Brunetta e i “bamboccioni”: ma questo è deficiente!


Brunetta e i “bamboccioni”:

ma questo è deficiente!

HTML clipboard

Sunto da www.corriere.it del 17/1/10 dc:

«Bamboccioni? Ci vuole una legge che obblighi i figli ad uscire di casa a 18 anni»

«Anch’io lo sono stato. Sono arrivato a 30 anni che non ero capace di rifarmi il letto»

MILANO – Anche il ministro dell’efficienza nella pubblica amministrazione, Renato Brunetta è stato un «bamboccione»: lo rivela lui stesso nella consueta intervista a Rtl ricordando di essere «arrivato a 30 anni che non ero capace di rifarmi il letto». E, ora, arriva a proporre la sua idea di una legge che «obblighi i figli ad uscire di casa a 18 anni». «Fino a quando non sono andato a vivere da solo era mia madre che la mattina mi rifaceva il letto. Di questo mi sono vergognato», ha detto, commentando la condanna di un padre costretto da un giudice a pagare gli alimenti ad una figlia trentaduenne ancora fuori corso all’università. Più in generale, i bamboccioni «sono le vittime di un sistema e organizzazione sociale di cui devono fare il «mea culpa» i genitori. Ho condiviso Padoa-Schioppa quando ha stigmatizzato questa figura che mancava però di analisi: i bamboccioni ci sono perché si danno garanzie solo ai padri, perché le università funzionano in un certo modo, perché i genitori si tengono i privilegi e scaricano i rischi sui figli. La colpa insomma è dei padri che – ha continuato il ministro – hanno costruito questa società». Ma Brunetta lancia la sua proposta: «Obbligherei per legge i figli ad uscire di casa a 18 anni».

CALDEROLI – Il ministro per la Semplificazione Normativa, Roberto Calderoli, commenta la proposta di Brunetta.«Sono stato il primo, sabato, a schierarmi contro i cosiddetti “bamboccioni” ma l’amico Brunetta, con la proposta di una legge per far uscire i giovani dalla famiglia al raggiungimento dei 18 anni, mi sembra l’abbia fatta fuori dal vaso». «Questa proposta rappresenterebbe, infatti, un ingerenza inaccettabile nella vita delle famiglie, dei singoli e delle loro decisioni – aggiunge -. La regola, che deve valere per tutti, è quella dei principi dettati dal buon senso: occorre che si tenga conto delle esigenze e condizioni di ogni singolo caso, cosa che non si è fatta, evidentemente, nella sentenza del tribunale di Bergamo relativa al mantenimento della studentessa 32enne fuori corso». Secondo Calderoli «quello che conta per i nostri giovani, è favorirne la crescita, la maturazione, la formazione e l’ingresso nel mondo del lavoro: in questo senso lo Stato può essere determinante, ma deve impedire che del farsi mantenere se faccia una professione , ma tutto questo non deve necessariamente coincidere con il raggiungimento della maggiore età».

DONADI – Questa volta Massimo Donadi, capogruppo Idv alla Camera, sembra essere d’accordo con Calderoli: «Fuori casa a 18 anni per legge? L’ennesima proposta senza senso di Brunetta. Ai ragazzi italiani servono lavoro e formazione, di norme inutili non sanno che farsene». «Non è con le parole di Brunetta che decidono di andare a vivere da soli. Il problema non è la pigrizia dei giovani, ma la grave carenza di lavoro – aggiunge -. Comprendiamo il gusto della provocazione di Brunetta, la sua ricerca di visibilità, ma la sua proposta conferma solo che vende fumo e non fatti concreti».

Alcuni commenti dei lettori:

Che ipocrisia!!!

17.01|19:56

cantachetip

Cos’hanno fatto in 15 anni i nostri politici (Brunetta ed attuale governo in primis) per favorire l’uscita da casa ai cosiddetti “bambocci”? Dove sono i posti o le opportunità di lavoro che dovrebbero favorire lo “sganciamento” dei giovani dalle loro famiglie di origine? Per favore non ci facessero ridere, con le loro esternazioni da esibizione circense, questi pseudo politici. Comunque, è vero, il pesce puzza sempre dalla testa.

Proposta di legge!

17.01|19:42

mary88

Propongo il Test alcolico obbligatorio prima di ogni esternazione di rappresentanti del governo.

