Perché siamo così cretini?


 

Perché siamo così cretini?

– Perché ci sono così tanti cretini?

Siamo così cretini per tanti motivi, troppi per elencarli tutti.

– Scegline uno.

– A caso o vuoi il mio preferito?

– La seconda.

– Non leggiamo. Siamo così cretini perché leggiamo poco o per niente.

– Chi lo dice?

– Quanto tempo hai?

– Tre minuti.

– Ok. Ci provo. Partiamo dai dati: nel 2016 il 57 % della popolazione non ha letto nemmeno un libro.

– Impossibile.

– Ah sì? Perché?

– Eh, perché qui siamo in due e se i tuoi dati fossero veri, uno di noi non avrebbe letto nemmeno un libro.

– Primo non sono i miei dati, ma dell’Istat. E secondo: quanto hai preso a Statistica?

– Ho fatto lettere, non c’era Statistica, e in ogni caso io non mi fido dei dati.

– Per forza non ti fidi: non solo non li puoi interpretare, ma nemmeno puoi capirli.

– Ma dai, nemmeno un libro, ti rendi conto? Secondo me c’è qualcosa che non va. Magari qualcuno vuole farci credere che si legga molto meno di quanto succeda in realtà. Potrebbe essere una montatura, o una notizia messa lì apposta dai midia.

– See certo, scie chimiche e big pharma. E comunque si dice media. È latino.

– Ma al TG dicono midia.

– Dicono anche che pagheremo le bollette di chi fa il furbo, ma non significa che tu ci debba credere.

– Torniamo ai libri? Secondo te è vero che un Italiano su due non ha letto un solo libro in tutto il 2016?

– Temo di sì, ma anche se non mi fidassi dei dati Istat (e mi fido) ci sono quelli Eurostat oltre a un paio di tera di ricerche consultabili online. Lasciando stare i dati, poi, c’è sempre quello che sentiamo, quello che ci raccontano, quello che vediamo online e offline. Quello che leggiamo sui social.

– Eh. E quindi?

– Quindi l’osservazione di come scriviamo mi porta a dire che NON leggiamo.

– Okay, e perché non leggiamo?

– Non leggiamo perché corriamo come cretini di qua e di là per comprare cose che non ci servono e che nemmeno ci piacciono e poi siamo così stanchi e vuoti da rincoglionirci sui social o davanti alla TV.

– Ma se tu nemmeno ce l’hai?

– Non è questo il punto.

– E qual è?

– È che non leggiamo perché ci raccontiamo di non avere tempo per farlo ma la verità è che non ne abbiamo voglia.

– Secondo te perché?

– Perché nessuno ce la fa venire.

– Pochi libri?

– Anzi, troppi. Più di un milione di nuovi titoli nel 2015, secondo GFK.

– Magari sono brutti.

– Non tutti ma parecchi e questa cosa mi fa pensare.

– A cosa?

– Non a “cosa”, ma al pensiero, a come pensiamo e il collegamento mi porta a quello che abbiamo letto a scuola, alla scuola in sé e ai suoi metodi, ai quattro libri che ci hanno imposto di leggere, a come siamo cresciuti, ai metodi che ci hanno formato, penso alla religione, alle ideologie, ai fanatismi.

– Aspetta. Religione? Cosa c’entra la religione con il pensiero?

– Chiedilo a Sigmund, rileggi Totem e tabù. E poi fai un salto a trovare Canetti, Elias, e chiedigli di parlarti della fenomenologia delle masse e poi vai a vedere cosa dice…

– No.

– No?

– No perché non ho tempo. Mi fai un riassunto?

– Eccone un’altra.

– Di cosa?

– Di risposta al perché – cito – ci siano così tanti cretini.

– Non ti seguo.

– Ti aiuto: fai una domanda ma non hai tempo per cercare la risposta e chiedi un riassunto.

– E dov’è il problema?

– Dappertutto. A partire dalla domanda. Hai chiesto “Perché ci sono così tanti cretini” e io ti ho risposto che siamo così cretini per una serie di ragioni.

– Ma è uguale.

– Nemmeno un po’. Nella prima formulazione, il postulante vede un problema e se ne allontana, la seconda risponde come parte del problema. Uno giudica, l’altro osserva.

– Cosa cambia?

– Più o meno tutto.

– Sei retorica.

– Più che altro provo a essere oggettiva, ma torniamo al riassunto.

– Dimmi. Che problemi hai con il riassunto?

– Il fatto che tu voglia un riassunto è il problema. Non approfondire è **il problema**, ed è esattamente quello che ci porta a condividere fake, a sputare sentenze per sentito dire, polemizzare su pagine che non abbiamo letto, ma solo fatto scorrere, a litigare e a farci venire mal di stomaco per cose che non conosciamo. In pratica commentiamo senza leggere. Ti ho risposto?

– Non credo.

– Ti faccio un riassunto?

😉

Contributo scritto per Hic Rhodus da Roberta Giulia Amidani.
Roberta Giulia Amidani fa il fantasma dal 2013. Insieme a un manipolo di penne, sfama il suo branco scrivendo libri senza (quasi) mai firmarli.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.