli proprietari di case hanno colto l’occasione al volo e son proliferati B&B, case vacanze, o più banalmente camere in affitto (circa 2800 alloggi). E intorno son spuntati come funghi cuochi e baristi improvvisati.

Le nuove opportunità hanno fatto crescere i valori immobiliari e gli affitti, allettando nuovi investimenti, col rischio però di saturare l’offerta abitativa (vedi: A Milano c’è troppa domanda, tra 5 anni non ci saranno più case libere, https://notizie.tiscali.it/cronaca/articoli/milano-mercato-immobiliare-crescita/).

Con ritmi più contenuti, questa tendenza si è riverberata in tutta Italia, dove ci sono sempre bellezze artistiche o paesaggistiche da ammirare, e se non ci sono, si inventano, per esempio a Torino.

Come dicevo, i beneficiari sono piccoli proprietari di case che in Italia abbondano, anche se coloro che dormono sotto i ponti sono molti, e andranno aumentando. Ma questo è il lato oscuro della pacchia immobiliarista.

I nostri affitta-camere, per quanto non siano molti, sono il volano per un più vasto ambiente, socialmente affine, che, pur svolgendo svariate attività formalmente produttive (nelle arti e nei mestieri), è segnato dalla medesima impronta parassitaria, da cui dipendono i suoi destini. Nel bene e nel male.

A ben vedere, la fregola turistica, con tutte le sue ricadute, è il lato nobile dell’altro espediente oggi in voga per rianimare il declino del modo di produzione capitalistico: le grandi opere (inutili, dannose e pericolose). Sono loro a condurre le danze. Battendo questa via, politicanti e faccendieri (al soldo della finanza) vorrebbero resuscitare un keynesismo morto e sepolto, col risultato di incrementare un deleterio affarismo, foriero di ben più gravi disastri economici.

Un fascismo degenerato e mortifero

Grande o piccola, la speculazione ha sempre implicazioni politiche e sempre convergenti contro i proletari di ogni razza e colore.

Da parte loro, affitta-camere e proprietari vogliono valorizzare il loro patrimonio immobiliare, loro preziosa fonte di reddito, di fronte a una crisi che erode il terreno per le tradizionali attività dei ceti medi, sia nell’industria (tecniche, manageriali, tecnici …) che nel pubblico impiego (insegnamento, amministrazione …).

Inevitabilmente, una bella fetta del ceto medio risorto scivola verso orientamenti politici moderati, con vocazioni decisamente reazionarie. È una deriva cui concorrono tutti i partiti, affogando in una melassa in cui si confondono e svaniscono i confini tra una destra e una sinistra che ormai non hanno alcuna ragione di esistere.

La piccola borghesia risorta si fa paladina di campagne per il decoro urbano e la sicurezza del suo quartiere, denuncia ogni fattore di turbamento, costituito in primis da chi, profugo o meno, la crisi getta nelle città di Italia, nel tentativo di sbarcare il lunario tra un espediente e l’altro. Mal tollerati, ma sfruttati e oppressi.

Altrettanto avviene nell’indotto turistico, dove padroni e padroncini calpestano le proteste dei lavoratori contro il crescente sfruttamento in alberghi, ristoranti, centri commerciali, logistica, servizi di «pronta consegna» (riders)… E accolgono braccia aperte la Lega e le sue leggi securitarie.

Fascismo risorto? È un fascismo degenerato, nella forma e nella sostanza, che non ha nulla di epico, può solo offrire il bastone, non la carota. È un fascismo senza prospettive che, col pretesto del sovranismo, accende razzismo e repressione. È un fascismo mortifero, vomitato dall’agonia del fascio repubblichino, degli ultimi giorni di Salò.

È un fascismo figlio del parassitismo dilagante, in cui il ceto medio vive, come uno zombi, una vita artificiale, all’ombra del capitale, grazie al boom immobiliarista, destinato a mutarsi in una bolla speculativa. E quando la bolla esploderà, voleranno anche i logori stracci della piccola borghesia.

E poi? Il poi dipende (anche) da noi.

Dino Erba, Milano, 24 aprile 2019

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.