Siamo in deficit ecologico: le risorse rinnovabili sono finite


Siamo in deficit ecologico: le risorse rinnovabili sono finite – Repubblica.it. di Antonio Cianciullo su http://www.repubblica.it 19 Agosto 2014.

Malgrado le parole chiare dell’articolo, nessun accenno a quella che, insieme ad altre, è una delle cause del disastro ecologico e planetario a cui stiano andando incontro da almeno due secoli: l’aumento indiscriminato, incontrollato, e volutamente ignorato da tutti, della popolazione mondiale.

Jàdawin di Atheia

Annunci

4 pensieri riguardo “Siamo in deficit ecologico: le risorse rinnovabili sono finite”

  1. Caro Arnaldo, in effetti i fattori di I=PAT ci sono, tranne, guarda caso, P. Cambiare stile di vita e tecnologia, tutto lì. A Repubblica, come in tutta la sinistra perbenina nostrana, non si smentiscono mai, non sarebbero capaci di dire neanche “a” contro i poveracci in libera proliferazione, né di oggi, né di ieri. Assolutizzare “i diritti umani”, anche a rovina della natura, e politically correct a tutto spiano, la formula non cambia.

  2. Certo, in pratica l’impatto (I) dell’umanità sull’ecosistema è dato dal prodotto del carico demografico (P, che sta naturalmente per popolazione) per i consumi di ciascuno (A, che sta per affluenza), per il modello di sviluppo seguito (T, tecnologia).
    E’ facile dire che bisogna cambiare gli stili di vita, agendo su A – cosa in realtà impossibile, nessuno rinuncerà a qualcosa che ha già, o che potrebbe avere, solo perché un disgraziato da un’altra parte del mondo ha deciso di fare una nidiata di figli- oppure su T (quello a cui i “lietopensanti”, come li chiamava Sartori, vogliono credere a tutti i costi, che arriva la scienza e ci leva le castagne del fuoco, senza dover chiedere ai ricchi di ridurre la loro affluenza e ai poveri la loro prolificità. La scienza è già in ritardo, da decenni andiamo tutti gl’anni in overshoot, e ancora aspettiamo questa fantomatica soluzione. Magari un giorno ci sarà anche, ma chissà allora in che condizioni sarà ridotta la natura).
    A quanto pare è difficile tirare in ballo il numero degli abitanti del pianeta, eppure quando Ehrlich e Holdren misero a punto questa equazione, si concentrarono proprio sulla gravità di P.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.