Figli Bamboccioni e POLITICI PARASSITI

17.01|19:28

Karleto

Quando riusciremo a cacciare via questa banda di megalomani parassiti di politici, che pretendono di guidare il paese, sarà sempre troppo tardi. Non è possibile sapere quanto tempo e lavoro servirà per risollevare l’Italia dal baratro nel quale l’hanno fatta sprofondare e continuano a farlo. Intanto che ci ipnotizzano con notizie taroccate e manipolate, si sentono liberi di fare tutto quello che vogliono, per mantenere i loro assurdi e vergognosi privilegi! Oltre che scrivere opinioni sui giornali, cosa possiamo fare in concreto per ripudiare questi delinquenti vestiti dalle feste? A volte si spera nell’opposizione, ma sembra una speranza vana, tanto sono fiacchi. Peccato…

Buon senso?

17.01|19:13

guarracino65

Come si può invocare il buon senso, quando un giudice e un ministro (Brunetta) giocano a chi la spara più grossa? E cosa ne pensa quell’altro bravo ex-ministro di Padoa-Schioppa? Si rende conto, adesso, di aver perso una buona occasione per star zitto!

Brunetta ancora una volta

17.01|19:06

jellyro

ci dimostra palesemente che i signori che siedono in Parlamento non hanno la benchè minima percezione di come viva il Paese reale, non quello che loro si illudono di conoscere. Oggi, se non ci fossero le famiglie (l’ Ammortizzatore sociale di ultima istanza), i giovani farebbero letteralmente la fame grazie alla Precarietà (pardon, la Flessibilità “buona”, ovviamente altrui) di cui Brunetta ed i suoi colleghi di poltrona sono da anni i fervidi sostenitori. Ed i risultati si vedono !!! Altro che fuori di casa, ve li mandiamo a casa vostra i nostri figli, a pranzo, cena e per la notte.

Il solito

17.01|18:38

Lettore_729715

A Brunetta mancano quelle qualità che rendono gli uomini politici degni di considerazione:la modestia, la riflessione, il rispetto per l’avversario, la capacità di rapportarsi con le persone. Il ministro, al contrario, crede di essere la persona più intelligente, più capace, più bella, più amata di tutto il Paese e, abbastanza spesso, questa convinta consapevolezza lo porta a dire delle sciocchezze. Brunetta confessa di essere stato un bamboccione e non facciamo alcuna fatica a crederlo, ma partire da questa affermazione per proporre una legge che prevede l’allontanamento coatto dei diciottenni dalla famiglia non vuol dire, come affettuosamente dice il suo collega Calderoli, farla fuori dal vaso, vuol dire che il Brunetta non ha ancora risolto i problemi con il suo passato. Non si spiegherebbe altrimenti questo accanimento nei confronti dei bamboccioni che, per la verità, penso che aumenteranno di numero visto la difficoltà, con i tempi che corrono, di trovare occupazione. Brunetta farebbe bene ad occuparsi di questo grande problema che affligge moltissimi giovani e si ripercuote sulle famiglie,ma affrontare i problemi seri non appartiene al suo stile.

ma

17.01|18:14

marcogiu

aveva collegato il cervello,prima di parlare?

un’ altra cosa

17.01|18:05

gattori1

mi piacerebbe che tutti non dico gli over 18 ma diciamo gli over 28 non avessero la famiglia dietro a sostenerli, e che andassero tutti a casa del pseudoeconomista ad abitare, sai che megalopoli ne verrebbe fuori

Sono arrivato a 30 anni che non ero capace di rifarmi il letto…

17.01|16:17

Eric

e i risultati si vedono….

Ma Brunetta…..

17.01|16:08

calimeros

Ma è mai possibile che dobbiamo leggere queste proposte di Brunetta in prima pagina? Ha tenuto conto di quelli che vanno all’università? A 18 anni, se tutto va bene, si è diplomati, ma il lavoro è ancora di là da venire. Nel frattempo che fa il ragazzo per mantenersi? Spaccia? Va a rubare? Per sua stessa ammissione, lui a 30 anni non sapeva farsi il letto; crede che i giovani d’oggi siano più svegli? Caro ministro, meglio parlare quando si ha qualcosa da dire e non per andare sulle prime pagine dei giornali.

Poveri noi

17.01|15:59

Lettore_712777

Brunetta, lei a 30 anni non si sapeva rifare il letto e lo va anche a raccontare in giro? Complimenti! Comunque la racconti giusta…lei non sa nemmeno adesso, figuriamoci fare il ministro. Visti i risultati di questo governo, secondo me molti, molti altri suoi colleghi erano nelle sue stesse condizioni… Ma la smetta di insultare l’intelligenza degli italiani, come pensa che possano campare i 18enni fuori di casa in un Paese dove fate di tutto per non farli entrare nel mondo del lavoro?

insopportabile

17.01|15:02

andalù

E’ sempre più insopportabile questo ministro, oltretutto in passato mi pare si sia autoproclamato come pretendente al Nobel per l’economia. Ha il complesso di superiorità come molti del governo attuale, se poi è vero che propone una legge per obbligare i figli ad uscire di casa allora è da camicia di forza. Lo sappiamo e solo una battuta, la verità è che ci sono nel governo attuale a cominciare da Berlusconi una serie di ministri incompetenti, presuntuosi che per sopperire alla loro inutilità ed inefficienza si permettono delle dichiarazioni demenziali. Hanno imparato bene a rimanere sulla cresta dell’onda dal loro capo, sparare cazzate ma essere sempre presenti alla attenzione del pubblico idiota che li vota. Mandiamoli a casa questi personaggi presuntuosi. E’ andato ad Hammamet per partecipare alla commemorazione dei dieci anni dalla morte di Bettino Craxi, uno che aveva fatto una fortuna con le tangenti, si vede che è un modo di far politica che Brunetta condivide. Poi viene a fare il moralista. Gianni

sempre colpa dei giovani, Ministro

17.01|15:02

HenryFly

beh ragazzi, credo che con questa affermazione il nostro ministro abbia davvero toccato il fondo. Ma ci rendiamo conto? una LEGGE CHE OBBLIGHI I FIGLI A USCIRE FUORI DI CASA AL COMPIMENTO DEI 18!! Guardi, signor ministro, che se i giovani a 30 anni sono ancora mantenuti, è colpa del lavoro che non c’è, degli affitti troppo alti e degli stipendi troppo bassi. Da che pulpito parla lei? Uno stato che non investe sui giovani non ha futuro! E lei li vuole sbattere fuori di casa? Ma si vergogni..

Un pollaio senza galli: tutte galline starnazzanti

17.01|15:02

gigica

Ma è mai possibile, mi chiedo, che ogni tanto salta fuori una gallina he annuncia di aver fatto un uovo più grande e migliore della sua collega? Riduzione Irpef: alleluja! Tutti convinti e contenti! 80 miliardi di gettito fiscale! Nessuno lo sa! Ma soprattutto nessuno sa o indica dove trovare la copertura! Il giorno dopo smentita: non si può fare! Altro annuncio (sempre dopo l’ora dell’aperitivo: riduzione Irpef a due aliquote: 23% e 33%. Ripeto: e la copertura? Nessuno lo sa! Il giorno dopo solita smentita! Ora tocca alla gallinella Brunetta: bamboccioni fuori casa a 18 anni! Per andare dove? In un’altra casa? E i mobili, l’affitto di casa o il costo della casa chi li paga? Calderoli già dice che Brunetta ha fatto la cachetta fuori dal vaso! Ha ragione! Domani aspetto la solita smentita. Ma dove siamo, in quale repubblica? Quella delle banane?

rimango allibito

17.01|14:36

maupisese

Di fronte a simili affermazioni, c’è da rimanere di sasso. non è che questa frase è stata detta al bar dello sport, dal signor pincopallo, ma da un ministro della repubblica italiana. Se questo agisce come ragiona, io mi domando, ma in quali mani siamo finiti? A parte il fatto che questa esternazione non è la prima che fa, altre volte ci ha deliziato delle sue mirabolanti performances, il guaio è che è in buona compagnia, di un migliaio di ministri se ne può salvare solo pochissimi, gli altri ogni giorno ci sfornano dei teatrini mediatici nei quali mostrano la loro sottocultura, a questo punto potrebbe fare il parlamentare pure il trippaio sotto casa. il colmo è che non se ne rendono neppure conto,visto l’abbondanza di presenze sui media nazionali e non. Ma siamo sicuri di meritarci simile persone? Non mi pronuncio con aggettivi più appropriati, per non essere bannato. ma giuro la rabbia è tanta che meriterebbero epiteti più appropriati, come quelli che a volte proprio loro ci propinano in tv.

Annunci

Informazioni su Jàdawin di Atheia

Nato a Milano nel 1954
Questa voce è stata pubblicata in Politica e Società e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...